Emuzione

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca

L'emuzione pò definì si com'è una sequenza di cambiamenti di statu chì interviene in cinque sistemi organichi (cognitivu, neurofisiologicu, moture, motivazionali, consigliu), in modu interdipendente è sincronizzatu in risposta à a valutazione di a partinenza di unu stimolu esternu o internu rispettu à un interesse centrali par l'organismo.

La definizione di ogni entità psiculogica rappresenta abitualmente di i difficultà di dimensione, ed u concettu di emuzione hè lontanu da fà eccezione à a regola. Un problema particulare in a questione di a definizione di l'emuzione viene par u fattu chì, spessu, i enunciatu si riferisconu solamente à un aspettu di l'emuzione. Infatti, u concettu di emuzione hè utilizzatu in modu differente da seconda chì hè consideratu in riferimentu à l'aspettu stimolu, à l'esparienza parsonali, à una fase di un processu, à una variabili intermedia o à una risposta.

Un altru problema chì nuoce à i progressi versu una migliuri precisione in a definizione di l'emuzione riguarda a lingua par a quali a si esprime. Infatti, a lingua di ogni è a lingua scientifica non riguardanu i stessi obiettivi. Inoltre, attualmente i progressi scientifichi in istu setture non offronu di migliuri terminologia.

Alcuni autori, tuttavia, hannu fattu osservà chì pò esse proficuo non ave definizioni troppu rigorose di "l'emuzione", tenutu contu di a fase di sviluppu di istu setture. Infatti, una definizione precisa avrebbe par conseguenza di alzare frontiere frà i fenomeni. Si prenderebbe cusì u rischiu di esclude dall'analisi di i aspetti chì potrebbero ancora rivelà si essenziali à a cumprensione di l'insieme di u processu.

L'emuzioni à traversu una prospettiva evoluzionista[mudificà | edità a fonte]

A corrente evoluzionista, in psiculogia di l'emuzioni, hà a so origine in i lavori di Charles Darwin è di a publicazione di u so libru: The expression of the emotions in Man and Animals in 1872 (Darwin 2001). Va à discriverli com'è innate, universali è cumunicative.

L'emuzioni sò un'eredità di i nostri antenati. Conviene allora chiede si parché è com'è si sò sviluppate progressivamente. Com'è u richiamu Orians è Heerwagen (1992), à l'epoca di i cacciatori-racoglitori, i omini dovevanu muove si costantemente par trovà di chì cosa nutrì si. Questi spostamenti li confrontavanu à i fenomeni inattesi (cambiamenti climatichi, predatori, è cusì via) chiedendu una risposta adattativa pronta. Conformemente à Tobby è Cosmides (1990), l'emuzioni vannu dunque à sviluppà si com'è risposta à differenti insiemi di situazioni ricorrenti. À ciò, si pò aghjunghje u primu principiu di Darwin, par spiegà com'è una reazione à l'iniziu volontaria va, col passà di i ghjenerazioni, divintà innatu è riflessu.

Un'altra particularità di l'emuzioni hè a so espressione, facciali è vocali. In un libru dedicatu à Darwin (Ekman, 1973), i ricerche presentate, chì riguardanu i espressioni facciali, confermanu a so ipotesi annatu à a loru utilità cumunicativa. Ekman dirà ancu chì: "l'espressione facciali hè u parnu di a cumunicazione frà omini" (Rimé è Scherer, 1989). Infatti, sape lira annatu à u visu facilita i nostre relazioni sociali; d'altra parte un'interpretazione erronea di una mimica facciali pò farci adottà un cumportamentu non adeguatu à a situazione. Par esempiu, da i scimmie, quandu un maschiu dominante caccia un altru maschiu è chì istu ultimu fa una boccaccia (espressione di paura), u maschiu dominante smetterà di cacciarlu. À u contrariu, se u maschiu chì domina fa a stessa boccaccia, si attende chì u maschiu subordinatu venga à baciarlu. In istu sensu, l'espressione facciali parmette di informà l'autru di i nostre intenzioni ma ancu di u cumportamentu chì si attende da lui.

Infine, l'ultimu principiu di Darwin va à stabilì u legame frà emuzione è sistema nervosi. Purtroppu, resterà soltantu moltu discrittivu in issu argomentu è bisognerà attende a teoria di u fisiologu Walter Canon, in i anni 1920, par rimette u sistema nervosu à u centru di l'emuzioni (Canon, 1927).

Emuzioni[mudificà | edità a fonte]