Plutarcu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Bustu ripprisintendu Plutarcu siont'è un mudeddu vinendu da Delfi

Plutarcu (in grecu anzianu Πλούταρχος), natu in Cheronea in Beuzia versu u 46 è mortu versu u 125, hè un filosofu, biugrafu, muralistu è pinsadori maghjori di l'antica Roma.[1] Grecu d'urighjini, hè cunsidaratu com'è un mediuplatunistu. S'uppunì in uni pochi di i so Opari murali o Moralia à i currenti stoicu è epicureu.

Biugrafia[mudificà | edità a fonte]

Urighjini è vita privata[mudificà | edità a fonte]

Plutarcu hè natu in Cheronea, una piccula cità à livanti di a Focide, vicinu à Delfi in Grecia. U so nomu veni da u grecu Plutar, termini usatu par sprimà l'idea di u futuru, di pustiriurità (cuntrariu di u termini grecu Pluto, chì sprima eddu un'idea di passatu è d'antiriurità). Hà campatu trà u 46 è u 125. Par disgrazia, i storichi ùn pussedini ch'è pochi infurmazioni annantu à a so vita, soli a Souda (seculu X) è una nota d'Eusebiu di Cesarea ci facini rifirimentu. I più tistimunianzi impurtanti fermani quiddi ch'è u scrittori hà insiriti eddu stessu in a so opara. Plutarcu afferma essa u figliolu di una ricca famiglia di prubitarii tarrani di a sterpa di l'Ofeltiadi (discindenti di u miticu rè tessalunicesu Ofeltias). Hà omancu dui frateddi, Lamprias, chì hè u so figliolu maiò, è Timonu, chì li porta un'affizzioni particulari.

Hè mandatu in u 65 à a scola platonica d'Atena, induva Ammonios d'Atena li ampara i scenzi è a filusufia. Otteni a cittatinanza ateniesi. Faci un viaghju à Delfi, incù Ammonios è Neronu, po un antru à Alissandria.

Carcu di una prima missioni à Corintu, si rendi par a prima volta à Roma, induva eddu insegna u grecu è a filusufia murali sottu à i principati di Vispasianu è, in u 79, di Titus. Si marita à una cumpatriotta, Timoxena, chì ni avaria avutu cinqui ziteddi : Soclaros, Autoboulos, Plutarcu u ghjovanu, Chairon è Timoxena, morta à 2 anni, po si stalla à Cheronea, induva eddu apri di sicuru una scola. Scrivi Annantu à a furtuna di Lisandru, i Viti di Galba è d'Otonu. Sughjorna di novu à Roma in u 88, po più lungamenti in u 92. Acquista a cittatinanza rumana è adotta u gentiliziu di Mestrius, in umaghju à u so amicu Florus.

Hè numinatu preti d'Apollu à Delfi, prubabilamenti à l'incirca in u 85 è accupa 'ssa funzioni insin'à a so morti. Plutarcu hà prubabilamenti participatu dinò à i misteri d'Eleusis. Versu u 100-102, principia l'immensu ciclu di i so Viti paralleli. Riveni dopu à Cheronea induva eddu hè spartutu trà a scrittura di a so opara è a vita publica (urganizava i festi riligiosi). Mori versu u 125. U locu di a so morti ùn hè micca cunnisciutu. Pudaria essa Cheronea induva eddu passò a fini di a so vita.

Carriera pulitica[mudificà | edità a fonte]

Bustu di Plutarcu, oghji cunsirvatu à u museiu archiulogicu di Delfi.

