Procusti

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Teseiu è Procusti, anfura attica à ceramica à figuri rossi, 470 a.C.–460 a.C., da Nola, cunsirvata à u Staatliche Antikensammlungen

In a mitulugia greca classica Procusti (o Procuste) (da u tarmini grecu Προκρούστης, Prokroustês, chì significheghja "u stiradori"; Procrustes in latinu) hè u sopranomu di un briganti grecu di nomu Damasti (o ancu Polipèmoni) chì, impustatu annantu à u monti Coridaddu, in l'Attica, longu a via sacra trà Eleusi è Atena, agrissava i viandanti è i straziava battendu li incù un marteddu annantu à un'alcudina à forma di lettu scavata in a roccia o metallica. I disgraziati erani infatti stirati à forza s'eddi erani troppi corti, o amputati in casu mai ch'eddi dipassavani da u lettu. Ulteriori intarpritazioni di u mitu (chì divintarani preduminanti) affirmavani inveci chì Damasti pussidissi dui letti, unu moltu cortu è unu moltu longu: turmintava è uccidia i viandanti stirendu quiddi di bassa statura annantu à u lettu longu è amputendu i membra di quiddi d'alta statura avanzanti da u lettu cortu. Damasti fù scunfittu è uccisu da Teseiu chì u scuntrò mentri ch'eddu si ricava da Atena à Trezeni; u custrinsi à listessu suppliziu ch'eddu impunia à i so vittimi. Incù a locuzioni "lettu di Procusti" o "lettu di Damasti", dirivata da stu mitu, s'indicheghja u tentativu di riducia i personi à un solu mudeddu, un solu modu di pinsà è di agiscia, o più genericamenti una situazioni difficiuli è intullarabili o una cundizioni di spiritu turmintosa.

Da veda[mudificà | edità a fonte]