A Valetta

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

A Valetta (in maltese Il-Belt Valletta o più simpliciamente Valletta) distinta da u titulu di Città Umilissima, hè a capitale di a Ripublica di Malta.[1]

Situata annantu à a costa nordestu di l'isula di Malta, pupulata da circa 6600 abitanti, hè u locu d'un cunsigliu municipale (Kunsill Lokali) cumpresu in a rigione (Reġjun) Nofsinhar.

A Valetta hè custruita à parte si da u 1566 da a vulintà di i grandi maestri di l'ordine ospitalieru di San Ghjuvanni di Gerusalemma, maestri di l'arcipelagu da 1530 à 1798. A cità cumporta numerosi palazzi di quell'epica : ci si ricensa 320 munimenti annantu à una superficia di 55 ettari, un cuncintramentu eccezziunale in u mondu. A cità hè iscritta annantu à a lista di u patrimoniu mundiale di l'umanità (lista di l'UNESCO) dapoi 1980 è serà capitale europea di a cultura in u 2018.

Tuponimia[mudificà | edità a fonte]

L'attuale capitale di Malta porta u nome di u so fundatore, u francese Jean de Valette (1494-1568), grande maestru di l'ordine di San Ghjuvanni di Gerusalemma da 1557 à a so morte. U nome di a nuvella cità era tandu : Humilissima Civitas Vallettae, vene à dì "cità assai umile di A Valetta". 'Ssu nome hè firmatu in a distinzione. Certe cità di Malta sò distinte in funzione di u so passatu storicu da u qualificativu di Ċittà.

L'abitanti di e campagne a cugnumavanu Il-Belt (a cità), formulazione chì s'hè cunsirvata in u nome officiale di a capitale maltesa : Il-Belt Valletta. Era chjamata cusì chì era veramente un'agglumerazione rispettu à altre entità abitate da l'arcipelagu, chì ùn eranu ch'è paesi.

Storia[mudificà | edità a fonte]

A criazione d'una furtificazione annantu à a penisula di Xiberras hè pruspettata da l'installazione di l'Ordine di San Ghjuvanni di Gerusalemma in Malta, in u 1530. Uni belli pochi di prugettu sò pruspettati, ma sola a custruzzione di u Sant' Elmu hè rializata prima di l'attaccu di 1565, chì fiasca dopu à trè mesi di sediu.

In seguitu à stu avvenimentu, i soldi ghjunghjenu à l'ingrossu da e corte cristiane europee è l'Ospitalieri facenu custruisce vicinu à u forte Sant' Elmu è di u Castell'Amare (Birgu) una nuvella cità furtificata chì piglierà u nome di u so iniziadore Jean Parisot de La Valette.

Municipalità[mudificà | edità a fonte]

U merre di A Valetta hè u Duttore Alexiei Dingli, membru di u Partitu naziunalistu, chì hè magiuritariu à u Cunsigliu di a Cità.

Situazione è tupugrafia[mudificà | edità a fonte]

Ripprisintazione in 3D di e cale di A Valetta.

A cità hè architettata annantu à a costa nordestu di l'isula di Malta, annantu à a penisula di Xiberras. À l'origine una longa fascia di terra furmendu un altupianu induve culminava à una sissantina di metri u munticellu Xiberras, chì hà datu u so nome à a penisula. Cinque wied (valle secca) avianu intagliatu l'altupianu strettu falendu prestu versu u mare.

A penisula hè circundata da duie cale naturale cumpurtendu parechje spiaghje : u Marsamxett Harbour à u nordu, è u grande Harbour à u sudu. A punta di a penisula, à livante, hè occupata da u forte Sant' Elmu è A Valetta s'apre à punente da a City Gate annantu à a piazza di i Tritoni in Floriana.

Trasporti[mudificà | edità a fonte]

A Valetta hè culligata à l'Aeruportu internaziunale di Malta, chì hè situatu à ottu chilomitri à u Sudu di a cità.

Persunaghji impurtanti[mudificà | edità a fonte]

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • Nicoletta Marconi (dir.), Valletta : città, architettura e costruzione sotto ellu segno della fede e della guerra, (atti di u culloquiu internaziunale di A Valetta, ghjugnu di u 2006), Roma, Libreria dello Stato, 2011
  • Modernist Malta : the architittonicu legacy (catalogu di a mostra tenuta à A Valetta, ghjennaghju-febbraiu 2009), Gzira (Malta), Kamra tal-Periti, 2009 (in inglese)
  • Brian W. Blouet, The Story of Valletta : a Companion to the City, Valletta, Allied Publicazione, 2009 (in inglese)
  • Alfie Guillaumier, Bliet u Rħula Maltin (Cità è paesi maltesi), Malta, Klabb Kotba Maltin, 2005 (in maltese)

Ligami esterni[mudificà | edità a fonte]