Orlando Furioso

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Scena di u puema illustrata da Gustave Doré.

L' Orlandu furiosu hè un puema cavaddarescu di Ludovico Ariosto pubblicatu in a so edizioni difinitiva in u 1532. U puema, cumpostu da 46 canti in uttavi (38.736 versi in tutali), ghjira intornu à u parsunaghju d'Orlandu, à u quali hè didicatu u titulu, è à numarosi altri parsunaghji. L'opara, ripigliendu a tradizioni di u ciclu carulingiu è in parti di u ciclu britonu, si poni com'è à cuntinuazioni di l'incumpiitu Orlandu innamuratu di Matteu Maria Boiardo. Carattaristica fundamintali di l'opara hè u cuntinuu intrecciu di i vicendi di i parechji parsunaghji chì vani à custituiscia multiplici fili narrativi (sicondu a tecnica di l'intricciatura, eredità di u rumanzu mediivali), tutti armunicamenti tissuti insemu. A trama hè cunvinziunalamenti riassunta intornu à trè vicendi principali, emblemi ancu di a soprappusizioni in u puema di parechji genari litterarii: in prima a linia epica di a guerra trà musulmani è cristiani chì faci da sfondu à l'intreia narrazioni è si cuncludi incù a vittoria cristiana in seguitu à u scontru trà l'eroi avvirsarii. A vicenda amurosa s'incentra inveci annantu à a biddissima Angelica, in fuga da numarosi spasimanti, trà i quali u paladinu Orlandu, di u quali fù dapoi i primi uttavi priannunciata a pazzia, purtendu à l'estremu a diminsioni di u cavalieri cristianu di a Chanson di gesti vutatu à a fedi. L'inchiesti di i varii cavalieri par cunquistà Angelica si rivelani tutti vani, da u mumentu chì (prima di escia difinitivamenti da u puema in u XXIXu cantu, par ghjunta à testa inghjò nantu à a rena) a donna spusarà u musulmanu Midoru incausendu l'ira è a cunsiguenti pazzia d'Orlandu è di l'altri cavalieri. U terzu mutivu, quiddu encumiasticu o cilibrativu (annantu à u quali parsistini eppuri à l'internu di u puema una seria d'ombri), cunsisti in i peripezii chì portani à a rialisazioni di l'amori trà Rugeru, cavalieri paganu eredi di u troianu Ettori, è Bradamanti, guerriera cristiana, chì riisciarani à cunghjunghja si solu dopu à a cunvirsioni di Rugeru à u tarmini di a guerra: da st' unioni discindarà infatti a Casa d'Esti.

Cumpusizioni di l'opara[mudificà | edità a fonte]

Ruggiero cavalchendu l'ippugriffu, salva Angelica da u mostru marinu: dipintu di l'artista Jean Auguste Dominique Ingres, 1819, Parigi, Museiu di u Louvre.

I vicendi di Orlandu è di i paladini di Carlu Magnu erani dighjà moltu noti à a corti estensi di Ferrara grazia à l'Orlandu innamuratu di Matteu Maria Boiardo quandu l'intillettuali curtigianu Ariostu cumencia à scriva u novu rumanzu intornu à u 1505. U puema, puri essendu cuncipitu com'è una cuntinuazioni di l'Orlandu Innamuratu di Boiardo, ùn fù mai riduttu à veru è probbiu seguitu di u puema buiardescu: dimustrazioni di quista mancanza di cumplittezza hè u fattu chì, com'è ghjustamenti faci nutà annantu à u "finali epicu" Albertu Casadei, Ariostu ùn purtò à tarmini tutti i nuclei narrativi aparti da Boiardo. Ancu a scelta di Angelica com'è puntu di partenza di u Furiosu ùn era in quistu sensu evidenti: Boiardo avia finitu par privilighjà l' "armi" à l' "amori" è, in u prugrissivu snudamentu di i vicendi epichi, avia finitu par trascurà Angelica par gran' parti di u sicondu libru è par i novi canti di u terzu. À a libartà d'Ariostu in a rilazioni incù a so fonti principali currispondi ancu l'apartura di un puema chì ùn si chjudi mai cumplittamenti: u dueddu finali trà Rugeru è Rudumonti, indubbiu innalzamentu epicu di a vicenda, lascia ancu in u littori un'imprissioni di incumplittezza è di insuddisfazioni chì hè stata ben evidinziata da L. Caretti. Cumpiitezza mancata di u quali sò rapprisintazioni fideli ancu a prufonda ambiguità di l'autori, a pirenna uscillazioni trà l' "armi" è l' "amori" (trà l'epos è u rumanzu) è a diminsioni incumpletta di i cavalieri nantu à a scena di a quali hè imaghjina emblimatica a prisintazioni in u prima cantu: di Orlandu fù innanzi tuttu evucata a pazzia; Rinaldu intrarà in scena suvitendu à pedi u so cavaddu; Ferraù impignatu à ripiscà un elmu smarritu in l'acqua; Sacripanti rimpiinghjendu a virghjinità di Angelica è difiniscendu u so amori com'è un insemu di pulsioni primatistichi è matirialistichi, scunfittu immediatamenti à u passaghju un cavalieri senza idantità. Dapoi a quadripartizioni iniziali (i donni/i cavalieri/l'armi/l'amori) a trama si sviluppa evuchendu un tempu miticu rimpientu da l'autori annantu à u quali sfondu si prughjetta a guerra trà pagani è cristiani. Quadripartizioni chì hè ancu dinuncia di appartinenza à un sistema di litteratura, è fusioni di i cicli epichi ("l' armi") mediivali è di a diminsioni amurosa di i rumanzi, in sta fideli ripresa di u matiriali buiardescu. A materia cavaddaresca, i loca è i parsunaghji principali sò listessi, ma l'elaburazioni di tutti l'elementi rispondi à una ricerca litteraria moltu più prufonda. I parsunaghji acquistani una diminsioni psiculogica putenti, u racontu diventa un insemu urganicu di vicendi intricciati in un'architittura di grandiosa cumplissità, un cuntinuu tentativu d'abbraccià l'infinità mutevuli di i parcorsi di i parsunaghji. U Furiosu si prisenta cusì com'è opara simbulu di un sistema, quiddu curtigianu è rinascimintali, probbiu à u mumentu di a so crisi: u sguardu à daretu è u tonu nustalgicu di l'incipit rivela (parallilamenti à u Curtigianu di Castiglioni) dighjà un rimpientu par una civiltà à u tramontu, divastata da l'incursioni stranieri è currotta da a seti di dinaru è da l'avidità. Piinamenti insirita in u dibattitu culturali di l'ebbica, l'opara ariustesca acquista ufficialamenti u scettru di u prima puema in una lingua chì pò cunsidarà si "taliana", probbiu à seguitu di a rivisioni di u Bembo, chì in u 1525 - ùn à casu trà i dui ultimi edizioni di u Furiosu - avia pruduttu i Prosi di a lingua vulgari.

Prima edizioni di l'opara[mudificà | edità a fonte]

S'aghjunghji dinò a diminsioni di un'opara litteraria pinsata è curata par a pubblicazioni à stampa, volta cusì à a diffusioni versu un pubblicu più vastu: in quistu sensu, è in molti altri dinò, si pò parlà di a prima grandi opara di litteratura muderna in a cultura uccidintali.

Da veda dinò[mudificà | edità a fonte]

Fonti[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia taliana.