Camosciu d'Abruzzu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
U camosciu d’Abruzzu
MG 1143 camoscio sul marsicano.jpg
Rupicapra pyrenaica ornata
Classificazioni scentifica
Regnu Animalia
Divisioni Chordata
Classa Mammalia
Ordini Artiodactyla
Famiglia Bovidae
Genaru Rupicapra
Spezia Rupicapra pyrenaica
Nomu trinuminali
Rupicapra pyrenaica ornata
Neumann, 1899

U camosciu d'Abruzzu o camosciu appenninicu (Rupicapra pyrenaica ornata Neumann, 1899) hè un mammiferu biunghjatu di a sottufamiglia di i Capruni.[1]

Si tratta di una sottuspezia di camosciu ben distinta sia da quella alpina (Rupicapra rupicapra, à a quale un tempu sti animali eranu riuniti cum’è sottuspezie -R. rupicapra ornata-), chì da quella pirenaica (Rupicapra pyrenaica), à a quale tuttavia hè attribuita cu u rangu di sottuspezia.

Discrizzione[mudificà | edità a fonte]

Dimensione[mudificà | edità a fonte]

Misura fin’à 130 cm di lunghezza, pè un'altezza à a crucella chì sfiora l’80 cm. U pesu ùn hè mai superiore à u mezu cantaru. E femine anu perfine dimensione minò è forma più slanciata.

Aspettu[mudificà | edità a fonte]

Si differenzia da l’altre spezie di camosciu principalmente pè e corne, chì avendu dinù a caratteristica forma à ancinu sò assai più longhe (fin’à 30 cm è oltre, contru à i 20 cm di media di l’altre spezie) rispettu à quelle di l’altri camosci. E corne sò perenne cum’è in tutti i Buvidi, ossia ùn cadenu micca, è presente in tutti è dui i sessi.

U camosciu d'Abruzzu durante i mesi estivi presenta una culurazione russiccia incù e parte ventrale è a testa chì si attenuiscenu ind’è u giallastru, mentre durante l'invernu u mantellu estivu muta pè lascià a piazza à l’assu invernale, più longu è foltu è di culore brunu-nirastru nant’à u spinu, coda, ventre è zampe, mentre u pusteriore, u musu, a fronte è l'area chì va da e guance à e spalle sò di culore giallastru. Sia d'estate chì d'invernu u camosciu d'Abruzzu presenta una caratteristica fascia di pelu oscuru chì ricopre l’ochji à mò di mascarina è di una machja chjampida nant’à a gola, accumpagnata da una fascia di culore brunu longu u collu: tali ornamenti sò esclusivi di sti animali è annutata da Oscar Neumann osservendu un esemplare imbalsamatu vicinu à u museiu civicu di Genuva. Da sta fascia deriva u nome scientificu di a sottuspezia.

Brancu di femine è giovani nant’à u massicciu di a Camusciara

Grazie à questi ornamenti, u camosciu d'Abruzzu è statu definitu "u camosciu più bellu di u mondu".

Biulugia[mudificà | edità a fonte]

Si tratta di animali piuttostu timidi, chì campanu isulati (i maschji) o in gruppi monosessuali incù i chjuchi (e femine). Saltanu cun apparente nuncarenza attraversu traconi è crepe prufundissimi pè truvà u cibu longu e lastre sciappalesche semiverticale. In casu di periculu, fughjenu à grandi salti, ma messi si à distanza di sicurità si giranu spinti da a curiosità pè spià l'aggressore: tale abitudine hè stata a so ruina ind’è i tempi passati è in parte dinù avà, poiché fermendu si pè girassi à guardà u cacciadore o u cacciadore fora di lege chì u vole culpì, l'animale ùn fa micca altru chì espone si cum’è ottimu bersaghju pè u so fucile.

Alimentazione[mudificà | edità a fonte]

Durante l'estate, i camosci si nutriscenu pè u più di erbe, in particulare e femine predilegenu u Festucu-Trifulietum thalii pè a so ricchezza in pruteine, necessarie pè l'allevu di a figliulanza. Durante l'invernu, invece, elli si accuntentanu di marmuzzi, licheni è gemme d'arburi.

