Manifestu per a supprissione di i partiti pulitichi

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

U Manifestu per a supprissione di i partiti pulitichi[1] hè un breve trattatu scrittu in francese da a filosufa Simone Weil in u 1943 à Londra, à u termine di a so vita, sottu u titulu Note sur la suppression générale des partis politiques. Fù publicatu postumu setti anni dopu à, in a rivista mensile La Table ronde (n. 26, frivaghju 1950), è in seguitu da a casa editrice Gallimard, prima cum'è libru solu (1953) eppoi à l'internu di a racolta Ecrits de Londres et dernières lettres (1957).

Cuntinutu[mudificà | edità a fonte]

« A cunclusione hè ch'è l'istituzione di i partiti pare propriu custituisce un male senza meze misure. Sò nucivi in u principu, è da u puntu di vista praticu hè listessa per i so effetti. A supprissione di i partiti custituirebbe un bè guasi à u statu puru. Hè perfittamente ligittima in u principu è ùn pare micca pudè produce, à u livellu praticu, ch'è effetti pusitivi. »

In l'opera l'autrice mette in luce cum'è i partiti pulitichi in rialità tradiscinu a so funzione originaria d'organisazione di citatini inspirati da un sintimu cumunu per trasfurmà si in organisazione gerarchiche è autoritarie. L'autrice propone cusì a supprissione di tutti i partiti pulitichi chì sò diventati entità orientate unicamente versu a propria sopravvivenza è cumplittamente scullegate tantu da a so funzione originaria ch'è da i citatini.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte o in tutalità da l'articulu currispundente di a wikipedia in talianu.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]