Lamentu di Ghjuvan' Cameddu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

U lamentu[mudificà | edità a fonte]

Dal mio palazzu, cupertu à verdi fronde
Sù la Tasciana, niente si nasconde
Vedu Carbini è Livia, vedu Portivechju è l'onde
Meditandu il casu mio, la memoria si cunfonde.


Cusì pensosu, privu d'ogni contentu
Sfugar mi vogliu, cun lacrimosu accentu
Poveru Ghjuvan' Camellu, dà principiu al suo lamentu
Pregu voi che m'ascoltate, compatire al mio talentu.


Io son banditu, nel più bel fior di l'anni
Per mio fratellu, mortu cun tanti affanni
Dopu d'aver lu ammazzatu, fù brusgiatu in li so panni
Ma speru ch' ognunu dica, ch'o sò natu cù li sanni.


Napuleone, fratellu sventuratu
D'una donzella, si n'era innamuratu
Poi partì per la Bastia, cun l'oggettu tantu amatu
Non hè questu un gran' delittu, quandu l'omu hè seguitatu.


Ma il padre invece, cun quel falsa ragione
Il mio fratellu, lu fà metta in prigione
Or considerate ognunu, quale fussi la cagione
Cunniscendu di sua figlia, tutta quanta l'opinione.


Quel' omu infame, mandò tuttu in ruvina
È la sua figlia, chjamata Caterina
La serrò dentru una stanza, corretta sera è matina
Poi uccise il mio fratellu, d'un colpu di carapina.


Subitamente, dopu aver lu ammazzatu
Si sottomesse, al perfidu giuratu
È cun mezi ed influenza, fù ben tostu giudicatu
Senza dubbiu in cunsequenza, vense assoltu è liberatu.


Ma per sua sorte, quel' uccisore ingratu
Da u pelegrinu, anch'ellu fù ammazzatu
Oggi davanti al Signore, confesserà il suo peccatu;
Dirà bè ch'è l'unu hè mortu, è l'altru disgraziatu.


Disgraziatu son io per la furesta
Tuttu l'invernu, espostu à la timpesta
Sempre errante è pelegrinu, dite mi chì vita hè questa:
Una petra per cuscinu, la notte sottu la testa.


Veloce assai, dir vogliu com'è lu ventu
Piantu u ghjinochju, poi batte u cor' misentu
U fosciò direttu à l'ombra, credu chì siamu u omentu
Di mustrà u mio curaggiu, ch'eu la morti ùn hò spaventu.


Sia maladettu, quel'die ch'è dast' el core
Al mio fratellu, presu cun tantu amore
Maladetti setti volti, sianu li toi genitori
Causa di tanti guai, senza alcun' puntu d'onore.


Ma s'io mi lagnu, tù o Caterina gemme
Perchè tuo padre, col, mio fratello inseme
Stanu messi in sepultura, quest' assai moltu ci preme
Quantu volte il ferru pugne, duve assai menu si teme.


Tale el passatu è l'avenire hè pienu
Io più nun vedu, per me giornu serenu
Vadu errante è pelegrinu, sempre lagnu è sempre penu
Bastarebbe ch'è di sangue, nun si bagni lu tarrenu.


Io pocu stimu la mio vita mischina
Nè mi spaventu s'è la morte hè vicina
Sonu un acellu di boscu, da lu monte à la marina
Maladettu sia quel' giornu ch'è nascisti o Caterina.


Suvente assai, mancanza di portore
Senza pruvista, m'endebulisce il core
Ho recorsu à la clemenza, di lu riccu è del pastore
Generosi à l'accuglienza, li cumensarà il Signore.


Poi cantu un fiume, vadu spigne la sete
Contemplu l'onde, ove tranquilli è lieti
Festegiandu sonu le pesce senza temere li reti
Anche voi lu dicu, o Diu, più di me cuntenti sieti.


O contentezza, o pace mia gradita
Dove ne andaste, dulcezza di mia vita
O Carbini u bel soggiornu, di stagion' bella hè fiorita
Di ritornu à l'alegrezza, la speranza oggi hè finita.


Poi sonnolente, cusì espostu alla crina
U cor' mi dice: prendi la capapina
Sei da fronti à li nemici è Delbos s'avvicina
Si tù ùn ti levi in piedi, fatta hè la to ruvina.


Mi svegliu invece, è più nun aspettu
Un arbucellu, à me servi di tettu
Sonu su la nuda terra, senza focu è senza lettu
El cantu del barbagiamu hè l'unico mio dilettu.


Il giornu avieni, frà segni d'allegria
Cantan' gli ocelli, ma che dolce armunia
Confortu della tristezza, mia solita cumpagnia
Tantu lieta hè la sua sorte, quant'hè torbida la mia.


Sonu i Lanfranchi, superbi ed orgogliosi
À sua manera, pratendinu li cosi
Furinu li sue nemice, compiacenti è generosi
Ma giammai i Nicolai, sorteranu vergognosi.


U porta vista, tandu versu Livia
Vegu i nemici, Delbos in cumpagnia
Vegu prendere u camminu, di Zonza è Santa Lucia
Ma quandu ci scontreremu, li surtarà la pazzia.


O quantu volti, vedu la forza armata
Da me vicinu, marcchiendu à la pedata
M'à porta l'armi di Francia, è l'hò sempri rispettata
Basta ch'è non mi costringa, di vena à la fucilata.


Mi luce assai, di voglia com'è el ventu
Pianta el ghinocchiu, poi batta el cuor mi sentu
È focu direttu à l'iombra, credu ch'è sia el mumentu
Di mostrare el mio curaggiu, di la morte ùn hò spaventu.


O madre cara, tù chjami li to figli
Unu hè sepoltu è l'altru nei perigli
La tua voce più non sentu, nè menu li to cunsigli
Prega l'angelu custode, chì la morte non lo pigli.


Voi caru padre, surelle del mio amore
Pur lo comprendu, quantu vi piange il core
La vostra trista esistenza hè una vita di dulore
Ma megliu hè star vi ne afflitti, h'è vive cun disonore.


Caru fratellu, io vendicar ti vogliu
Ti l'hò promessa, sopra di quellu scogliu
Quandu il tuo sangue gentile, bevette cun gran curdogliu
La tragedia di tua morte, tingerebbe più d'un fogliu.


Quì cessu il mio cantu, addiu miei genitori
Addiu parenti, sustegnu del mio core
Della mia trista sventura, mi raccomandu al Signore
Il vostru Ghjuvan'Camellu, nun vi farà disonore.

Rifarenzi[mudificà | edità a fonte]

  • Auddè
  • Peretti, Petru Paulu, Campu, 1966

Da veda dinò[mudificà | edità a fonte]