Mascione di fangu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
U mascione di fangu
Gobius niger Sardinia 1.JPG
Gobius niger
Classifica scentifica
Regnu Animalia
Divisione Chordata
Classa Actinopterygii
Ordine Gobiliformes
Famiglia Gobiidae
Generu Gobius
Nome binuminale
Gobius niger
Linnaeus, 1758
Gobius niger (Stefano Guerrieri) 1.jpg

U mascione di fangu[1] hè un pesciu chì face parte di a famiglia di i Gobiidae.[2]

Descrizzione[mudificà | edità a fonte]

U mascione di fangu hà un corpu più prufondu ch'è u mascione cumunu, incù un muccichile più attundatu è una taglia di solitu più maiò. Pussede duie nutaghjole dursale guasi cuntinue, a nutaghjola anteriore avendu sei spine, chì ponu varcà a pellanzica di e nutaghjole, è a nutaghjola pustiriore è più corta avendu i raghji molli. A nutaghjola dursale pustiriore si termineghja vicinu à u picciolu cudale, in cuntrariu à i mascioni cumuni chì anu un longu spaziu. E nutaghjole pelviche sò saldate. U culore hè di una certa sfumatura di brunu scuru incù e machje nere indistinte. U culore di u masciu diventa guasi neru mentre a staghjone di riproduzione è e so nutaghjole diventanu più vive. A taglia media di 'ssu pesciu hè di circa 5 à 7 cm.

Distribuzione è ambiente[mudificà | edità a fonte]

U mascione di fangu hè originariu di l'acque poche prufonde di l'oceanu Atlanticu orientale, di u mare Terraniu è di u mare Neru. A so area di ripartizione si stende da u Capu Biancu in Mauritania à Trondheim in Nurvegia è à u mare Balticu è omu u trova di solitu à e prufundità inferiore à 50 metri. U so ambiente tipicu hè custituitu di lagune, d'estuarii è d'acque custiere, annantu à i fondi rinosi o fangosi è frà l'erbe è l'alghe marine, è si culloca in modu occasiunale in acqua dolce.

Cumpurtamentu[mudificà | edità a fonte]

U capiciocciu di fangu si ciba di picculi invertebrati di i fondi marini. Si riproduce d'istate, epica à a quale u masciu crea un territoriu in una zona poca prufonda induv'elle crescenu e gattive erbe è pripara un nidu annantu à un pezzu di fondu marinu pulitu. Invita a femina à aspittà lu è s'ella accetta, ci dipone i so ovi è u masciu i guardia sinu à a so sbucciata.

Lessicu[mudificà | edità a fonte]

U mascione di fangu hè ancu chjamatu capiciocciu neru[3] o u mazzacarò neru.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Casanova (2010, p. 481).
  2. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in inglese.
  3. Miniconi (1980)

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • Tito de Caraffa, Assaghju annantu à i pesci di u litturale di Corsica, Bullitinu di a Sucità di scenze storiche è naturale di Corsica, stamperia Ollagnier, Bastia, 1902
  • Petru Casanova, Motti, Albiana, 2010
  • Miniconi R., Molinier R., Nouhen D., Pimort M.-J. (1980) Pesci di Corsica è di u Mediterraniu, Parcu Naturale Regiunale di Corsica (in francese)
  • Rughjeru Miniconi, Parlata aghjaccina cittatina è paisana, Ed. A Barcella, 2017

Ligami[mudificà | edità a fonte]

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]