Ripruduzzione[mudificà | edità a fonte]

I maschji, nurmalmente sulitarii, rompenu u so isulamentu in autunnu (di solitu versu a metà di ottobre), quandu cumincia u periodu estrale di e femine. Pè prende si u dirittu à l'accuppiamentu, i vari maschji chì si riuniscenu attornu à un gruppu di femine in calore lottanu di manera assai feroce, aspessu procurendu si ferite ancu grave.

A gestazione dura circa sei mesi, à u termine di i quali (di norma à u principiu di ghjugnu) a femina si alluntana da u gruppu pè parturì un unicu figliolu in un locu appartatu. I chjuchi sò assai precoci è nascenu ben ricuperti di pelu è incù l’ochji aperti, mentre sò in gradu di camminà digià qualchì ora dopu a nascita. A so crescita hè piuttostu veloce, grazie à u latte maternu riccu di pruteine, è in l’arcu di un annu i chjuchi raghjunghjenu l'indipendenza: à stu puntu i maschji lascianu u gruppu pè riunissi in gruppi monosessuali incù altri giovani maschji finu à u terzu annu di vita, quandu diventeranu animali sulitarii, mentre e femine tendenu à restà ind’è u gruppu natiu dinù dopu l'indipendenza.

Distribuzione[mudificà | edità a fonte]

Cum’è si pò capì da u nome cumunu di sti animali, si tratta di animali endemichi di l'area appenninica centrale: in particulare, a spezia campa quasi esclusivamente in Abruzzu, incù una pupulazione originaria ind’è u Parcu naziunale di Abruzzu, Laziu è Mulise (gruppi muntagnoli di a Camusciara è di a Meta, frà Opi, Civitella Alfedena è Settefrati) da a quale sò poi stati fatti prelievi di esemplari da impiegà ind’è u settore di i prugetti di intruduzzione (peraltru perfettamente riusciti) chì anu interessatu u Parcu naziunale di a Majella (27 individui intrudotti frà u 1991 è u 1997) è u Parcu naziunale di u Gran Sassu è Monti di a Laga (30 individui intrudotti frà u 1990 è u 1999[2]).

In relazione à u bonu ripupulamentu di l’aree citate prima, da u 2008 a spezia hè stata intrudotta cun successu dinù ind’è u Parcu naziunale di i Monti Sibillini è hè in fasa di intruduzzione ind’è u Parcu naturale regiunale Sirente-Velinu, duve i primi individui sò stati pè u mumentu posti ind’è l'area faunistica di Rovere.

L’areale di distribuzione di u camosciu appenninicu un tempu era assai più estesu: acchjudia l’Appenninu centru meridiunale, da i Monti Sibillini finu à i Monti del Pullinu. L'habitat naturale di u camosciu d'Abruzzu è custituitu da l’aree muntagnole caratterizate da l'alternanza di parete sciappalesche ripide, prati alpini è aree buschive incù un riccu sottuboscu. Durante l'invernu, pè fà fronte à a scarsia di cibu duvuta à l’abbundante nivicate, e femine è i giovani tendonu à spustà si à altezze minò (dinù sott’à i 1000 m), mentre i maschji adulti parenu preferì l’aree buscose è sciappalesche durante tuttu l'annu[3].

Cunservazione[mudificà | edità a fonte]

U camosciu appenninicu hà risicatu l'estinzione più volte trà XIX è XX seculu, à causa di e cuntinue tumbere seguitate à l'abulizione di a Riserva reale dell'Alta Val di Sangru. Trà a fine di u 1912 è u principiu di u 1913, grazie à l’interessamentu di u deputatu Erminiu Sipari, di u butanicu Petru Rumualdu Pirotta è di u zoologu Lisandru Ghigi, u ministru di l'Agricultura di l’epuca Francescu Saveriu Nitti sottupose à a firma di u Rè un speziale decretu pè l’interdizzione di caccia à i camosci, u primu di u generu in Italia, à u scopu di prutege u «rarissimu è endemicu Camosciu di l'Abruzzu». Immediatamente esecutivu, u Decretu Reale 9 ghjennaghju 1913, n. 11 fù cunvertitu incù a Lege 11 maghju 1913, n. 433[4].

