Orezza

À prupositu di Wikipedia
(Reindirizzamento da Pieve d'Orezza)
Jump to navigation Jump to search
Lucalizazione di a pieve d'Orezza
Orezza annantu à a Carta di l'isula di Corsica di Bellin di u 1764

A Pieve d'Orezza era una pieve di Castagniccia, in Corsica. Situata in u "Diquà da i Monti" chì, incù u Capicorsu, equivalia à l'attuale dipartimentu di Cismonte.[1]

L'Orezza facia parte di a diòcesi d'Aleria.

Geugrafia[mudificà | edità a fonte]

Chjesa Santu Petru è Santu Paulu di Pedicroce

Orezza (si scrivia Oresa in genuvese), era una pieve chì cuntava circa 5000 abitanti versu u 1520. Era una di e pieve chì cumponenu a Castagniccia, rigione di a castagneta chì copre l'anziane pieve d'Orezza, Alisgiani, Vallerustie, Ampugnani, Rustinu, Casaccuni, è parte da e pieve circunvicine[2].

Orezza si situava trà e pieve di :

Cumpusizione[mudificà | edità a fonte]

U territoriu di a pieve d'Orezza currisponde oghje à u territoriu di e quatordeci cumune di :

Versu 1520, a pieve d' Oreza cuntava circa 5000 abitanti. Cuntava frà i lochi abitati : A Campana, A Ponticaghja, u Fussatu, u Bulianache, u Quella, u Pughjolu, Nucariu, Acqua Fredola, u Zuccarellu, l'Erbaghju, u Petricaghju, u Verallese, Campu Rotundu, Campu Donicu, Siliura, u Pigiale, u Pè d'Orezza, Pozolu, a Casalta, Pianuforte, u Pedelaciore, A Fontana, u Duchelagie, u Satoghju, Patrimoniu, Pastorechia, Stazzone, e Piazzole, u Ghjilardagie, e Francolachie, u Pastinu, Ostu, e Pichjaraghje, Casabona, Marmuriu, u Pogile, Casinegri, u Gallicu, a Casanova, a Penra bona, a Parata, u Poghju, u Pè di Petru, Tramica, u Poghje, Rapaghju, Granaghjole, l'Olmu, Carpinetu, Pusatoghju, Brostecu, l'Incolla, Carchetu, u Surbellu, u Castellu, u Pè d'Albertinu, e Maistragie[3].

Storia[mudificà | edità a fonte]

In u 1092 l'arcivescu Daibertus vescu di Pisa hè numinatu da u papa Urbanu II, capu di e 6 diocese corse : Nebbiu, Mariana, Accia, Savone, Aiacciu è Aleria.

In u 1133 Genuva ottene da u papa Innucente II e diocese di Nebbiu, Mariana è Accia, Pisa cunsirvendu Savone, Aiacciu è Aleria.

Dopu à a battaglia navale di Meloria (1284) chì vede a disfatta di i Pisani, Genuva s'impatrunisce di a Corsica.

Annantu à e carte di Corsica editate à u principiu di u seculu XVIII (a scrittura era genuvese), Orezza si scrivia Oresa.
Annantu à quella di u cartugrafu è editore Seuter editata a prima volta in u 1700, omu leghje chì 'ssa rigione chjamata diquà da i monti era occupata da u populu di i Licmini (Licnini) è si truvava in a diocese d'Accia.

Sturicamente, Orezza era a pieve a più ricca è a più pupulata di Corsica.

A pieve civile[mudificà | edità a fonte]

Strattu di a Carta di l'Isula di Corsica da Dumenicu Policardi (1769)

.

À u seculu XVI, Orezza si truvava in a pruvincia di Bastia, in a cumpetenza di a so ghjuridizione civile.

À u seculu XVI l'organisazione ghjudiziaria in Corsica cumprendia u "Sindicatu", una sorta di tribunale supremu à funzione diverse. Quellu di u Diquà da i monti, era cumpostu da "sindachi" : dui Genuvesi è in più sei membri Corsi eletti à raghjone di dui per terziere ; a so cumpitenza si stendia à e ghjuridizione di Bastia, Corti è Aleria.

