Voceru di a mamma d'un banditu

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

U voceru[mudificà | edità a fonte]

O Lucia la capivana
È di pocu sentimentu;
Ancu contru à lu to sangue
Ordi tantu tradimentu?
Lu mandasti à la campagna
Cun assediu è patimentu.
Quand'eu ti vidia piglià ne
La to zucca è lu pilone
La terzetta è lu fucile
Mi sentia ghjaccià lu core.
O Savè, caru di mamma
È nun crepu di dulore!
È lu nome di Lucia
Lu pudiamu chjamà
O Savè, caru di mamma
Lu pudiamu inquatrà.
Ella à tè levò lu fiatu
È à mè m'aiuta à invechjà.
O caru di la to mamma
Lu to babbu hè à collu tortu;
Rizza ti, lu me figliolu
È dà li qualche cunfortu...
Ah ! ch'io pienghju li to panni
È nun vedu lu to voltu.
Ti teniamu lu frenu
Perché tù nun fessi male;
Perch'aviamu la speranza
Di pudè ti liberà ne;
Ma e to paci, u mio figliolu,
Cuminciaranu eri mane.
O Savé, lu mio figliolu,
Eu ti vogliu dà un cunsigliu:
Pensu à te, caru di mamma
Dund'è passu, è dund'è eu pigliu
Diventàtu hè lu mio core
Cum' un grombulu di migliu.
O Savé, caru di mamma
Tù di nimu ùn ti fidà.
Finghjerebbenu d'amà ti
Ti putrebbenu ingannà;
Ancu l'altri ti faranu
Cum'è lu to ziu Don Ghjà.

Entre una vicina è a mamma, salutendu la, li dice:


Benvenuta in signuria
Voi, o signora Jacinta!
La causa di u mio figliolu
Istamane l'emu vinta;
È di tamanta famiglia
Oghje la candela hè spinta.

Parlendu à l'assistenza:

Eu à voi altre, Signore
Vi chjedu à tutte licenza
Vogliu scende à San Ghjuvanni
Chì ci aghju la mio speranza.
O Savè, caru di mamma
T'aghju da bramà abbastanza.
La to mamma scunsulata
T'hà nutritu, t'hà ingrandatu
Eri da le to ferite
Lu so sangue s'hà suchjatu:
Quest'hè u ben ch'è duvia avè
Da u so figliu tantu amatu.

Quì interrompe una cugina di u defuntu:

Mi tengu maravigliata
Ch'eu nun volti di cerbellu
Perchì vecu li nemici
Quì da nantu lu purtellu:
Nun ti vogliu pienghje cuginu;
Vogliu pienghje ti fratellu!

Prosegue la Mamma:

Dissi: o cumpare Taddeu
Fate voi quel' chì pudete;
Si ben ch'ellu abbia mancatu
Voi le compatiscerete
Quantu meritu da Diu
O cumpà, chì n'averete!
Rispose lu miò cumpare:
Eu feraghju quantu possu
Sò di li Paganellacci;
Persuade eu nun li possu.
Hanu a volpe in l'ascella
Cù lu so mantellu addossu.
Lu sapianu li Bunelli
Lu sapianu li Marcucci.
Si l'avianu capita
Ci vuliamu falà tutti
Carchi di munizione
È di polvera è cartucci.
Oh lu mio cane di posta!
Oh lu mio fieru leone!
Nun seria firmatu à quattru
S'ellu avia munizione:
L'averia lampatu in terra
À Taddeu lu gran latrone.
Duv'é lu mio curaghjosu?
Lu mio campione duv'hè?
Benchè tù fussi zitellu
Si battutu quant'è trè.
Quandu nun pudesti più ne
Ti tumbasti da per tè.
Per avè traditu à tè
Ci serà croce d'onore...
O Savè, lu mio figliolu
Mi sentu crepà lu core!
Mi so tumbata di piantu;
Ma tantu nun possu more!

Referenze[mudificà | edità a fonte]