In u 2015 a pupulazione di u Camosciu d'Abruzzu hà raghjuntu i 2700 esemplarii incù un aumentu di a pupulazione paru à u 45% rispettu à u 2014:

U camosciu appenninicu - cunsistenza
Area Numeru di esemplari Annu stima Tendenza Annu riintruduzzione
Parcu naziunale di Abruzzu, Laziu è Mulise è a so Zona di Prutezzione Esterna circa 600 2017 stabile
Parcu naziunale di a Majella circa 1000 2017 stabile 1991
Parcu naziunale di u Gran Sassu è Monti di a Laga circa 1000 2018 in aumentu 1992
Parcu naziunale di i Monti Sibillini oltre 150 2018 in aumentu 2008
Parcu naturale regiunale Sirente-Velinu circa 50 2018 in aumentu 2013
Lama di i Peligni, duve sorge u centru naturalisticu Mauriziu Locati pè a cunservazione di u camosciu

À Lama di i Peligni è à Civitella Alfedena anu sede i centri naturalistichi di u Museiu naturalisticu archeologicu Mauriziu Locati è u parcu museiu di a Camusciara.

In u territoriu di Opi oltre à u museiu di u camosciu hè stata allestita un'area faunistica lucalizata in circa 20 ettari di u monte Marsicanu.

Malgradu l'aumentu numericu, a spezia ùn hè micca esente di u risicu d’estinzione in quantu e pupulazione restanu isulate è di numeru ridottu, cosa chì determina un pool geneticu assai ristrettu.

À u statu attuale, a legislazione taliana in materia di caccia (Lege 157 di l'11 ferraghju 1992), definisce a spezia particularmente prutetta è punisce assai severamente à livellu penale a tumbera, a cattura è a detenzione di a spezia. Ella prevede l'arrestu da 3 mesi à un annu è un'ammenda da 1032 euro à 6195 euro, oltre chì a rivucazione di a licenza di caccia è interdizzione di rilasciu pè 10 anni, interdizzione chì diventa permanente in casu di recidiva.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruveni in parti da l'articulu currispundenti di a wikipedia in talianu.
  2. Il Camoscio appenninico, gransassolagapark.it. URL consultato il 23 agosto 2016.
  3. Spagnesi M., De Marinis A.M. (a cura di), Mammiferi d'Italia - Quad. Cons. Natura n.14, 2002
  4. À u centenariu di a lege di salvaguardia di u camosciu d'Abruzzu hè statu dedicatu u numeru 18/2003 (numero online) di «Natura protetta», periodicu istituziunale di u Parcu naziunale di Abruzzu, Laziu è Mulise, incù articuli di G. Rossi, D. Febbo, Lurenzu Arnone Sipari, M. Mancini e S. Lovari.

Bibliografia[mudificà | edità a fonte]

  • Bruno D'Amicis, Ornata. Il camoscio più bello del mondo, Darwin, Roma 2011
  • Lorenzo Camerano, Ricerche intorno ai camosci, estratto, Bocca, Turinu 1915
  • Alessandro Ghigi, Ricerche faunistiche e sistematiche sui mammiferi d'Italia che formano oggetto di caccia, estrattu, Pavia 1911
  • Sandro Lovari, Il popolo delle rocce, Rizzoli, Milanu 1984
  • Oscar Neumann, Die Gemse der Abruzzen, in «Annali del Museo Civico di Storia Naturale di Genova», serie II (1899), vol. XX, pp. 347 ss.
  • Luigi Piccioni, Il volto amato della Patria. Il primo movimento per la protezione della natura in Italia, 1880-1934, (L'uomo e l'ambiente, 1999), Università di i Studii di Camerinu, Camerinu 1999, p. 202.
  • Erminiu Sipari, Relazione del Presidente del Direttorio Provvisorio dell'Ente autonomo del Parco nazionale d'Abruzzo alla Commissione amministratrice dell'Ente stesso, nominata con Regio decreto 25 marzo 1923, Maiella, Tivuli 1926, pp. 30–4
  • Ente Parco Nazionale della Majella (Organismu di u Parcu Naziunale di a Majella), Piano di conservazione Post-LIFE, 2014

Ligami[mudificà | edità a fonte]