Differenze trà e versioni di "Minotauru"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Minossu, rè di Creta, prigò Poseidonu,u diu di u mari, di invià li un toru com'è simbulu di l'apprizzamentu di i dii versu eddu in qualità di suvranu, prumittendu di sacrificà lu in onori di u diu. Poseidonu accunsintì è li mandò un biddissimu è putenti toru biancu di gran valori. Vista a biddezza di l'animali, parò, Minossu dicisi di tena lu par i so mandrii è ni sacrificò un antru. Poseidonu tandu, par puniscia lu, feci innamurà pirdutamenti Pasifae, moglia di Minossu, di u toru stessu. Nonostanti eddu fussi un animali ed edda una donna, Pasifae disidarava ardentamenti accuppià si incun eddu, è vulia à tutti i costi suddisfà u so probiu desideriu carnali. Ci riiscì nascundendu si drentu una ghjuvenca di legnu custruita par edda da un artista di corti, Dedalu.
 
Da l'unioni mostruosa nascì u Minotauru, tarmini chì unisci, par appuntu, u prefissu "minos" (chì sicondu i critesi significava rè) incù u suffissu "taurus" (chì significheghja toru). U Minotauru avia u corpu umanoidi è bipedi, ma avia zòcculi, piddiccia buina, coda è testa di toru. Era salvaticu è feroci, parchì a so menti era cumplitamenti duminata da u stintu animali, avendu a testa, è quindicusì u ciarbeddu, di una bestia.
 
Minossu feci rinchjuda u Minotauru in u Labirintu di Cnossu custruitu da Dedalu. Quandu Androgeu, figliu di Minossu, murì uccisu da uni pochi d'atinesi infuriati parchì avia vintu troppu à i so ghjochi disunurendu li, Minossu dicisi, par vindicà si ch'è a cità di Atena, sottumissa tandu à Creta, divia invià ogni novi anni setti ziteddi masci è setti ziteddi femini da offra in pastu à u Minotauru, chì si cibava di carri umana. Tandu Teseiu, eroi è figliu di u rè atinesi Egeu, si uffrì di fà parti di i ghjovani par scunfighja u Minotauru. Arianna, figlia di Minossu è Pasifae, si innamurò di eddu.
Utente anonimo

Navigazione