Com'è bon parechji capizzoni di i so tempi, Plutarcu hà avutu una carriera pulitica : da a so ghjuvantù, fù inviatu in ambasciata vicinu à u pruconsulu di l'Acaia, à Corintu. 'Ssu viaghju avaria avutu par scopu di difenda l'intaressi di Cheronea o di a Beuzia sana sana. Plutarcu avaria più dopu parsuvitatu 'ss'attività, è pò essa ch'è u so viaghju in Egittu, in u 69-70 di a noscia ebbica, aghji avutu par scopu, frà altru, un'ambasciata vicinu à u nuveddu imperatori, Vispasianu. Hà parsuvitatu 'ss'attività d'ambasciadori par via di viaghji à Roma vicinu à parsunaghji influenti o ancu di a corti imperiali, par difenda l'intaressi di Delfi, di a Beuzia, è ancu di i Grechi. L'ultimu di 'ssi viaghji ebbi podarsi locu à u principiu di l'anni 90 è, in u 93-94, Plutarcu si ritirò difinitivamenti à Cheronea.

'Ss'attività pulitica, Plutarcu ùn l'hà micca sultantu cundutta à Roma, ma dinò in a so cità nativa : frà altri carichi, fù archonti eponimu ed hà à longu accupatu u postu di preti d'Apollu à Delfi - è quissa sinu à a fini di a so vita. 'Ssa funzioni ùn era micca solu riligiosa, ma implicava dinò numarosi attività di natura pulitica, par indittu in quant'è membru di u Cunsigliu è epimeletu di l'Anfizionia delfica.

L'attribuzioni di certi carichi pulitichi à Plutarcu hè parò discutita : a nota di a Souda chì li hè cunsacrata minziuneghja ch'eddu avaria ricivutu da Traianu l'insegni cunsulari, ma certi circadori ni dubbiteghjani. Listessa, hè ghjudicata imprubabili da certi circadori l'infurmazioni trasmissa da Eusebiu di Cesarea, siont'è a quali Adrianu l'avaria disignatu pracuratori di a pruvincia d'Acaia, datu chì Plutarcu avia à l'ebbica dighjà più di uttanta anni.

Opari[mudificà | edità a fonte]

Una pagina di i Viti paralleli stampata à Roma in u 1470, cullizzioni di l'università di Leeds.

Tradiziunalamenti spartuta trà i Viti paralleli da una parti è i Moralia di l'altra, l'opara di Plutarcu si signala anzituttu par via di a so abbundanza. Siont'è u catalogu di Lamprias, saria l'autori di 227 opari, ma a critica muderna stima ch'è 'ssu numaru pudaria cuddà insin'à 260. Oltri i Viti paralleli, ni avariami cunsirvatu trà 75 è 80, ma u numaru asattu ferma incertu, uni pochi trà eddi essendu d'autanticità dubbitosa.

Plutarcu muralistu[mudificà | edità a fonte]

In i Viti paralleli, u scopu di Plutarcu hè ad ogni volta di sgaghjà un ritrattu murali piuttostu ch'è di rapurtà l'avvinimenti pulitichi di l'ebbica : si cunsidareghja eddu stessu più com'è un muralistu ch'è com'è un storicu. Veni da quì u trattamentu dittagliatu ch'è eddu cunsacra à u so parsunaghju. Ancu s'è Plutarcu sforma a virità, hè in generali tantu affidevuli ch'è i so fonti, è calchì volta di un grandi valori. Ùn mostra nisciuna allisciatura par u puteri di Roma, tandu subrananti, nè di vanità par a gloria passata di a so probbia nazioni. Cridia in a cuesistenza di u guvirnanti rumanu è di l'aducatori grecu.

I Viti paralleli di l'omini illustri (in grecu Βίοι Παράλληλοι) cuncoglini cinquanta biugrafii, frà i quali 46 sò prisintati à dui à dui, paragunendu Grechi è Rumani celebri (par asempiu Teseiu è Romulu, Lisandru Magnu è Cesaru, Demostenu è Ciciaronu). À a fini di ogni duppionu, a maiò parti di u tempu, un brevu testu (σύγκρισις) paraguneghja i dui parsunaghji. Avemu persu u prima paghju, cunsacrata à Epaminondas è Scipionu l'Africanu. Frà i biugrafii spiccati figurani quidda d'Artaxerxes II, Aratos di Siciona, è ottu biugrafii di i cesari, d'Augustu à Vitellius. Si data a scrittura di 'ssi biugrafii trà u 100 è u 110. L'Opari murali sò più di 230 trattati cunsacrati à i sughjetti numarosi è varii. Soli 79 ci sò parvinuti : a curiusità, a tranquillità di l'anima, i virtù murali, u dimoniu di Socrati, a faccia chì pari annantu à a Luna, Annantu à Isis è Osiris...

