Ave Maria (Ghjacumu Santu Versini)

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

Ave Maria hè una puesia di l'autore è pueta in lingua corsa Ghjacumu Santu Versini (1867-1922), dettu Buscagliolu. Hè stata publicata in a rivista aiaccina "L'Eveil" in u 1922:

U sole ch'ind'un nulu rossu s'adrumenta
Quaghjò, daret'à e sarre pitricose è monde,
Cum'è spechji face ciattulà l'onde,
È d'oru frisginga sempre, quassù in a penta.


Ancu un basgiu di u mare a lumirona hè spenta.
È senz'aliti l'ombra ch'ingutuppa e fronde,
Si spartanu l'uchjoni di e stillucce bionde;
A luna ch'hè scarnita fughje è si trapenta.


Quand'ellu sbarsa di pace u fiuminale
Una voce d'argentu in aria sona è canta...
U pasturellu impunta è preca à u so mutale.


Ùn sò s'è in le ciccone, è quandi a ghjente more,
A campana hè voce di Diu, voce santa,
Ma sò chì l'Ave Maria m'aisa u core.

Referenze[mudificà | edità a fonte]

  • Ceccaldi, Matteiu (1976) Antulugia di a litteratura corsa - Anthologie de la littérature corse, Klincksieck: Paris