Voceru di Carlu Dumenicu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

U voceru di Carlu Dumenicu si trova in Edith Southwell-Colucci in Canti Popolari Corsi, Livorno, 1933.

improvisatu da a mama di Carlu Domenicu, ucciso in I Perelli d'Alisgiani. Dettu da Adelaide Vinciguerra di Chiatra di Verde in lu 1928 e da Lucia Paolacci di Vivario, in 1930).

Ghiuntu è Paolu Francescu/ E t'invita alli migliacci/ E tu caru dilla mamma/ Fusti prontu pe' falaci/ Ghiuntu in fundu alli chiassi/ T'avianu tesi li lacci.//

Quandu n'intesi lu golpu/ Corsi nantu lu scalone, / Tu cullavi pe' lu chiassu/ Gridendu « Cunfessione » / Di mamma, o Carlu Dumè,/ 0 lu mi spegne- fucone //

Eri sera u piuvanu/ Lu mi cherse pe' piace/ Che tu un surtisse fora/, Di mamma, o Carlu Dumè,/ Che le balle e lu piombu/ Ieranu pronti pe te.//

Averianu lu córragiu/ Di vultà le spalle a me?/ Arritu, o Carlu Dumè,/ Ch'èmù di andà in Cerbione,/ Cumprà una carabina/ N'a buté'a (5) dei Mannoni/ E pe me mi porterai/ Un vestita senza fioroni./

Arritu, o Carlu Dumè / Che lu nun è tempu di dorme,/ Pe avè tumbat' (6) a te,/ Nun s'hannu cacciata corne, / Che si troverannu sempre/ Prest'e fate e so' donne./

A quale l'hai legatu/ A vigna di e Mezzane?/ A casa di li Perelli/ Tutt'accinta di persiane?/ 0 Carlu Dumè di mamma,/ Che si serranu istamane//

Auà colla la cola/ E colla a Cerbione/ A mettità so candele/ Qualche altru torche e cironi/ Di mamma, o Carlu Dumè / Le pagherannu in palloni.//

La metà di lu casale/ Eo la ci 'ogliu iocà/ Pe polvere, per chertucci,/ Pe fati bendicà,/ Di mamma, o Carlu Dumè,/ Bai pure, e nun ci pensà./

Un vogliu più sente nunda/ Un vogliu più sente cunsigli/ Ma è che auà so becchia,/ E mi trovu indi perigli./ 0 sorte, che stai a fà?/ 0 Morte, che nun mi pigli?/