Ziu Mattè

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

Ziu Mattè hè una puesia di Petru Lucciana, dettu Vattelapesca (1832-1909). 'Ssa puesia hè stata publicata prima in L'Annu Corsu, in u 1925 (pagina 140).

Ziu Mattè[mudificà | edità a fonte]

Vechju u cunnobbi, pallidu è magrettu,
Cù un surrisucciu mestu è rassignatu
Ch'ùn lu lasciò nemmenu quandu in lettu
Fù per l'ultimu sonnu apparichjatu ;
È avà ch'è vechju anch'eo sò cume tè,
Capiscu u to surrisu, o ziù Mattè.
Ellu esprimia di a vita u sognu vanu,
Di a ghjuventù fallita ogni speranza,
U tempu persu ne u circa luntanu
U bè ch'è à noi vicinu spessu hà stanza;
Ma ci era puru a gioia d'ùn avè
Mai fattu male à nimu, o ziù Mattè.
In vechjaia u to scialu, u to sguvernu
Era manghjà ti un sollu d'arustite
In campagna a dumenica d'invernu,
D'estate pane è frutta ; ma, cundite
'Sse pitanze di vin' di Belgudè
Ti parianu sciurbetti, o ziù Mattè.
Fogli di libri vechji o di u ghjurnale
Duv'era statu involtu u to tabaccu
Leghjii dopu fumendu e to sigale,
È à pocu à pocu, dolcemente straccu,
T'adurmintavi sopra; è 'ssu piacè
Suspiravi ottu ghjorni, o ziù Mattè !
Sì mortu ! È avà ch'è forse vedi chjaru
Nu e miserie di i grandi di stu mondu,
Truverai ch'è u destinu ùn ti fù avaru
Di gioie più ch'è à l'altri; ch'è se, in fondu,
Chì si cuntenta gode, cume tè
Pochi furnu felici, o ziù Mattè.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]