Acamanti

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Acamanti è Demofonti

In a mitulugia greca, Acamanti (o Acamante) hè u nomu di un valurosu eroi troianu, figliu di Antenori, chì affiancò Enea è u frateddu Archelocu à a vida di i Dardani, alliati di Priamu. U so patri era unu di i cunsiglieri di Priamu à Troia, è ancu u più favurevuli à a ristituzioni di Elena è à a pacificazioni incù l'Achei. Acamanti sopravvissi di pocu à u frateddu Archelocu, riiscendu quantunqua à vindicà ni a morti; in l'insemu svolsi un rolu particularamenti brillanti duranti l'avanzata troiana contr'è i navi avvirsarii.

U mitu[mudificà | edità a fonte]

Origini[mudificà | edità a fonte]

Acamanti appartinia à una nobili famiglia troiana: u so patri Antenori era unu di i più fidi cunsiglieri di u rè Priamu, chì in più di una occasioni avia dimustratu a so nubiltà d'animu è u so spiritu pacifistu; à u principiu salvendu Menelau è Odisseu chì, ghjunti à Troia par riclamà à Elena, stavani par essa massacrati da i Troiani, istigati da Antimacu, è infini invitendu Priamu à a ristituzioni di a donna à u so lighjittimu maritu, Menelau stessu. A matri di Acamanti, Teanu, figlia di Cisseu, rè di Tracia, era stata eletta sacirdutessa di Atena à Troia è era, sicondu certi tradizioni, suredda di a righjina Ecuba. Incù u dighjà citatu Archelocu, Acamanti era solu unu di l'innumarevuli figli generati da Antenori incù a moglia, à a quali lista hè in parti ridatta da a stessa Iliadi; trà i so frateddi più valurosi si ricordani Cooni, u primogenitu, Agenori, Demoleonti è Polibu. In a guerra di Troia Acamanti era moltu affizziunatu à u cucinu Enea, cummandanti di i Dardani, incù u quali cundividia a supremazia. Quandu Troia fù assidiata da l'asercitu di Agaminnonu, dicisu di vindicà l'offesa chì u principi troianu Paridi avia arricatu à u frateddu Menelau rapiscendu ni a moglia Elena, Acamanti ùn si dichjarò micca immediatamenti à favori di u so populu, ma attesi novi anni prima di cunducia l'asercitu dardanu com'è alliatu a Troia. U soiu fù un attu di fideltà à Enea, in quantu l'eroi parechji volti ebbi cuntrasti incù Priamu chì era u so sociaru; prubabilamenti u figliu di Anchisi ùn saristi mai intarvinutu à favori di u rè troianu, s'è Achilli ùn avissi rializatu un'incursioni contr'è i mandrii chì Enea facia pasculà di solitu annantu à u monti Ida.

A morti[mudificà | edità a fonte]

Sicondu Omeru, Acamanti murì dopu à avè vindicatu Archelocu: à uccida lu fù Merioni. Ma Quintu Smirreu afferma chì fù inveci uccisu pocu prima di a caduta di Troia, culpitu da una freccia di Filotteti.

Da veda[mudificà | edità a fonte]