Vociaru di Culomba

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

U vociaru di Culomba (o voceru di Culomba) hè un vociaru di Corsica. Hè statu cantatu da Culomba, in Fuzzà, a sera di l'intarru di u babbu.

U vociaru[mudificà | edità a fonte]

Hani spintu li cirona
È sarratu hani la tomba
U rimori di la cascia
In lu cori mi ribomba
Babbu hè mortu, Orsu hè luntanu
È sò trista com'è l'ombra.
Stanghiddata stà la porta
È sò chjusi li purteddi
Micca lumu è micca luci
Duva stani l'urfaneddi
Ma la notti hè com'è mè
Nera è carca di flageddi.
Ch'eddu dormi lu paesi
Fin'à l'escia di lu soli;
Veghju eiu la disgraziata
Sola cù lu me dulori
Ma sò secchi li me ochji
È nun mi tremma lu cori.
U me babbu si n'hè andatu
Duv'eddu hè nostru Signori
L'hani tombu à tradimentu
Omini falsi è senza onori
Maladetta sia la razza
Chì mi dà tantu dulori.
Brutta razza di vigliacchi
Sia trè volti maladetta
Seti trè li Barraccini
Seti trè pa la vindetta
A vindetta sacra è santa
Chì Culomba devi fà.

Rifarenzi[mudificà | edità a fonte]

  • Peretti, Petru Paulu, Campu, 1966

Da veda dinò[mudificà | edità a fonte]