Canzona di Manetta

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

Manetta hè una canzona tradiziunali di Corsica.

A canzona[mudificà | edità a fonte]

Eccu u testu di Manetta, mintuvatu in u libru di Petru Paulu Peretti.

U me Ghjaseppu maritu tantu caru,
Chì in ogni cosa ci mittia riparu,
Quistu annu in alizzioni hà mostru un talentu raru,
A cascia municipali ci hà presu moltu dinaru !
Cusì facia l'ignobili Gambetta,
Incu la Fabru è tutta l'impisetta,
Di li tisori di la Franca ni pigliò la miglior' fetta,
È cusì faci in Palleca lu nostru caru Manetta.
Ùn ti n'arricordi quand’ eri in u Furciolu,
Cun quattru capri abandunatu è solu,
Par procurà ti la cena pigliavi l'acedda in bolu,
Par tè nun ni sbarcava farina sopra lu molu !
Ùn ti n'inveni quand' eri in u caseddu,
Vindii acughji, culteddi è zifuleddi,
Calchì pettinu di legnu è filu calchì ghjumeddu,
Tù di li capracci vechji ni facii lu maceddu,
Oghji ha fattu una casa chì hè più forti ch'è un casteddu.
Oh! quantu volti tù facii cena,
Cun quattru poma saliti mancu appena,
Tandu tù nun cunniscii nè à Ceccaldi nè ad' Arena,
Avà sì ch'è li cunnosci, t'hà la panza grossa è piena.
Ancu ad Arnestu pigliesti par Cumpari,
Mai ch'è l'avissi pensa di bulià si cun i to pari,
Li pigliesti la vittura, lu cavaddu è li dinari.
Eri sempri in benefiziu in tutti li to affari.

Rifarenzi[mudificà | edità a fonte]

  • Peretti, Petru Paulu, Campu, 1966