L'odori di Bastia

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

L'odori di Bastia hè una puesia di Petru Lucciana, dettu Vattelapesca.

L'odori di Bastia[mudificà | edità a fonte]

Un grand'omu, orgogliu è bantu
Di a nostra isula, dicia:
"S'è cun l'ochji ùn la vidissi
Eo cù u nasu a senteria."
Vere sò queste parolle
Sopratuttu per Bastia.
Quandu a notte da Livornu
U stranieru à u nostru portu
S'abbicina, sente cum'è
Un odor' di cane mortu :
È a cità che u so prufumu
Manda in guisa di cunfortu.
S'è sbarcate à u Molu Vechju
Duve sbocca ogni cunduttu,
Hè una pesta chì v'assale
È v'affoca dapertuttu.
Quì, ùn val'acqua di Culogna :
Tuppa u nasu, o resti bruttu !
Poi muntendu pe Terazze,
Di biscotti è canistrelli
Scende, hè veru, una dulcezza;
Ma frà mezu à questi è quelli
Ghjunghje u sisu d'agliu è trippe,
Di cantine è di macelli.
À a Traversa, dicerete,
Si rispira ? - Nò, signore !
Ch'è ad ogni passu ci hè un tufone
Chì vi manda u so fetore;
È un parlu di i purtoni
Ch'hanu tutti un trist'odore.
Visitaste forse mai,
Dite, e Scale di Serone,
Ghjesù, Cherughju drittu,
U Puntettu c'u Mughjone ?
Ne u mulizzu è frà i pidochji
Quante vivenu persone !
Dapertuttu è un melingheghju
Di Lucchesi è criature,
Di furmagliu cù scappinu
È di trippe è di frittura,
È Burdelli! Chì ùn ci schiatta
Pò bè dì ch'è hà l'osse dure!
Terranova è San Ghjiseppu
È Sant'Anghjuli è S'u Collu,
Cosa sò ? - Stalle è purcili.
È a Punta ?... Quandu collu
Per i Zeffari à u Mercatu
Dò a mio vita per un sollu.
Un odor di stoccafissu,
Baccalà è anchjuve vechje,
Di cipolle è pesci merzi
U respiru toglie, è à sechje
Score fangu ed altra cosa,
Qui, per tutte e catapechje...
O Bastia, prega u Signore
Ch'è ùn ti mandi qualchì pesta !
S'ella vene, tuttu strughje;
Mancu mosca viva resta...
No, speremu ch'è a spazzola
Piglierai...Ma spazza lesta !