Venera

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Vènera

Venera (o Venere) hè a siconda pianeta di u Sistemu sulariu in ordini di distanza da u Soli incù un' orbita guasi circulari chì a porta à compia una rivuluzioni in 224,7 ghjorni terrestri. Piglia u nomu di a dea rumana di l'amori è di a biddezza è u so simbulu astrunomicu hè a ripprisintazioni stilizata di a mani di Venera chì teni un spichju (Venus symbol.svg; Unicode: ♀).

Hè l'ughjettu naturali più luminosu in u celi nutturnu, dopu a Luna, incù una magnitudina apparenti di -4,6, è par 'ssu mutivu hè cunnisciuta dipoi l'antichità. Venera righjunghji a so massima brillantezza pocu prima di l'alba o pocu dopu u tramontu è par sta raghjoni hè spessu stata chjamatu da populi antichi a "Stedda Matttutina" o a "Stedda Visparina", finu à quandu Pitagora idantificò in Venera u rispunsevuli di i dui apparizioni, quidda di a matina è quidda di a sera.[1]

Classificatu com'è un pianeta terrestra, calchì volti hè difinita com'è a "pianeta coppiu" di a Terra postu ch'è i dui astri sò assà simili par quantu riguarda diminsioni è massa. Eppuri, hè statu dimustratu chì par altri aspetti hè piuttostu diffarenti da a noscia pianeta. A so atmusfera hè custituita principalamenti da anidridi carbonica è hè moltu più densa di quidda terrestra, incù una prissioni in superficia uguali à 92 atmusferi. A dinsità è a cumpusizioni di l'atmusfera creani un impunenti effettu serra nantu à a so superficia, chì ni faci a pianeta più calda di u sistemu sulariu.

Venera hè circundata da un spessu stratu di nivuli altamenti riflittenti, cumposti principalamenti di acitu sulfuricu, chì impidiscini a visioni in luci visibuli di a superficia da u spaziu. A pianeta ùn hè micca dutata di satelliti o aneddi è hà un campu magneticu debuli, rispettu à quiddu terrestru.

Ussirvazioni[mudificà | edità a fonte]

Apposta ch'è a pianeta si trova vicinu à u Soli pò essa vista di solitu sultantu par pochi ori è in a vicinanza di u Soli: duranti u ghjornu a luminusità sularia a rendi difficiulamenti visibuli. Hè inveci molta luccicanti subitu dopu u tramontu nantu à l'orizonti à punenti oppuri pocu prima di l'alba (Lucifaru) versu livanti, di manera cumpatibuli incù a so pusizioni.
Hà l'aspettu di una stedda lucentissima di culori giaddu-biancastru, bedda più luccicanti ch'è qualsiasi altra stedda in u firmamentu. L'ussirvazioni à u telescopiu hè migliori quandu ùn hè micca cumplittamenti immersa in l'oscurità ma piuttostu in i luci di a trabucinata o in pienu ghjornu, chì u cuntrastu cù u fondu celi hè minori tandu è accunsenti una migliori parcizzioni di i picculi dittagli è di l'umbratura di l'atmusfera, inoltri a pianeta in quiddi casi hè più alta nantu à l'orizonti è a stabilità di l'imaghjini hè più impurtanti, chì hè menu disturbata da u riverbaru di l'atmusfera terrestra. Particularamenti utuli in l'ussirvazioni telescopica di Venera hè l'usu di filtri culurati par selezziunà a luci à diversi lunghezzi d'onda, o di filtri neutri è pularizadori par uttimizà a quantità di luci in l'ussirvazioni crepusculari, parmittendu di metta in evidenza maghjuramenti i carattaristichi tenui di l'atmusfera di Vènera.[2]

