Bellu è bruttu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

Bellu è bruttu hè una puesia di Petru Lucciana, dettu Vattelapesca (1832-1909).

Bellu è bruttu[mudificà | edità a fonte]

Si, ne u mondu è mischiatu u bellu à u bruttu
È s'hè vera ch'è questu sopravanza,
L'altru ùn manca : da u prunu o fiore o fruttu
Nasce suave, siccume a speranza
È a gioia da u dulore... È a vista sola
D'un po' di bè, di u male ci cunsola.
Ciò dicendu, à te pensu, o casta è pura
Vergine, ch'è frà noi rapidamente
Cume stella cadente
Passasti in notte oscura,
Lascendu ci ne u core
Improntu u to splendore.
Smarita in mezu à un mondu traditore,
Povar'orfana sola, à diciott'anni,
A to virtù n'e lacrime temprasti,
È di tutti l'inganni
Cù a to sola innucenza triunfasti ;
Poi, curandu l'infermi à l'ospidale
Duve ti spinse a nobile natura,
Cun morte aspra, immatura,
Di u sacrifiziu a palma cunquistasti...
È questa assai più vale
Ch'è i sanguinosi allori
Di tanti imperatori !...
U so nome ?... Cuprimu lu d'un velu
Per un offende sa mudesta in celu.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]