Mercuriu (mitolugia)

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Mercuriu in una scultura di Jean-Baptiste Pigalle.

Mercuriu (Mercurius, nome latinu di u diu grecu Hermes, Ερμής) hè u diu di l'eluquenza, di u cummerciu è di i latri, di a mitulugia greca è rumana. Essendu u messagere di i dei hè à spessu ripprisintatu incù l'ale à i pedi.

Mitulugia[mudificà | edità a fonte]

Mitulugia greca[mudificà | edità a fonte]

In a mitulugia greca Mercuriu (Hermes), figliolu di Zeus è di a ninfa Maia, era u messagere di i dei, diu prutettore di i viaghji è di i viaghjadore, di a cumunicazione, di l'ingannu, di i latri, di i scrucconi, di i buciardi, di e sustanze, di a divinazione. Frà altri rolli, Hermes era ancu u purtadore di i sogni è u cunduttore di l'anime di i morti in l'inferni.

Mitulugia rumana[mudificà | edità a fonte]

In a mitulugia rumana Mercuriu ripprisenta non solu per a so velucità i latri ma hè ancu u diu di i scambii, di u prufittu di u mercatu è di u cummerciu, u so nome latinu prubabilmente deriveghja da u termine merx o mercator, chì significheghja mercante.

À Roma, un tempiu dedicatu à ellu fù erettu in u Circu Massimu annantu à a cullina di l'Aventinu, in u 495 a.C..

Ebbe da a ninfa Carmenta Evandro, u mitulogicu fundatore di a cità di Pallante annantu à u Palatinu à Roma.[1]

In l'arte[mudificà | edità a fonte]

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Dionigi d'Alicarnassu, Antichità rumane, I 31.1

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Fonte[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruvene in parte o in tutalità da l'articulu currispundente di a wikipedia in talianu.