L'annu novu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

L'annu novu hè una puesia di Petru Lucciana. Hè stata publicata in L'Annu Corsu in u 1923.

L'annu novu[mudificà | edità a fonte]

Annu novu, eo ti salutu!
Hai di fiori una curona;
Di speranze è sogni splende
Tutta quanta a to persona;
Ma chì hà esperienza
Ùn si fida à l’apparenza.
N’aghju vistu vene assai
Di i fratelli toi maggiori,
Carche e mane di prumesse;
Eppo, invece di favori,
Calci è pugni m’hanu datu,
Cum'è un polpu m’hanu pistatu!
Tante cose ùn ti dummandu
Cunsigliere municipale,
Marghigliè, nè crucifissu
Ùn vogliu esse, nè u ghjurnale
Di u mio nulla empie ùn mi piace.
Bramu solu salute è pace.
Quandu giovanu eru anch’eo,
È ùn sputava ancu i mio denti,
Cridia u mondu una carriera
Duve a palma hè di i valenti.
Cambiatu emu o eo od ellu,
Ch'è mi pare avà un burdellu.
Omi è donne in cunfusione,
Cum'è mascare, daretu
À pastizzi è bichjerini
Ghjornu è notte corre vedu;
Ed ùn guardanu, e carogne,
S’elli scoprenu e vergogne.
Ma leghjendu i libri antichi,
Sti lamenti pur ci trovu;
Sicchè in fondu di u mio core
Dulurosi dubii eo provu.
Serà vera chì u mondu tuttu
Statu hè sempre cusi bruttu ?
Oh, sia pur cumm’ella sia!
S'è ci hè u goffu, ci hè ancu u bellu,
È di questu eo mi cuntentu,
À chì u vole lascendu quellu;
È ripete quì mi piace
Dà mi tù salute è pace !

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]