Niobide

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Niobide ferita pruvenendu da i giardinu di Salluste, ver' di 440 av. G.-C., palazzu Massimu à e Termine

In a mitulugia greca, i Niobidi sò i zitelli d'Amfione è di Niobe, figliola di Tantale.[1] A so mamma s'era vantata di avè avutu più zitelli ch'è Leto, mamma d'Apollu è Artemidi, è i dui dii i massacronu di e so frecce.

Ripprisintazione artistiche[mudificà | edità a fonte]

A prima ripprisintazione cunnisciuta di u mitu hè un'anfura tirrenica di 560 av. G.-C. circa, ripprisintendu Apollu, Artemide è trè di e so vittime circhendu di fughje. A siconda hè quella di u Pittore di e Niobide : annantu à un grande crateru in caliciu à figure rosse datatu di 460-450 av. G.-C. mustrendu i dii cuppioli per mezu à e Niobide in fughjera o dighjà cascati sottu à i so tratti. A so cumpusizione particulare, induve i persunaghji sò scalinati à i livelli differenti, hà fattu pinsà chì a scena era inspirata di a grande pittura murale[2].

À l'epica ellinistica, u mitu diventa un sughjettu predilettu di i scultori.

In u 1960, Balthus, tandu direttore di l'Accademia di Francia à Roma, in a Villa Medici, rializeghja u Quatratu di e Niobide, funtana à parte si da ghjecci di statue antiche.

Arte[mudificà | edità a fonte]

Sarcofagu rumanu: Apollu è Artemide tumbendu i 14 zitelli di Niobe (faccia da davante). Artemide; 5 figliole incù una nutrice; figliolu minore incù un pedagogu; altri 3 figlioli; Apollu. In altu: Niobide mortei. 160-170 CE.

Per causa di a so apparizione in a mitulugia d'Apollu, i Niobidi masci è femine sò à spessu apparsi in l'arte classicu. Unu di i dui rilievi in avoriu aghjunti à e porte di u tempiu d'Apollu Palatinus in a so ricustruzzione d'Augustan ripprisintava a so morte. Sò dinù cunnisciuti di a scultura figurativa, chì parechji esempii si ne trovanu à u Palazzu Massimu à Roma è in u gruppu di Niobidi (cumpresu Niobe aggrundendu una di e so figliole) truvatu in Roma in u 1583 incù i luttadori è appurtatu à a Galleria di l'Offizii à Firenza in u 1775.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese è in inglese.
  2. Bernardu Holtzmann è Alain Pasquier, Storia di l'arte anticu : L'arte grecu, Scola di u Louvre, RMN & Documentazione francese, coll. " Manuali di a Scola di u Louvre ", 1998, 365 p., p.175.