Vai al contenuto

Falcu stantarolu

À prupositu di Wikipedia
U falcu stantarolu
Falco tinnunculus
Classificazione scentifica
Regnu Animalia
Divisione Chordata
Classa Aves
Ordine Accipitriformes
Famiglia Falconidae
Generu Falco
Nome binuminale
Falco tinnunculus
Linnaeus, 1753
Falcu stantarolu

U Falcu stantarolu (Falco tinnunculus) hè una spezia di acellu chì face parte di a famiglia di i Falconidae.

Descrizzione[mudificà | edità a fonte]

U falcu stantarolu hè una spezia di rapace diurnu appartinendu à a famiglia di i Falconidae. Di taglia media, hè cunnuscitoghju à u so prufilu slanciatu, e so ale pinzute è a so coda abbastanza longa. U piumaghju di u masciu prisenta una testa è una coda grisgia o turchnina, incù un spinu rossu pichjulatu di neru. A femina, inquant'à ella, inarbureghja culori più terni incù un spinu è una coda rossi imbarrati di neru. U falcu stantarolu misura trà 31 è 39 cm di lunghezza, incù una largura da 65 à 82 cm. U masciu pesa da 190 à 240 g è a femina da 220 à 300 g.

Ripartizione[mudificà | edità a fonte]

U Falcu stantarolu hè largamente spartu à traversu l'Eurasia è l'Africa. A so area di ripartizione si stende da l'Europa è l'Africa Nordu insin'à a China è a Mongulia. Hè ancu prisente in l'isule di u mare Terraniu è in parechje rigione d'Africa subsahariana. 'Ssa spezia hè sedentaria in e rigione e più calde di a so area di ripartizione, ma e pupulazione nurdinche ponu migrà ver'di u sudu d'inguernu.

Falco tinnunculus hè prisente è cumunu in Corsica.[1]

Biolugia[mudificà | edità a fonte]

U rigimu alimintare di u falcu stantarolu hè per u più cumpostu da picculi mammiferi, tali i topi campagnoli è i tupanchjini, ma pò ancu cibà si d'acelli, d'insetti è di rettili. A so tecnica di caccia caratteristica, u bulu sopr'à locu, li permette di sceglie e so prede in pianu prima di piumbà per catturà le. A riproduzione hà locu una volta à l'annu, di regula di veranu. U nidu hè à spessu stabilitu in cavità, scugliere o bastimenti. A femina face trà 3 è 6 ovi, chì sò per u più cuvati da ella, mentre ch'è u masciu furnisce u cibu.

Tassonumia[mudificà | edità a fonte]

Falco tinnunculus hè stata discrittu per a prima volta da Carl Linnaeus in 1758 in a so opera Systema Naturae. Parechje sottuspezie essa state identificate, rispechjendu a vasta ripartizione geugrafica di a spezia. Frà 'sse sottuspezie, omu pò cità Falco tinnunculus tinnunculus, a sottuspezia numinale truvata in Europa è in Asia, è Falco tinnunculus rupicolaeformis, prisente in Africa. Sinonimi menu currentemente usati per 'ssa spezia inchjudenu Falco alaudarius è Falco rupicolus.

Cunsirvazione[mudificà | edità a fonte]

U statutu di cunsirvazione di u Falcu stantarolu hè attualmente classificatu cum'è Preoccupazione minore da l'Unione internaziunale per a cunsirvazione di a natura (UICN). Ma u falcu stantarolu hè prutettu da a cunvinzione internaziunale di Washington (CITES) chì intardisce u cummerciu di e spezie di fauna è di flora minacciate di sparizione. Benchì a spezia sia glubalmente stabile, certe pupulazione regiunale sò in calata, per u più per causa di a perdita d'ambiente, di l'usu di pesticidii è di a diminuzione di e prede dispunibile. Misure di cunsirvazione, tale a prutezzione di i siti di nidificazione è a rigulazione di l'usu di i pesticidii, sò necessarii per assicurà a sopravvivenza à longu andà di 'ssa spezia emblematica.

Riferimenti[mudificà | edità a fonte]

  • J.-C. Thibault & G. Bonaccorsi, The birds of Corsica, British Ornithologists’ Union, Check-list n°17, 1999
  • Jean-Claude Thibault, Connaître les oiseaux de Corse - Acelli di Corsica, Ed. Albiana, 2006

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. Thibault & Bonaccorsi (1999), Thibault (2006).

Altri prugetti[mudificà | edità a fonte]