Piri Reis

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Statua di Piri Reis

Piri Ibn Haji Mehmed dettu Piri Reis (1465~1470, Gelibolu - 1554, Kahire) hè un grande amiragliu ("reis" in turcu) di a flotta ottumana à u XVIu seculu, natu in Karaman (pruvincia).[1] Nipote di u celebru piratu Kemal Reis dettu Camali, hè cunnisciutu soprattuttu per a so opera di cartografu. Litteratu, si passiunava per e carte è i cullezziunava.

Cartugrafia[mudificà | edità a fonte]

In u 1513 è in u 1528, designò duie carte di u mondu, ripigliendu e carte è e date di a so cullizzione chì certe ricullerianu à l'antichità. Scrisse dinù un' opera, Kitab-ı Bahriye o Libru di Navigazione in u quale omu trova in più 200 carte ripprisintendu per u più l'Atlanticu.

Una di e carte e più celebre hè quella cugnumata Carta di Piri Reis. Fubbe scuperta in u 1929 à u mumentu di u rinnuvamentu di u palazzu di Topkapı à Istanbul.

A Carta di Corsica[mudificà | edità a fonte]

A carta di Corsica di Piri Reis

Piri Reis hà ancu fattu una carta di Corsica.[2] Si vedenu i nomi di locu scritti in arabu. Ci hè ancu u disegnu di a catena maestra di a Corsica, da Cismonte à Pumonte. E coste sò tracciate di manera artistica, incù belle curve per i golfi è e cale marine. Sò dinù disegnati l'isulotti, è ancu l'isulotti minori.

Amiragliu di a flotta d'Egittu[mudificà | edità a fonte]

U forte di São João in Mascate distruttu da Piri Reis à u mumentu di u so passaghju.

In u 1547, dopu un longu ubliu, Piri Reis hè fattu amiragliu di a flotta d'Egittu basata in Suez chì opereghja in u mare Rossu, in l'oceanu Indianu è in u golfu Persicu.

Presa d'Aden[mudificà | edità a fonte]

Piri Reis riceve in u 1548 a missione di piglià Aden, cità di u Yemen dendu annantu à l'oceanu Indianu, pigliata da l'Ottumani uni pochi d'anni capunanzu ma cascata in manu à tribù arabe. Parte da Suez d'aprile di u 1548 à a testa d'una flotta di 60 palazzi è s'impatrunisce di a cità di ghjennaghju/frivaghju di u 1549. In ringraziamentu, riceve un zeamet (un campu) chì li furnisce una rendita annuale di 100000 akçe.

Partenza per Ormuz è presa di Mascate[mudificà | edità a fonte]

L'attaccu contru à Ormuz hè dicisu da Rüstem Pacha, u grande vizire ottumanu chì, avvertitu da l'attacchi portughesi lanciati dapoi Ormuz hà per scopu d'annientà 'ssa basa nimica, di modu à fà di u golfu Persicu un lavu ottumanu. Ordineghja a custruzzione in Suez di novi batelli in u 1550 è dà per missione à Piri Reis di priparà una spedizione contru à Ormuz è l'isula di Bahrein, tributaria di i Portughesi.

D'aprile di u 1552, Piri Reis parte da Suez incù una flotta di 25 galere, quattru galioni incù 850 suldati à u so latu. Dopu à avè varcatu Jeddah è u strittone di Bab el Mandeb, face capu versu Ras al-Hadd, una penisula à l'intrata di u mare d'Arabia. D'aostu, l'Ottumani appariscenu à a larga di Mascate, impurtante piazza forte portughese. U figliolu di Piri Reis, Mehmet Rei, à a testa d'un' avanguardia di cinque galere, ci ghjunghje u prima è face bumbardà a cità. U sestu ghjornu di i bumbardamenti, u restu di a flotta ottumana ghjunghje è, u ghjornu dopu, u cummandante portughese accetta di rende si pattu è cundizione chì ellu sia permessu à a so guarnigione di righjunghje liberamente Ormuz. Eppuru, Piri Reis ùn tene micca a so prummessa, face prigiuneri i 128 Portughesi, disarma a so flotta è distrughje a piazza forte.

Sediu d'Ormuz, abbottu di Qeshm è ritirata versu Bassorah[mudificà | edità a fonte]

Carta d'Ormuz datendu da u seculu XVII mustrendu u forte portughese.

