Vai al contenuto

Porzana parva

À prupositu di Wikipedia
Porzana parva
Porzana parva
Classifica scentifica
Regnu Animalia
Imbrancamentu Chordata
Classa Aves
Ordine Gruiformes
Famiglia Rallidae
Generu Porzana
Nome binuminale
Porzana parva
Giovanni Antonio Scopoli, 1769

Porzana parva hè una spezia di acellu chì face parte di a famiglia di i Rallidae.

Descrizzione[mudificà | edità a fonte]

Porzana parva hè un picculu acellu acquaticu di a famiglia di i Rallidae. Misura à l'incirca 18 cm di longu è pesa trà 45 è 70 grammi. U so piumaghju hè brunicciu incù strisce nere annantu à u corpu, u cudrione è l'ale. U corpu hè biancu è e parte inferiore sò camusce. U bizzicu hè cortu è pinzutu, di culore giallu incù una basa rossa. E zampe sò corte è di culore verde alivinu.

Ripartizione[mudificà | edità a fonte]

Porzana parva hè una spezia sparta in e zone timperate di l'Anzianu Mondu. Si riproduce in Europa, in Asia è in Africa suprana. Inguerna in Africa subsahariana è in u sudu di l'Asia.

Porzana parva hè prisente in Corsica.[1]

Biolugia[mudificà | edità a fonte]

Porzana parva friquenta e zone umite pocu prufonde, tale i paduli, i bordi di vadine è i stagni. Si ciba d'insetti, di varmi, di picculi crustacei è di granelli. Hè un acellu discretu è difficile à ossirvà, chì passa a maiò parte di u so tempu piattau in a vegetazione.

Tassonumia[mudificà | edità a fonte]

Porzana parva hè una di e numerose spezie di u generu Porzana. Hè stata discritta per a prima volta da Giovanni Antonio Scopoli in u 1769. I so sinonimi cumprendenu : Crex pusilla, Porzana minuta, Rallus parvus.

Cunsirvazione[mudificà | edità a fonte]

Porzana parva hè una spezia cumuna in a maiò parte di a so area di ripartizione. Eppuru, hè in calata in certe rigione per causa di a perdita di u so ambiente è di a polluzione. Hè classificata cum'è preoccupazione minore annantu à a lista rossa di l'UICN.

E principale misure di cunsirvazione di Porzana parva cumprendenu a prutezzione di i so ambienti, u cuntrollu di a polluzione è l'educazione di u publicu.

Riferimenti[mudificà | edità a fonte]

  • J.-C. Thibault & G. Bonaccorsi, The birds of Corsica, British Ornithologists’ Union, Check-list n°17, 1999
  • J.-C. Thibault, Connaître les oiseaux de Corse - Acelli di Corsica, Ed. Albiana, 2006

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Thibault & Bonaccorsi (1999), Thibault (2006).

Altri prugetti[mudificà | edità a fonte]