Tittu

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Bustu di Tittu da a cullezzione Albani

Tittu Flaviu Vespasianu[1] (in latinu: Titus Flavius Vespasianus, regnante cù u nome di Tittu Flaviu Vespasianu Cesare Augustu; Roma, 30 dicembre 39 - Aquae Cutiliae, 13 sittembre 81) hè statu un imperatore rumanu di a dinastia di i Flavi. Prima di cullà à u tronu, Tittu fù un abile è stimatu generale chì si distinse per a ripressione di a ribellione in Giudea di u 70, durente a quale fù distruttu u sicondu tempiu di Gerusalemma. Eppuru fù cunsideratu un bon imperatore da Tacitu è da altri storichi cuntempuranii. Hè cunnisciutu per u so prugramma d'opere publiche à Roma è per a so generosità per succorre a pupulazione in seguitu à duie evvenimenti disastrosi: l'eruzione di u Vesuviu di u 79 è l'incendiu di Roma di a 80. Celebra hè a definizione ch'ellu dete d'ellu u storicu Svetonio:

(a)
« Amor ac deliciae generis humani»
(CO)
« Amore è delizie di u generu umanu. »
(Svetonio, Vita di Tittu, 1.)

per cilibrà tutti i meriti di Tittu è di u so guvernu.

Biografia[mudificà | edità a fonte]

Origine familiale è aduliscenza[mudificà | edità a fonte]

A famiglia di Tittu, a gens Flavia, appartinia à a nubiltà italica chì, in a prima mità di u I seculu, rimpiazzò a più antica aristucrazia rumana, indibulita da i dicennii di guerre civile cumbattuti in u I seculu a.C. A gens Flavia, per esempiu, cullò da un' origine umile à l'onori i più alti in appena trè generazione. U missiavone paternu di Tittu, Tittu Flavio Petrone, avia cumbattutu cum'è cinturione in l'armata di Gneo Pompeo Magnu durente a guerra civile trà Cesare è Pompeo (49-45 a.C.), punendu fine di manera vergugnosa à a so propria carriera incù a fuga da u campu di battaglia durente a battaglia di Farsalo (48 a.C.). Perdunatu quantunque da Cesare, diventò percettore di e vendite à l'asta è spusò a ricca Tertulla.[2]

U figliu di Petrone è Tertulla, Tittu Flavio Sabinu, fù un riccu percettore in Asia è un pristatore à interessi in Helvetia è spusò Vespasia Polla, figliola di u tribunu militare Vespasio Pollione. Grazia à 'ssu matrimoniu, Sabinu s'imparintò incù l'aristucratica gens Vespasia, garantiscendu à i so figlioli, Tittu Flaviu Sabinu è Tittu Flaviu Vespasianu, u rangu senaturiale.[3] U figliolu minore di Sabinu, Vespasianu, spusò Flavia Domitilla maiò, da a quale ebbe Titu Flaviu Vespasianu, natu à Roma u 30 di dicembre 39;[4]

Carriera militara è ascesa pulitica (58-79)[mudificà | edità a fonte]

Bustu di Ghjulia, figliola di Tittu è prubabilmente di a prima moglia Arrecina Tertulla.

Trà u 58 è u 60[5] fù prima tribunu militare in Alimagna, induve ebbe per cullegu Pliniu u Vechju,[6] dopu in Britannia,[7] prubabilmente in occasione di u trasfirimentu annantu à l'isula d'un cuntingente di rinforzu in seguitu à a rivolta di Budicca.[8][5] Intornu à u 63 fece ritornu à Roma per intraprende incù successu a carriera di ghjuristu, righjunghjendu a carica di questore.[7] In stu periodu spusò Arrecina Tertulla,[7] figliola d'un exi Prifettu di u pretoriu di Caligula, Marcu Arrecino Clemente.

Tertulla murì in u 65 è Tittu si rispusò incù Marchja Furnilla, da a quale ebbe una figliola, ma da a quale ellu divurziò senza spusà si dinù.[7] Furnilla appartinia à una nobile famiglia, culligata, però, incù l'oppusizione senaturiale à Nerone, tantu ch'è u ziu di Furnilla, Barea Sorano, è a so figliola Sevilla morsenu in e purghe neruniane dopu à a cuspirazione di Pisone mancata di u 65;[9] Sicondu parechji storichi muderni, a decisione di divurzià da Furnilla fù presa propriu per alluntanà da sè i suspetti di collusione incù a cuspirazione.[10] Tittu ebbe parechje figliole,[11] almenu una di e quale da Furnilla,[7] ma solu una sopravvisse, Ghjulia, ch'ellu avia prubabilmente avutu da Arrecina, di a quale a mamma si chjamava ancu ella Ghjulia.[12]

Campagna in Ghjudea[mudificà | edità a fonte]