« Ma omu ùn tarda micca à cancellà i sindachi insulari, di sorta chì prestu i ripprisintanti di Genuva potinu soli fà parte di u Sindicatu.[4] »

À u principiu di u seculu XVIII a pieve d'Orezza cumprendia i seguenti lochi abitati:

« Tramica con 4 cità 299. Piazzale con 2. 275. Piè della Croce 374. Rapagio, e Grana : 156. Erbagio 163. Parata 115. Querrino 110. Pastorecchia 98. Fontana 57. Bustico, l'Incolla125. Carpinetu con 3 cità 319. Piè di Opartino 168. Uerdese, e Fossato 222. Nocaria 84. Campodenico 85. Stazzona 165. Piè d'Orezza 213. Carchetu, Castellu, e Sorbellu 441. Campana, è Casanova 163 »

Francescu Maria Accinelli in A storia di a Corsica vista da un Genuvese di u seculu XVIII - Trascrizzione d'un manuscrittu di Genuva - ADECEC Cervioni è l'Assuciazione FRANCISCORSA Bastia 1974.</ref>

Annantu à a Carta di l'Isola di Corsica[5], di Dumenicu Policardi (1769), Orezza si situeghja in a pruvincia d'Accia.

A pieve d'Orezza diventa in u 1789, u cantone di Pedicroce. In u 1954, u cantone di Pedicroce era cumpostu incù e cumune di Brusticu, Campana, Carchetu, Carpinetu, Monacia-d'Orezza, Nucariu, Parata, Piazzole, Pedicroce, Pedipartinu, Pede'Orezza, Rapaghju, Stazzona, Valle-d'Orezza è Verdèse. In u 1973, aduniscerà incù l'anzianu cantone di Valle di Alisgiani per furmà u nuvellu cantone di Orezza-Alesani.

A pieve riligiosa[mudificà | edità a fonte]

Chjesa San Petru è San Paulu

À u seculu XVI, Orezza rilivava di l'auturità di u vescu d'Aleria in residenza in Cervione.

A pieve d'Orezza si situeghja in a diocese d'Aleria[6], Bastia, Aleria, Aiacciu, Nebbiu, Savone.

Per causa d'insicurezza annantu à a costa induve i Barbareschi effittuavanu frequente razzie, u vescu d'Aleria stava in Cervione[7] induve a chjesa San Teramu hè stata una cattidrale da 1558 à 1789, sia sin'à a Rivoluzione francese.

A chjesa pievana[mudificà | edità a fonte]

Intrata di a chjesa è a so facciata

A chjesa pievana, o pievania d'Orezza era dedicata à Santu Petru è Santu Paulu è situata in Pedicroce d'appressu à G. Moracchini-Mazel [8]. Ùn ferma più nunda di l'antica chjesa, chì hè stata distrutta è ricustruita nant'à u locu di a chjesa attuale di Pedicroce. A chjesa muderna hè datata di u 1691 è classificata Munimentu storicu in u 1976 chì hè stata aggrandita è mudificata.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.
  2. http://www.adecec.nettu/adecec-net/parutions/nommi2.html ADECEC Elementi per unu dizziunariu di i nomi propii, Cervioni]
  3. Adecec.
  4. Colonna Di Cesari-Rocca è Luigi Villat in Storia di Corsica Anziana libraria Furne Boivin & Cie, Editori 5, carrughju Palatine Parigi VIu 1916
  5. Ligende : Carta di l'isula di Corsica, dedicata à a so eccelenza u signore Ghjaseppu Roccu Boyer di Fonscolombe cummendatore, è gran croce di l'ordine di San Michele di Baviera, guvernatore di a citta di Hieres in Pruvenza/Dumenicu Policardi capitanu ingegniere.
  6. Annantu à a Carta di l'Isula di Corsica da Dumenicu Policardi editata in u 1769, omu scopre l'ortugrafia Aleria per Alleria più innanzu, sede d'unu tribunale in materia ecclesiastica. Ne esistia cinque à l'epica di Morati. U duttore Petru Morati di Muru hè l'autore di a Prattica manuale, manuale à l'usu di l'omini di leghje - Stampa è Libraria Ollanier Bastia 1885.
  7. Jean-Joseph-Marie di Guernes (Chambon, diocese di Limoges 1725 - Pisa 1798), vescu d'Aleria in residenza in Cervioni (1770-1791), hè statu u prima vescu francese numinatu in Corsica.
  8. Ghjenuveva Moracchini-Mazel in E Chjese Rumaniche di Corsica - Klincksieck, CNRS, 1967

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • Jacques-Nicolas Bellin - Carta di l'isula di Corsica di (1703-1772), cartografu, editata in u 1764.
  • Dumenicu Policardi - Carta dell'Isola di Corsica 1769.
  • Vogt (capitanu)U capitanu Vogt facia parte di e truppe auusiliare di l'imperatore Carlu VI in Corsica< - Carta di l'Isula di Corsica apartinente à a Ripublica di Genuva, oghje divisa è pisata, sottu à l'ordini di u barone di Neuhoff, elettu rè sottu à u nome di Teadoru Prima (1737).
  • Matthaeum Seutter - Insula Corsica olim regni Tiulo insignis, nunc Genuensis reipublicae potestati subjecta, Edizione 1700-1799.

Articuli cunnessi[mudificà | edità a fonte]