A flotta ottumana ghjunghje à a larga di l'isula d'Ormuz u 19 di sittembre di u 1552, cinque mesi dopu a so partenza. I 700 Portughesi chì tenenu u forte sò priparati à a ghjunta ottumana. Quest'ultimi piglianu prestu a cità d'Ormuz è inizianu un bumbardamentu di a pusizione nimica. A situazione hè difficile per i dui belligeranti. I Portughesi cunnoscenu una carenza di viveri è l'Ottumani stancati da u so longu viaghju mancanu di polvera da cannone. Di più, temenu a ghjunta di rinforzi portughesi in pruvinienza di l'India. Dopu vinti ghjorni di cumbattimenti, Piri Reis dicide di lintà u sediu u 9 di uttrove. Sient'è e surghjente portughese, l'amiragliu s'interessa dopu à l'isula vicinante di Qeshm, mettendu à l'ammenda i ricchi marcanti chì ci sò stabiliti.

À a fine di uttrove, l'Ottumani facenu capu versu Bassorah in fondu à u golfu Persicu. Mentre listessu periodu, l'auturità di l'India portughese avvertite di a campagna ottumana dicidenu di purtà un contrattaccu. Affonso di Noronha parte da Goa per Ormuz à a testa d'una flotta di 80 nave frà i quali 30 di grande taglia. À quandu ghjuntu à Diu annantu à a costa di u Gujarat, impara chì l'Ottumani anu fattu ritirata à Bassorah è dicide di ùn rende si micca in persona à Ormuz, è di mandà ci u so nipote, Dom Antao di Noronha, à a testa d'una flotta di 12 battelli di taglia maiò è 28 altre nave. Quandu ellu ghjunghje à destinazione di nuvembre di u 1552, ùn pò chì custatà a viulenza di l'attaccu ottumanu, causa di numerose distruzzione in Ormuz.

Ritornu à Suez è esecuzione di Piri Reis[mudificà | edità a fonte]

Suez in fondu à u mare Rossu cum'ellu hè ripprisintatu in u portulan Kitab-ı Bahriye (1521-1525) di Piri Reis.

Quandu Piri Reis ghjunghje in Bassorah, si trova cunfruntatu à u beylerbey (guvernadore) di a pruvincia Kubad Pacha incù quale si sente male. Piri Reis dicide d'andà u più prestu in Egittu, riparte per Suez incù solu trè galere rapide, lascendu u grossu di a so flotta in Bassorah. L'amiragliu ottumanu hè, malgradu e so spiigazione, scapatu à U Cairu annantu à ordine di u sultanu per causa di i so fiaschi.

Sient'è Svat Soucek, stu cuncatinamentu di fatti chì cunduce à a messa à morte di Piri Reis si spiega da l'animusità trà l'amiragliu è u guvernadore chì vene da u fattu chì u cummandante di a flotta rimpruvereghja à u beylerbey di ùn avè micca mandatu i rinforzi prummessi per a cunquista d'Ormuz, in particulare a polvera à cannone è d'avè, cusì, una rispunsabilità impurtante in u fallimentu ottumanu. Per via di quessa, per copre i so propii fallimenti, l'ipotesi hè fatta chì u rapportu chì Kubad Pacha manda à Istanbul hè particularmente sfavurevule. Piri Reis seria cusì ripartutu in freccia versu Suez cù u fine di pudè dà a so propia virsione di i fatti, lascendu u restu di e so nave à Bassorah temendu chì a flotta portughese di l'Indie, chì hà dinù e raghjone di teme a prisenza in u golfu, ricmarchessi una furmazione troppa impurtante è iniziessi u cumbattimentu. Svat Soucek mintuveghja dinù chì dui accusi incidi correnu à contu di l'amiragliu avendu avutu una pussibile influenza annantu à u virdittu. Hè accusatu di avè messu à l'ammenda l'abitanti di Qeshm dopu u so fallimentu à Ormuz, elementu cunfirmatu da a so lagnanza ultiriore vicinu à l'auturità ottumane, è, soprattuttu, d'esse statu cumpratu da i Portughesi affinch'è ellu abbandunessi u so sediu. A viridicità di 'ssa boce hè vivamente messa in dubbitu da u cronistu İbrahim Peçevi (1572-1650) chì face valè l'attaccamentu pruvatu mentre tutta a so vita da l'amiragliu à a casa ottumana è à a difesa di l'islamu. Giancarlo Casale mette, inquantu à ellu, a partenza precipitat di Piri Reis à contu di una crisa di cunfidenza ligata à a so età avanzata (hà tandu sient'è certe fonte 90 anni) è a so scunniscenza di 'ssi mari.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.
  2. A Piazzetta (2017): A carta di a Corsica di l'amirale Piri Reis

Ligami[mudificà | edità a fonte]