L'Arcu di Tittu, in a Via Sacra à Roma

In u 67, Vespasianu fù incaricatu da l'imperatore Nerone d'assume u cummandu di e forze rumane impignate à calmà a ribellione di i Ghjudei (prima guerra ghjudaica, 66-74). Tittu, chì à l'epica avia circa 28 anni, ricivì u cummandu di a Legio XV Apollinaris, ch'ellu andò à prilivà à Alissandria d'Egittu è ch'ellu purtò dopu in Ghjudea.[13] I meriti di Titu in a guerra ghjudaica sò difficiule da analizà, chì a principale fonte di a guerra, a Guerra ghjudaica di Ghjaseppu Flavio, fù scritta da u cummandante ghjudeu di a furtezza di Iotapata, assidiata è cunquistata in u 67 da Tittu, chì ebbi dopu rapporti di clientella incù a dinastia flavia.

In i descrizzione di Giuseppe, Tittu hè l'eroicu cummandante chì assidiò è cunquistò cinqui centri nimichi,[14] ma, una volta cunsideratu u puntu di vista di l'autore, s'avvera chjaru ch'è à l'iniziu di a campagna di Tittu, ùn avia micca avutu precedente sperienze di cummandu, è ch'ùn fù micca cusì brillante.[15] Tittu fù incaricatu da Vespasianu d'andà à Antiochia à pattighjà incù Gaio Licinio Muciano, guvernadore di Siria è cum'è tale rispunsevule di a Ghjudea, affinch'è i duie generale ghjunghjissenu à divide si e cumpitenze: Titu riiscì in 'ssu scopu, stendu ci finu à u fine di u 67, è s'unì à u babbu in a guerra.[16]

In u 67 Tittu participò à l'assedii di Iotapata è Giaffa, eppo cumbattì intornu à Tiberiade, Taricace è Gamala. In u 69, l'annu di i quattru imperatori, Vespasianu vultò à Roma per riclamà u trone, lascendu u figliolu in Giudea à pone fine à a rivolta, cosa ch'è Tittu fece l'annu dopu: Gerusalemma fù sacchighjata, u Tempiu distruttu è gran'parte di a pupulazione uccisa o custretta à fughje da a cità. Durente u so sughjornu à Gerusalemma, Tittu ebbe una relazione incù Berenice di Cilicia, figliola di Erode Agrippa I. À u so ritornu à Roma, in u 71, fù accoltu in trionfu. Fù parechje volte consulu durente u regnu di u babbu; fù ancu censore è prifettu di a Guardia preturiana, assicurendu ne a fideltà à l'imperatore. Tutti i fatti ligati à a rivolta è à a caduta di Gerusalemma sò cuntati da u storicu ebreiu Ghjaseppu Flavio in a so opera Guerra ghjudaica.

Citazione[mudificà | edità a fonte]

Tittu hè mintuvatu qualchì volta in a cultura corsa:

  • à china, u numeru trè hè l'orechje di Tittu[17]
  • in a sprissione Manghjà si à Tittu cù l'archibusgiu, chì significheghja: pulà i so soldi, manghjà si tuttu[18]

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte o in tutalità da l'articulu currispundente di a wikipedia in talianu.
  2. Svetonio, Vite di i Cesari - Vespasianu, 1.
  3. Svetonio, Vite di i Cesari - Vespasianu, 2.
  4. Svetonio, Vite di i Cesari - Vespasianu, 1 è 11.
  5. 5,0 5,1 Anthony Richard Birley, The Roman government of Britain, Oxford University Press, 2005, ISBN 0-19-925237-8, pp. 279-280.
  6. Pliniu u Vechju, Naturalis historia, prefaziu, 3.
  7. 7,0 7,1 7,2 7,3 7,4 Svetonio, Vite di i Cesari - Titu, 4.
  8. Tacitu, Annali, XIV.38.1
  9. Tacitu, Annali, XVI.30-33.
  10. Gavin Townend, "Somme Flavian Connections", The Journal of Roman Studies (1961), p. 57; Jones (1992), p. 11.
  11. Filostrato, Vita di Apollonio di Tiana, VII.7
  12. Jones è Milns, pp. 96, 167.
  13. Ghjaseppu Flavio, Guerra ghjudaica, ii.558, iii.1-8,29; Tacitu, Storie, v,10.
  14. Ghjaseppu Flavio, Guerra ghjudaica, iii-iv.
  15. Donahue, John, "Titus Flavius Vespasianus (à.Di. 79-81)", De Imperatoribus Romanis, 23 uttrove 2004. <Titus Flavius Vespasianus (à.Di. 79-81)
  16. Morgan, Gwyn, 69 à.Di.: The Year of the Four Emperors, Oxford University Press, 2006, ISBN 0-19-512468-5, p. 175.
  17. U Muntese, 'Tittu', p. 1454.
  18. 'U Muntese', 'Tittu', p. 1454.

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • Ciavatti, Petru (dir. redazzione) Dizziunariu U Muntese, 1984, Albiana

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]