Moralia, edizioni di 1531.

Siont'è J. Humbert è H. Berguin, i Viti paralleli sò un'illustrazioni è l'incurunazioni di l'Opari Murali, i so aroi essendu trattati com'è mudeddi di virtù ch'è Plutarcu si pruponi par eddu stessu è invita i so littori à suvità. Di più, i Viti sò puntighjati di digrissioni murali. Cunsidareghja calchì volta ch'è u so aroi hà u tortu è spiega parchì.

I Viti paralleli sò l'opara a più cunnisciuta di Plutarcu. Erani ammirati da Montaigne com'è u Grandi Condé ; Corneille (par u Sertorius), è Shakespeare ci ani trovu i sughjetti di tragedia. Un antru grandi littori di i Viti paralleli fù Rousseau, ch'è eddi accumpagnàni sinu à a fini di a so vita. Ludwig Van Beethoven si ni ispirò dinò par a cumpusizioni di a so terza sinfunia, cugnumata "eroica".

A filusufia di Plutarcu hè abbastanza eclettica bench'eddu si riclami masimu di Platonu.

Plutarcu hà dinò scrittu i Dialoghi pitichi è i Prupositi di tola (ancu numinati par trascrizzioni Simpusiachi), imitati da Platonu. U nomu di "PseuduPlutarcu" hè un nomu cunvinziunali datu à l'autori scunnisciuti di uni beddi pochi di pseudepigrafi attribuiti à Plutarcu.

Plutarcu è i scenzi[mudificà | edità a fonte]

Plutarcu è a scitala[mudificà | edità a fonte]

Plutarcu conta l'usu di a scitala (dinò cunnisciuta sottu à u nomu di bastonu di Plutarcu) da Lisandru di Sparta in u 404 av. G.-C.

Plutarcu è l'astrunumia[mudificà | edità a fonte]

In i dialoghi Di a faccia chì pari annantu à a Luna è Annantu à i santuarii chì i so oraculi ani cissatu di l'Opari murali, Plutarcu esponi una fisica uriginali. L'ussirvazioni di l'aspettu irrigulari di a Luna u cunduci à affirmà: "A Luna hè una terra cilesta" chì rifletti i raghji di u Soli. Abbanduneghja a nuzioni di diffarenza trà mondu sottulunariu (imparfettu) è mondu sopralunariu (parfettu) d'Aristoteli. Tutti l'astri sò u centru di un mondu : "Ognunu di i mondi hà una terra è un mari" è u muvimentu di i gravi di un mondu và versu u centru di 'ssu mondu. Scrivi dinò : "A luna ùn hè micca tirata versu a Terra da u so pesu chì 'ssu pesu hè rispintu è distruttu da a forza di rutazioni".

Plutarcu è i tiurii cusmulogichi di i so tempi[mudificà | edità a fonte]

I so scritti svelani dinò una bona cunniscenza di i diffarenti tiurii cusmulogichi grechi. In a Vita di Numa, par indittu, Plutarcu discrivi u sistemu cusmulogicu pitagoricu, senza dubbitu attribuibuli à Filolaos di Crutona, chì piazza à u centru di l'Universu un focu aternu chì a Terra graviteghja à l'inghjiru. Quissa hè upposta à u sistemu giucentricu tradiziunali. Evucheghja dinò a vultata di Platonu chì, à a fini di a so vita, avaria aduttatu una cusmulugia diffarenti da u sistemu giucentricu discrittu in u Timeu : ghjudichendu ch'è a Terra ùn era micca degna di accupà a prima piazza, avaria piazzatu à u centru di l'Universu un antru elementu è ùn avaria accurdatu à a Terra ch'è a siconda piazza.

