Vai al contenuto

Motacilla flava

À prupositu di Wikipedia
A coditremula gialla
Motacilla flava
Classifica scentifica
Regnu Animalia
Imbrancamentu Chordata
Classa Aves
Ordine Passeriformes
Famiglia Motacillidae
Generu Motacilla
Nome binuminale
Motacilla flava
Carl Linnaeus, 1758

A coditremula gialla (Motacilla flava) hè una spezia di acellu chì face parte di a famiglia di i Motacillidae.

Descrizzione[mudificà | edità a fonte]

A coditremula gialla hè una spezia d'acellu appartinendu à a famiglia di i Motacillidae. Hè un acellu di piccula taglia, misurendu à l'incirca 16 centimi di lunghezza. U so piumaghju hè per u più giallu vivu, incù ale è una coda nere. I masci è e femine prisentanu differenze di piumaghju, incù i masci avendu una gola nera è una fascia nera in pettu, mentre ch'è e femine anu una gola più pallida è una fascia più chjara in pettu.

Ripartizione[mudificà | edità a fonte]

A coditremula gialla hè una spezia migratrice chì si riproduce in Europa è in Asia Suprana. Nichja in e pratuline, i paduli è e zone umite, induv'ella custruisce u so nidu in caravoni rucciosi o in cavità d'arburi. Mentre l'inguernu, migra ver'di l'Africa subsaariana è l'Asia di u Sudu per truvà ambienti più clementi.

A coditremula gialla hè prisente in Corsica.[1]

Biolugia[mudificà | edità a fonte]

A coditremula gialla si nutrisce per u più d'insetti, di varmi è d'altri picculi invertebrati. Si culloca à spessu saltichjendu in terra in cerca di prede. U so cantu hè meludiosu è caratteristicu. Mentre a staghjone di riproduzione, i masci effittueghjanu parate nuzziale bulendu in chjerchji è mustrendu u so piumaghju coluritu per attirà e femine.

Tassonumia[mudificà | edità a fonte]

A coditremula gialla appartene à u generu Motacilla, chì ragruppa parechje spezie di coditremule. Frà i sinonimi usati per designà 'ssa spezia, omu trova Motacilla flava flava, Motacilla flava thunbergi è Motacilla flava flavissima.

Cunsirvazione[mudificà | edità a fonte]

A coditremula gialla hè una spezia relativamente sparta è a so pupulazione hè cunsiderata cum'è stabile. Benefizieghja di misure di prutezzione in numerosi paesi europei, in particulare grazia à a prisirvazione di i so ambienti di riproduzione. Eppuru, a digradazione di e zone umite è i cambiamenti climatichi puderianu riprisintà minacce putenziale per 'ssa spezia à l'avvene. Hè dunque essenziale di cuntinuà à surviglià a so pupulazione è à prisirvà i so ambienti per assicurà a so cunsirvazione à longu andà.

Riferimenti[mudificà | edità a fonte]

  • J.-C. Thibault & G. Bonaccorsi, The birds of Corsica, British Ornithologists’ Union, Check-list n°17, 1999
  • J.-C. Thibault, Connaître les oiseaux de Corse - Acelli di Corsica, Ed. Albiana, 2006

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Thibault & Bonaccorsi (1999), Thibault (2006).

Altri prugetti[mudificà | edità a fonte]