Voceru di una Zuccarelli

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

U Voceru di una Zuccarelli per l'umicidiu di u babbu hè un voceru anticu di Corsica. Issu voceru hè mintuvatu in i Canti populari corsi di Salvatore Viale (1855). Una figliola canta per u so babbu assassinatu, chì si chjamava Matteiu.

U voceru[mudificà | edità a fonte]

Eiu partu da le Calanche
Circa quattr'ore di notte,
Mi ne falgu cù la deda
A circà per tutte l'orte
Per truvà lu lu mio babbu:
Ma li avianu datu morte.


Scontra una persona à la ricerca d'un cadaveru è li dice:

Cullate vi ne più in sù
Chi truvarete a Matteiu;
Perchè questu hè lu miò babbu
È l'aghju da pienghje eiu.


Via, pigliate mi u scuzzale
La cazzola è lu martellu.
Nun ci vulete andà, babbu
À travaglià à San Marcellu?...
Tombu m'hanu, lu mio babbu
È feritu u mio fratellu.


Or circate mi e trisore
È quì prestu ne venite:
Vogliu tonde mi i capelli
Per tuppà li le ferite;
Chì di lu sangue di babbu
N'aghju carcu le mio dite.


Di lu vostru sangue, o babbu
Vogliu tinghje mi un mandile;
Lu mi vogliu mette à collu
Quandu averaghju oziu di ride.


Eiu collu per le Calanche
Falgu per la Santa Croce
Sempre chjamendu vi, babbu:
Rispundite mi una voce.
Mi l'hanu crucifissatu
Cum'è Ghjesù Cristu in croce.

Referenze[mudificà | edità a fonte]