Influenzi[mudificà | edità a fonte]

I scritti di Plutarcu ebbini un'enorma influenza annantu à a litteratura auropea, in particulari francesa è inglesa. A parsona hà lungamenti dibattutu par sapè s'è u biugrafu filosofu visava in i so biugrafii à l'analisa di i virtù più ch'è à l'acculturazioni grecurumana ma i so scritti, i so scelti pulitichi è u so cumpurtamentu suciali mosciani ch'eddu s'iscrivi à l'iscontru di dui mondi, in a cuscenza ch'è l'eredità ellena hè liata à l'azzioni di Roma.

L'opara hè cunsiguenti ed hè un vettori assà impurtanti par a trasmissioni indiretta di a litteratura greculatina, par u più persa. I so surghjenti ani mori divisu i storichi, a ducumintazioni hè tali ch'eddu divia fà appeddu à un sicritariatu. Aprada mori i citazioni, si ni conta in l'opara 10000, cumpilati in 152 culonni.

A traduzzioni in francesu di i Viti paralleli da Jacques Amyot par mezu à u XVIu seculu, custantamenti rieditata insin'à oghji, hà rinfurzatu a so diffusioni ed hà fattu di Plutarcu un viaghjadori da l'Antichità à l'ebbica muderna ; hè dinò un munimentu di a litteratura francesa in prosa. In u 1579, l'Inglesu Thomas North ni dà una traduzzioni chì sirvarà di fonti à certi tragedii storichi di William Shakespeare, in particulari Ghjuliu Cesaru, Antonu è Cleupatra, Coriulanu o Timonu d'Atena. Frà i so ammiratori anglofuni figurani dinò Ben Jonson, Sir Francis Bacon, John Milton, John Dryden, è più tardi Robert Browning. L'opari di Rabelais, di Teramu, La Boétie, l'Assaghji di Montaigne, più tardi l'opara di Ghjuvan Ghjacumu Rousseau è di Joseph de Maistre sò prufundamenti ispirati di i so Opari murali è i Viti Paralleli. Cotton Mather, Alexander Hamilton, Ralph Waldo Emerson è i trascindentalisti americani sò stati assà influinzati da l'Opari murali. Par altru, in i rumanzi di Maurice Leblanc, i Viti paralleli sò u libru di tistera di l'aroi Arsène Lupin, ciò chì svela l'ambizioni tantu di u parsunaghju principali ch'è di u so autori.

A frasa celebra di Montaigne : "Una testa ben fatta vali megliu ch'è una testa bedda piena." hè una rifurmulazioni di una citazioni di Plutarcu : "L'intellighjenza ùn hè micca paragunevuli à un vasu chi ci vurria à empia ma à un fuculaghju ch'eddu ci voli à accenda; ciò ch'edda n'hà bisognu, hè di slanciu versu a ricerca è di desideriu di a virità".

In u so rumanzu di fintascenza Frankenstein o u Prumeteu mudernu, Mary Shelley mostra a criatura criata da u duttori Frankenstein sposta à u righjettu è à l'orrori. Quandu a criatura parveni à struiscia si, a faci incù a littura d'autori com'è Plutarcu, sempri cunsidarati à l'ebbica com'è rifirimenti impurtanti in a bona educazioni di i ziteddi.

L'influenza di Plutarcu cunnosci una vultata à u XXu seculu, incù a ripresa à contrapedi di i Viti da Michel Foucault : "A Vita di l'omini infami" in i Cahiers du Chemin o, in u 1984, Pierre Michon chì publicheghja Viti minusculi, impristendu certi metudi à Plutarcu.

Noti[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruveni in parti da l'articulu currispundenti di a wikipedia in francesu.