Lingua di i cenni taliana

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

A lingua di i cenni taliana[1], in acronimu LIS (lingua di i segni in talianu), hè una lingua rumanza visuali dirivata di a famiglia di a Langue des Signes Française (LSF).

Storia[mudificà | edità a fonte]

Un' intalpreta in lingua di i cenni

I ricerchi linguistichi nantu à a Lingua di i cenni Taliana si sò sviluppati da pochi dicennii nonustanti a lingua stessa avissi esistutu dipoi seculi. Tuttu hà iniziu in 1960 quandu William C. Stokoe scrissi Sign Language Structure: An Outline of the Visual Communication System of the American Deaf[2].

Ricunnosci a natura linguistica di a lingua di i cenni, l'elementu siquenziali in l'urganisazioni di a lingua di i cenni è a suddividi in unità minimi. Da quì, s'hè vistu esploda i ricerchi nantu à a lingua visuali in ogni Paesi di u mondu. Ricerchi linguistichi è scentifichi nantu à a Lingua di i cenni Taliana sorghjini solu versu l'anni uttanta di u XX seculu.

Linguistica[mudificà | edità a fonte]

A lingua di i cenni taliana si distingui da a lingua taliana "sunora" in quantu sputicamenti è esclusivamenti visuali, incù una probbia struttura funulogica, murfulogica è sintattica ed hè particularamenti usata da a cumunità taliana di i sordi è figlioli di parenti sordi[3].

Funulugia di i cheremi[mudificà | edità a fonte]

A lingua di i cenni taliana hà cinqui parametri:

  • Cunfigurazioni
  • Lucazioni
  • Muvimentu
  • Uriintamentu
  • Cumpunenti micca manuali (sprissioni facciali)

Murfulugia è sintassa[mudificà | edità a fonte]

A lingua di i cenni taliana hè una vera lingua da u puntu di vista sociulogicu, in quant'è sprissioni d'un'cumunità: a cumunità di i sordi taliani.

Pò ancu essa cunsidarata una vera lingua incù a so struttura è sintassa: quidda hè à spessu diffarenti da u talianu ma pò avè incredibuli similitudini incù altri lingui urali. I verbi par asempiu ùn si cunghjucheghjani micca sicondu u tempu, ma devini cuncurdà sii incù u sughjettu (com'è in talianu) sii incù l'ughjettu di l'azzioni, com'è si pò ussirvà par asempiu in bascu. Esistini formi prunuminali numarichi par indicà "no dui, vo dui" (com'è u duali di u grecu anticu) è dinò "no cinqui, vo quattru, so trè". A cuncurdanza di i verbi, aghjittivi è noma ùn hè micca basata nantu à u genaru (maschili è feminicciu com'è in talianu) ma nantu à a pusizioni in u spaziu induva u cennu hè rializatu. Esistini diversi formi par u plurali "nurmali" è u plurali distributivu, distinzioni scunnisciuti in i lingui auropei, ma cunnisciuti in i lingui uceanichi. U tonu di a boci hè sustituitu da a sprissioni di u visu: ci hè una sprissioni par i dumandi diretti ("Veni?", "studieghji a matematica?"), un' antra par i dumandi cumplessi ("quandu veni?", "chì studieghji?", "Parchì pienghji?"), un'antra par l'imperativu ("Veni!", "Studieghja!") è altri dinò par indicà i frasi rilativi ("u libru ch'aghju cumpratu, a ghjuvanetta incù a quali parlavi").

U cennu d'ogni lingua di i cenni pò essa scumpostu in 4 cumpunenti escinziali: muvimentu, uriintamentu, cunfigurazioni, locu (veni à dì i quattru cumpunenti manuali di u cennu) è cumpunenti non manuali: sprissioni facciali, pustura è cumpunenti urali.

Di st'ultimu elementu, i cumpunenti urali, apposta ch'eddi sò ripprisintati calchì volta solu da labialisazioni simili à u parlatu, si pò ritena ch'eddi ùn appartenini micca sputicamenti à a lingua di i cenni fora di aspetti sicundarii induva u cennu hè idantifichevuli è tuttu à fattu capiscitoghju grazia à l'altri cumpunenti.

Si tratta dunqua d'un apportu di i lingui urali chì a so influenza nantu à i lingui di i cenni si manifisteghja par via d'un' educazioni oppressiva chì ùn parmissi micca, è calchì volta ancu oghji ùn parmetti micca, l'usu naturali di a lingua di i cenni à i sordi incù evidenti finalità dintigrazioni' (furzata è à sensu unicu): molti sordi par asempiu sò avvezzi à pona u verbu in ultima pusizioni (es: criaturu mamma eddu-i-parla) quand'eddi cumunicheghjani in LIS, eppuri in i traduzioni televisivi u verbu hè à spessu postu in siconda pusizioni com'è in talianu.

Hè impurtanti d'ùn fà micca cunfusioni trà tarmini apparintamenti equivalenti com'è "a lingua di i cenni" è "u linguaghju di i cenni". Quissa parchì u terminu "linguaghju", alminu sicondu u De Mauro Paravia, indicheghja genericamenti a capacità innata di l'essari umani di cumunicà trà eddi in una (o più d'una) lingua, indipindintamenti da u fattu ch'eddu s'improda a boci o u corpu par veiculà 'ssa lingua. U terminu "lingua" si rifirisci cusì à un sottuinsemu beddu spicificu di i varii "linguaghji".

A Lingua di i cenni Taliana, à diffarenza di a lingua taliana "auditiva" (o "parlata") basata nantu à l'ordini SVO, hè basata annantu à l'ordini SOV, una prubità ussirvata ancu in i lingui parlati, par asempiu in u latinu, u bascu è u giappunesu.

Noti[mudificà | edità a fonte]

  1. i-segni-taliana ENS: Quandu hè nata a lingua di i cenni?
  2. Sign Language Structure
  3. Children of Deaf Adults - CODA

Da veda dinò[mudificà | edità a fonte]

Liami esterni[mudificà | edità a fonte]

Fonti[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia in talianu.