Ghjobba

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Illustrazione di u Libru di Ghjobba da parte di u pittore William Blake: Satanassu inflige e piaghe à Ghjobba (Tate Britain, Londra)

Ghjobba hè un patriarca idumeu è l'eroe di u Libru di Ghjobba, libru di i Ketuvim di a Bibbia ebraica è classificatu da i cristiani trà i libri sapienziali di l'Anticu Tistamentu. L'equivalente arabuAyoub (أيوب Ayyūb), a variante turcaEyüp, è u significatu di u so nome hè "perseguitu", chì "supporta l'avversità".

Ghjobba ripprisenta l'imaghjine di u ghjustu di u quale a fede hè messa à a prova da parte di Diu. I catolichi ne festighjeghjanu a santità u 10 maghju. Una moschea d'Istanbul porta stu nome, quellu di un cumpagnu di Magumettu mortu cumbattendu davante à a cità chì si chjamava à quellu tempu Custantinopuli. A dinastia di l'Ayyubidi fundata da u futuru sultanu Saladinu prese u propriu nome da u babbu di 'ssu persunaghju.

Persunaghju biblicu[mudificà | edità a fonte]

Ghjobba, dipintu di Léon Bonnat, 1880

Nonustante e so caratteristiche di ghjustu, u nome di Ghjobba vene da e prove ch'è Satanassu l'hà fattu subisce. Ghjobba supporta incù rassignazione a perdita di i so bè, di i so figlioli è ancu e suffrenze duvute à a so malatia. Inoltre supporta i rimproveri di trè amichi soi, senza ghjastimmà una sola volta u so Diu. Diu li spiigherà dopu ch'è ùn ci vole micca à ghjudicà l'azzione divine da u puntu di vista umanu. Infine u ristabilirà in tutti i so averi, radduppiendu li ancu.

Ebbe setti figlioli è trè figlie chì mureranu in u crollu di a casa di unu d'elli à l'iniziu di e so prove. Dopu ebbe di novu setti figlioli è trè figlie quandu Diu u riabilitò à u termine di a so vicenda. E so ultime trè figlie si chjamavanu: Culombula, Cassia è Fiala di Stibio.

Persunaghju di u Coranu[mudificà | edità a fonte]

U Coranu cita Ghjobba cum'è un prufeta nobile è generosu. Diu l'hà amatu assai apposta ch'ellu hè statu un di i so più umili è fideli servitori. Hà aiutatu l'urfanelli è hà sfamatu i povari. Videndu a divuzione di Ghjobba versu Diu, Satanassu hà dicisu di tentà lu ma senza riesce ci. Eppuru Satanassu hà tentatu a so moglia Rama incù successu. Diu tandu l'hà culmatu di miserie è hà divutu soffre incù pacenzia.


Ghjobba, a suffrenza di u ghjustu[mudificà | edità a fonte]

Icona russia di San Ghjobba di u XVII seculu

Ghjobba ripprisenta a cuntradizione trà u ghjustu chì soffre senza colpa è u malvaghju chì invece hè prosperu: hè a metafura d'una ricerca di a ghjustizia chì diveria culpisce à chì face u male è assolve è ricumpensà à chì face u .

Sicondu l'abrei, in u periodu di l'esiliu babilunese ci era a cunvinzione ch'è u malvaghju era ghjustamente punitu incù u dulore o a perdita di bè materiali, cum'è effettu immediatu, guasi meccanicu, di e so gattive azzione mentre u bonu, quandu agiscìa bè, era subitu primiatu incù l'abbundanza è a ficundità.

Per l'abrei (cum'è per e pupulazione semitiche) l'amicizia incù Diu di l'omu ghjustu hè purtatrice d'una ricumpensa terrena. U casu d'un ghjustu culpitu da a suffrenza divia esse cunsideratu cum'è un incidente limitatu in u tempu, da ammaistrà incù a prudenza, a pacenzia, e virtù di a Savviezza chì avarianu inghjennatu a fine di u dulore è u premiu immediatu.

Quandu si custatava ch'è l'omu inghustu gudia è pruspirava nonustante a so malvaghjità, a murale ebraica, cum'è ancu quella greca, cum'è affiora da e tragedie di u ciclu d'Edipu, sustenia ch'è a furtuna di quessi seria di breve durata è ch'è a ghjustizia divina seria intervinuta per rimette in equilibriu i pari di a bilancia cundannendu s'ellu ùn hè elli, ma a so figliulanza sicondu u principiu ch'è i figlioli paganu per e colpe di i patri. Quessa pudia accade ancu per u ghjustu chì, forse senza sapè la, ùn piglia micca in contu l'effettu d'azzione malvaghje cummesse da i so patri. Geremia (VII seculu a.C.) invece è soprattuttu Ezechiele (VI seculu a.C.), avianu invece in modu chjaru dettu, in anticipu annantu à u Libru di Ghjobba, prubabilamente di u V seculu a.C., ch'è i figlii ùn paganu micca per e colpe di i patri è i patri ùn paganu micca per e colpe di i figlii, ma ognunu paga per sè. (cfr. Ezechiele.

Citazione[mudificà | edità a fonte]

Accade chì Ghjobba fussi mintuvatu in a cultura è in a litteratura corsa. Per esempiu in a sprissione: vede à Ghjobba, chì vole dì: soffre assai: aghju vistu à Ghjobba!

Note[mudificà | edità a fonte]


Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]