L'orbita di a pianeta hè interna rispettu à quidda di a Terra, è dunqua a vidimu mova si altirnativamenti à livanti è à punenti di u Soli. A so elungazioni (a distanza angulari trà un pianeta è u Soli) pò varià trà un valori massimu à punenti è un valori massimu à livanti, è pò ghjunghja finu à 47°. I variazioni di a so elungazioni massima sò duvuti più à a variazioni di a distanza trà Terra è Soli ch'è à a forma di l'orbita di Venera è quandu l'elungazioni hè ampia Venera pò firmà visibuli duranti parechji ori. Periudicamenti Venera passa davanti o daretu à u Soli intrendu cusì in cunghjunzioni: quandu u passaghju avveni daretu ni risulta una cunghjunzioni supiriori, mentri quand'eddu avveni davanti si otteni una cunghjunzioni infiriori è a faccia alluminata di a pianeta ùn hè micca visibuli da a Terra in nissunu mumentu di u ghjornu. U diamitru apparenti di Venera duranti una cunghjunzioni infiriori hè di circa 64 sicondi d'arcu.[3]

L'eclittica nantu à l'orizonti hè u fattori più impurtanti par a visibilità di Venera. In l'emisferu buriali l'inclinazioni hè massima dopu à u tramontu in u periodu di l'equinoziu di branu oppuri prima di l'alba in u periodu di l'equinoziu di vaghjimu. Hè impurtanti ancu l'angulu furmatu da a so orbita è l'eclittica: infatti Venera pò avvicinà si à a Terra finu à 40 km è righjunghja un'inclinazioni di circa 8° nantu à l'eclittica avendu un forti effettu nantu à a so visibilità.

À parti u Soli, a Luna è (incù difficultà) Ghjovi,[4] Venera hè l'unicu corpu cilestu chì hè visibuli à ochji nudu ancu di ghjornu, sii puri à cundizioni chì a so elungazioni da u Soli ùn sii micca troppu chjuca è ch'è u celi sii abbastanza chjaru.

Storia di l'ussirvazioni[mudificà | edità a fonte]

Disegnu di un' ussirvazioni di Francescu Funtana, chì ripprisintò ancu un' iputetica luna di Venera.

Cunnisciuta prubabilamenti dighjà in a preistoria, Venera fù ussirvata dopu da tutti i culturi antichi, com'è i babilunesi chì a chjamàni Ištar, in onori di a dea di l'amori, di l'erutisimu è di a guerra in a mitulugia babilunesa. Egiziani, Grechi è Rumani distinguiani inveci l'apparizioni mattutini è serali in dui corpi distinti, chjamendu la "stedda di a mattina" o "stedda di a sera", è par quissa era chjamata Lucifaru quandu apparia prima di l'alba, è Vesparu quandu apparia à punenti à u calà di u Soli. Par via di u so splindori, in molti culturi, trà i quali quidda Maya, Venera ripprisintava una divinità è era l'astru più studiatu in i so muvimenti in celi.

Galileo Galilei u prima chì studiò Venera, ussirvendu la incù u so cannuchjali. Riiscì à ussirvà i fasi, è à custattà chì quiddi erani simili à quiddi di a Luna, dimustrendu a currittezza di a tiuria eliucentrica pridita calchì dicenniu prima da l'astrunomu polaccu Niccolò Copernicu, chì sustinia chì Venera era posta trà a Terra è u Soli è vuglìa intornu à quist'ultimu. À maiò sustegnu di a tiuria ci era ancu l'ussirvazioni di Galileo di u diamitru apparenti di Venera duranti i so diversi fasi, sicondu a so distanza da a Terra.[5] Eppuri, par ùn essa micca accusatu d'eresia da l'inquisizioni par cuntradiscia a tiuria tulemaica, Galileo cuprì a so scuparta in una frasa criptica in latinu: "Mater Amorum aemulatur Cinthyae figuras", chì voli dì "A mamma di l'amori (Venera) imita i formi di Cinzia (a Luna)".[6]

In 1677, Edmund Halley sughjirì di misurà a distanza Terra-Soli incù ussirvazioni pruvinendu da parechji loca di a Terra, in particulari in l'uccasioni di i transiti di Venera. Parechji spidizioni succissivi in varii loca di u mondu parmittini di misurà a parallassi di u Soli in 8.85 sicondi d'arcu. I transiti storichi di Venera funi particularamenti impurtanti di 'ssu puntu di vista. Difatti unu di quissi, in 1761, parmissi à l'astrunomu russiu Mikhail Lomonosov di fà l'iputesa di a prisenza di un' atmusfera annantu à Venera.[7]

Venera vistu da u Telescopiu spaziali Hubble in 2010.

