Gondula

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

A gondula hè un'imbarcazione tipica di a laguna di Venezia.

Per e so caratteristiche di manuvrabilità è velucità hè stata, finu à l'avventu di i mezi moturizati, l'imbarcazione veniziana più adatta à u trasportu di persone in una cità com'è Venezia, induve e vie acquose sò sempre state quelle più usate per i trasporti.

Struttura[mudificà | edità a fonte]

A gondula hè cumposta da 280 pezze differente, fabbricate incù 8 essenze di ligname.

Tipichi fregi di e gondule

A so custruzzione richiede di solitu più d'un annu.

Longa circa 11 metri è di caratteristica forma asimmetrica, incù u latu mancu più largu ch'è quellu drittu, pò esse cundotta da un à quattru remadori chì voganu à a veneta, vene à dì in pedi è rivolti versu a prua, è incù un solu remu (distinguendu si cusì da a voga à a valesana).

U longu remu hè manuvratu appughjendu lu à un speziu di scalmu liberu dinuminatu fòrcula, chì s'insirisce in u so allughjamentu apposta è si caccia dopu à l'usu.

U ferru di prua

L'asimmetria serve à simplificà a cundotta à un solu remu. L'asimmetria moltu accintuata di e gondule attuale hè quantunque d'introduzione piuttostu ricente: prugetti di u fine di l'Ottucentu dimostranu ch'è, à l'epica, a forma era solu marginalmente asimmetrica.

U tipicu pettine o ferru di prua (in venizianu fero da próvà o dolfin) hà u scopu di pruteghje a prua da evintuale cullisione è ancu com'è imbillimentu. A so forma hà tradiziunalamente u significatu di ripprisintà i sei sestieri di Venezia (i sei denti rivolti in davante), a Giudecca (u dente rivoltu à daretu) è u cappellu di u Doge, l'archettu sopra u dente più altu ch'è u pettine ripprisenta u Ponte di Rialto, infine, è a "S" chì parte da u puntu più altu per ghjunghje à u puntu più bassu ch'è u ferru ripprisenta u Canal' Grande.

U ferru di puppa, moltu più chjucu ch'è quellu di prua è incù una funzione principalmente di prutizzione da l'inticci, hè dittu rìço.

Malgradu a cunsiderevule lunghezza, a gondula hè estremamente manighjevule, grazia à u so fondu paru è à a ridutta purzione di scaffu immersa, è pò esse manuvrata ancu in spazii stretti. E manovre richiedenu però una nutevule abilità da parte di u cunduttore, dettu gonduliere, chì deve esse dutatu d'un sensu di l'equilibriu moltu sviluppatu in quantu a pusizione di voga à l'estremità di a puppa hè assai instabule. Per evità scontri, ci hè l'usanza d'avvertisce à a boce quandu si svolta in un riu strettu è i tipichi richjami (òhe) sò divintati un elementu caratteristicu di a cità.

Parechje gondule (in voga in l'Ottucentu, ma oghje guasi scumparse) prisentanu una spezia di cabina (chjamata "felze") per a prutezzione di i passaghjeri.


Storia[mudificà | edità a fonte]

Gentile Bellini, Miraculu di a Croce caduta in u canale di San Lurenzu. U quatru mostra l'aspettu di a gondula in u 1500

A forma di a gondula fù definita prugressivamente in u corsu di u tempu. E rapprisentazione pittoriche chì ricollani à u XV-seculu XVI mostranu un'imbarcazione nutevulamente differente da quella attuale. In u quatru Miraculu di a Croce caduta in u canale di San Lurenzu di Gentile Bellini, datevule à u 1500, e gondule appariscenu più corte, più larghe è menu slanciate ch'è quelle attuale è soprattuttu prive d'asimmetrie. A cuperta di prua è quella di puppa, induve si posiziuneghja u gonduliere, sò piatte è moltu basse rispettu à u livellu di l'acqua. I ferri, tantu in prua ch'è in puppa, sò custituiti da dui breve è suttile astine metalliche. A forcula di u remadore apparisce piatta è essenziale, priva d'oviti.

Fù solu trà u 1600 è u 1700 ch'è a fisiunumia di a gondula, imprudata sempre più per u trasportu privatu, s'avvicinò à quella attuale. In stu arcu di tempu, a lunghezza di u scaffu cresce è ancu i ferri, soprattuttu quellu di prua, assumenu diminsione sempre più maiò, rispettu à quelle attuale, incù un caratteru ornamentale sempre più forte. A puppa si stringhje è principia à alzà si rispettu à u livellu di l'acqua. E cuparte di puppa è di prua perdenu a so forma piatta è à a puppa l'hè aghjunta una piccula pedana d'appoghju per garantisce l'equilibriu di u gonduliere. Ancu a forcula assume a so caratteristica forma oghjinca à ovitu. Eppuru u scaffu mantene sempre una sustanziale simmitria.

Serenate[mudificà | edità a fonte]

E serenate in gondula tradiziunalmente si svoglienu per u più d'istate è consistenu in un picculu curteghju d'una decina di gondule, frà e quale una ospiteghja un cantadore di solitu accumpagnatu da un urganettu. Sò suvitate meludie tradiziunale in dialettu venizianu d'autori anonimi di u 600 o di u 700 è ancu cuntempuranei: Bixio Cherubini, Carlu Concina, Italu Salizzato, Emilio De Sanzuane, Francu Millan o ancu di a tradizione taliana (Rinatu Carosone, per asempiu). I curteghji partenu da San Marcu è percorrenu tratti di u Canal Grande o percorsi interni longu i rii, attravirsendu e zone più caratteristiche di a cità.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Ligami esterni[mudificà | edità a fonte]


Note[mudificà | edità a fonte]


Fonte[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruvene in parte o in tutalità da l'articulu currispundente di a wikipedia in talianu.