Nadežda Mandel'štam

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Nadežda Mandel'štam

Nadežda Jakovlevna Mandel'štam (in russiu Надежда Яковлевна Мандельштам), nata Khazina, hè una scrittrice russia di u seculu XX (Saratov, 31 di uttrove di u 1899 - Mosca, 29 di dicembre di u 1980).[1]

Elementi biugrafichi[mudificà | edità a fonte]

Nata in una famiglia ghjudeia di a classa media, passa e so prime annate in Kiev. À a so esciuta di u ginnasiu, studieghja l'arti.

Sposa in u 1921 u pueta Ossip Mandelstam. Stanu in Ucraina, in Petrograd, in Mosca è in Georgia. Ossip hè arristatu in u 1934 per u so Epigrammu contru à Staline ed hè esiliatu incù a so cunsorte à Tcherdyne, in a rigione di Perm, po' in Voronej.

Dopu u sicondu arrestu è a morte di u so maritu in u campu di transitu di Vtoraïa Rechka (vicinu à Vladivostok) in u 1938, Nadežda Mandel'štam porta un modu di vita guasi nomade, fughjendu qualchì volta u NKVD un ghjornu nanzu, cambiendu di residenza à spessu è campendu da impieghi timpuranei.

S'hè fissatu cum'è missione a cunsirvazione di l'eredità puetica di u so maritu. Hà imparatu à mente a forza parte di a so opera perchè ùn facia micca cunfidenza à a carta.

Dopu a morte di Staline, ultimeghja u so dutturatu in u 1956 ed hè autorizata à rivene à Mosca in u 1958.

In u 1979, face daziu di tutte e so archivie à l'Università di Princeton. Nadežda Mandel'štam si ne more in Mosca u 29 di dicembre di u 1980 à l'età di 81 anni. Hè sutterrata à u nuvellu campusantu di Kountsevo.

Opere[mudificà | edità a fonte]

Nadežda Mandel'štam in u 1925

L'opere magiore di Nadežda Mandel'štam sò e so mimorie, publicati à l'iniziu in inglese sottu à i tituli di Hope Against Hope (Speranza contru à speranza) è Hope Abandoned (Speranza abbandunata) ('ssi tituli cuntenenu un ghjocu di parole annantu à u russiu, " speranza " si dicendu " nadejda " (lang-ru|надежда) in russiu, mentre chì u titulu originale hè simpliciamente Воспоминания " Ricordu "). Sò stati publicati in francese sottu à u titulu Contru à tutta speranza.

L'autore ci face un' analisi epica di a so vita è criticheghja a digradazione murale è culturale di l'Unione suvietica à parte si da l'annate 1920.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • “L'epoca e i lupi”, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1971 (in talianu)
  • “Le mie memorie”, Milano, Aldo Garzanti Editore, 1972 (in talianu)

Ligami[mudificà | edità a fonte]