Dionomachia

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

A Dionomachia hè stata scritta da Salvatore Viale. A serenata di Scappinu, chì face parte di a Dionomachia, hè cunsideratu com'è u prima testu litterariu scrittu in lingua corsa.

Strattu[mudificà | edità a fonte]

Eccu unu strattu di U serenatu di Scappinu (incù una scrittura più muderna):

O Spechju di e zitelle di la pieve,
O la miò chjara stella matuttina
Più bianca di lu brocciu è di la neve,
Più rossa di una rosa damaschina,
Più aspra di a cipolla, è di u stuppone
Più dura di una teppa, è di un pentone.
Tù m'hai strigatu: eu strughju à pocu à pocu,
Sò spitittatu, è à u core aghju gran' pena.
A notte ùn dormu, è nun ni trovu locu,
Cum'è manghjassi a nepitella à cena;
Lasciu andà le mio sciotte à gueru intornu
È ùn tessu mancu trè fattoghje à u ghjornu.

...

Vulentiere lascierie d'esse Scappinu,
Per esse u casacchinu, ch'eu ti dunai,
È stringhje lu to senu alabastrinu;
E or chi durmendu in lettu ti ne stai,
Oh fussi u cavizzale, o u cuscinettu,
O u lenzolu supranu d'u to lettu!

Ligami[mudificà | edità a fonte]


WikiLettera

'Ssu articulu hè in custruzzioni. Pudeti cuntribuiscia à a so redazzioni.