U stratu spessu di nivuli è l'alta luminusità di a pianeta funi in passatu un ostacolu seriu par circà d'individuà u so periodu di rutazioni incù i strumenti dispunibili à quiddu tempu. Cassini è Francescu Bianchini ussirvàni Venera, è mentri u prima iputizò un periodu di 24 ori, Bianchini tiurizò un periodu di 24 ghjorni.[8] Eppuri William Herschel s'accorsi chì a pianeta era cuparta da un spessu stratu di nivuli, è u periodu di rutazioni firmeti un enimma, ancu s'è in u XVIII seculu, molti astrunomi pinsavani ch'eddu era di 24 ori, cunfurmendu si à a tiuria pricidenti di Cassini.[9] Ghjuvanni Schiaparelli fù u prima chì iputizò un periodu diffarenti, tiurizendu ch'è, com'è Mercuriu, ancu Venera era in rutazioni sincrona, "bluccata" da u Soli. Schiapparelli infatti cunclusi i so studii l'11 aostu 1878, scrivendu: "Addiu bedda Afrudita, ormai a to rutazioni ùnsarà più un sicretu"</ref> autori Raffaeddu, titulu L'ussirvazioni di Venera di Giovanni Schiapparelli, UAI.

In 1932 W.Adams è T.Dunham par via d'ussirvazioni spettruscopichi in l'infrarossu, scuprarani linii di assurbimentu di u carboniu, chì permisero di fà l'iputesa chì l'anidridi carbonica era priduminanti in l'atmusfera di Venera.[5]

In 1961, duranti una cunghjunzioni, fù ussirvatu u periodu di rutazioni di Venera incù u radiutelescopiu di Goldstone, in California, ancu s'è solu in u 1964 fù cunfirmata difinitivamenti a so rutazioni ritrugrada. Intantu, in 1962, u Mariner 2 avia raghjuntu incù successu a pianeta, inviendu i primi dati annantu à tampiratura supirficiali è a cumpusizioni atmusferica di Venera.

In Corsica[mudificà | edità a fonte]

Venera hè chjamata à spessu a Stedda Diana (o Stella Diana).

Noti[mudificà | edità a fonte]

  1. Claudiu Elidoro, Vespero è Lucifero, Osservatoriu astrunomicu di Bologna, 2013.
  2. Ussirvazioni di Venera, pianeti.uai.it.
  3. L'orbita è a visibilità di Venera - u ghjornu, a notti è i staghjoni, INAF. URL cunsultatu u 7 maghju 2014.
  4. Ghjovi hè visibuli à u tramontu o à u sorghja di u Soli, quandu hè prossimu à a cunghjunzioni incù a stedda, ma incù difficultà maiò rispettu à Venera chì hè più luminosa.
    Cfr. (inglesu) William Frederick Denning, Telescopic Work for Starlight Evenings, New York, Cambridge University Press [1891], 2010, pp. pp. 170–171. ISBN 978-1-108-01413-7.
  5. 5,0 5,1 Venera - Cenni storichi, Osservatorio astrunomicu di Bologna.
  6. Francu Furesta, I metamurfosi di Venera Currieri della sera, 2002
  7. Mikhail Ya. Marov, Mikhail Lomonosov and the discovery of the atmosphere of Venus during the 1761 transit in «Proceedings of the International Astronomical Union», Cambridge University Press, 2004, pp. 209–219.
  8. Template:Treccani
  9. U passaghju di Venera in u 2004, oapd.inaf.it.

Liami esterni[mudificà | edità a fonte]

Fonti[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia in talianu.