Pecita

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
A pecita
Inula viscosa flowers.jpg
Inula viscosa
Classificazione scentifica
Regnu Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classa Magnoliopsida
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Generu Dittrichia
Nome binuminale
Inula viscosa
Aiton, 1753
A pecita

A Pecita (o pichita) (Dittrichia viscosa) hè un fiore chì face parte di a famiglia di l'Asteraceae.

Descrizzione[mudificà | edità a fonte]

A pecita fiurisce d'istate sin'à u principiu di u vaghjimu. Hè alta sin'à 120 cm. U so fiore hè giallu. E so casce sò piciose. A radica hè forte è longa sin'à 40 cm.

A pecita pò esse cunfusa incù Dittrichia graveolens, ma e foglie di e duie spezie ùn sò micca listesse.

Distribuzione[mudificà | edità a fonte]

L'ariale d'origine di a pecita hè custituitu da e rigione custiere di u mare terraniu, ma per a so rusticità è capacità d'adattamentu, si sparghje à spessu versu l'internu è s'hè naturalizata ancu in altre rigione di l'Europa è in u Nordu di l'America. In Italia hè cumunissima in tutti e rigione di a penisula è di l'isule, mentre hè menu frequente in u nordu.

A pecita hè assai cumuna in Corsica. Si vede à spessu à u cantu di i stradoni o in i chjosi.

Tassonumia[mudificà | edità a fonte]

Parechji sinonimi di soDittrichya viscosa

  • Inula viscosa var. viscosa
  • Inula viscosa var. mideltiana Batt.
  • Erigeron viscosus L.
  • Cupularia viscosa (L.) Godr. & Gren.
  • Conyza major Bubani
  • Chrysocoma camphorata
  • Chrysocoma verticalis Lag.

Usi[mudificà | edità a fonte]

Ci conta Paulu Simonpoli ch'è a pecita era imprudata in i tempi per mette i fichi sopra è fà li siccà.[1]

Inoltre, a pecita entria, à tempu cù l'alloru è u finochju in a cumposizione di u brodu chì si fecia per mette l'uva passa à mogliu, prima di fà la siccà dinù.[2]

Galleria d'imagine[mudificà | edità a fonte]

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Simonpoli (1982, p. 171).
  2. U Muntese (1984, p.1020).

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

Altri prugetti[mudificà | edità a fonte]