Parcu naziunale di Abruzzu, Laziu è Mulise

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca

U Parcu naziunale d'Abruzzu, Laziu è Mulise hè un parcu naziunale cumpresu pè a maiò parte (3/4 circa) ind’a pruvincia di l'Aquila in Abruzzu è pè a rimanenza ind’è quella di Frusinone ind’u Laziu è ind’è quella di Isernia ind’u Mulise. Fù inauguratu u 9 di settembre 1922 à Pescasseruli, attuale sede è direzzione centrale di u parcu, mentre l'organismu omonimu era statu digià custituitu u 25 di nuvembre 1921 cù un direttoriu pruvisoriu. A so istituzione hè avvinuta ufficialmente cù u decretu-lege reale di l'11 di ghjennaghju 1923.[1]

Lucalizazione di u Parcu naziunale di Abruzzu, Laziu è Mulise (in arancinu)

Discrizzione[mudificà | edità a fonte]

U Parcu naziunale di Abruzzu (cù a lege n. 93 di u 23 marzu 2001 Parcu Naziunale di Abruzzu, Laziu è Mulise, dinuminazione chì ùn hà micca cumpurtatu qualsiasi trasfurmazione amministrative), cù u Parcu naziunale di u Gran Paradisu, hè unu di i più antichi parchi d'Italia cunnusciutu à u livellu internaziunale pè u rollu avutu ind’è a cunservazione di spezie faunistiche taliane più impurtante, tale u lupu, u camosciu d'Abruzzu è l'orsu brunu marsicanu, ma ancu pè e prime è numerose iniziative pè a mudernizazione è a diffusione lucalizata di l'ambientalisimu.

Parco Nazionale d'Abruzzo.jpg

Orografia[mudificà | edità a fonte]

Valle Fundillu è Serra di e Gravare

U Parcu si accalaccia soprattuttu ind'u territoriu muntagnosu è pasturale di i monti Marsicani, una di e dursale fundamentale di l'appenninu centrale, dunde ùn hè micca pratichevule a cultura di a vigna è di l'ulivu, trafranchendu ind'u pianu di e culture ind'a valle di u Giuvencu è ind'a valle di Cuminu è hè cupertu da boschi di faiu pè circa dui terzi di a so superficia. À nordeste hè divisu da a Majella è da u parcu relativu di l'area di l'altipiani maiò d'Abruzzu. Da u puntu di vista orograficu l'area pò esse raggruppata in quattru gruppi fundamentali.

  • Gruppu di u Monte Tranquillu (1 841 m s.a/u.m.), cuntraforte meridiunale di a Serra Lunga, sistemu muntagnosu parallelu a u corsu di u fiume Liri è di a valle Ruvetu sin’à a fuata di Forca di Aceru. Si accalaccia trà Pescasseruli, Alvitu è Campuli Appenninu, caratterizatu da a presenza di fenomeni carsichi evidenti cum'è i campi di duline (Macchiarvana, A Difesa), treghjaconi, grotte è corsi di acqua sutterranii affiurenti pè brevi tratti (Capu di Acqua à Campuli Appenninu). Forte pendite di u pendice cumiense, riccu dinù di surgente (Lacernu, piana di Alvitu).
  • Gruppu di u Monte Marculanu (1 940 m s.a/u.m.), trà Pescasseruli è l'altupianu di u Fucinu. Hè un cuntraforte di u sistema muntagnosu di u Monte Tranquillu-Serra Longa chì da Pescasseruli ghjunghje à l'altupianu fucense, trà l'alta valle di Sangru, a Vallelonga è l'alta valle di u Giuvencu. I monti ùn presentenu micca ripintine pendite o marangoni, salvu qualchì spaccatura ind'u Vallone Cavutu ind'u territoriu di Pescasseruli. Valle è altipiani carsichi caratterizeghjanu assai l'area intornu à e surgente di u Sangru. Grotte è treghjaconi si trovanu ind'a lucalità Cicerana, mentre ind'a cumuna di Gioia di i Marsi si trova a piscia di Acqua Ventilata.
  • Gruppu di a Muntagna Grande, trà Scannu è Villetta Barrea. Si accalaccia da a valle di Sangru sin'à a valle di u Sagittariu è pè un breve trattu face da spartiacque à i dui bacini fluviali. Caratterizatu da petra calcaria, currisponde à una longa spacca chì si accalaccia parallela à u corsu di u fiume Sangru. E cime più alte sò u monte Marsicanu, e Toppe di u Tesoru è u monte Argatone. Debule carsismu à u Ferroiu di Scannu, Bisegna (Fonte Appia) è Pescasseruli (Praturossu). I surgenti scaturiscenu à passu Godi, fonte di a Regina (cù tracce di argentuvivu) è Scannu.
  • Gruppu di i Monti di a Meta, da u passu di Forca d'Aceru à e Mainarde. E cime più alte sò u monte Petrosu (2 247 m s.a/u.m.), u monte Marsicanu (2 242 m s.a/u.m.) è u monte Meta (2 242 m s.a/u.m.) chì si trova à a cunfina trà u pendiu laziale, mulisanu è abruzzese. Istu ultimu hè caratterizatu da u pianottulu di i Biscurri (1 980 m s.a/u.m.).
  • Ind'a Zona di Prutezzione esterna si inalza u monte Grecu (2 285 s.a/u.m.) chì cù i monti circunvicini custituiscenu a più alta, massiccia è impunente catena muntagnosa di i dintorni.
E catene muntagnose di l'area prutetta

Giulugia[mudificà | edità a fonte]

Tettonica[mudificà | edità a fonte]

A storia giulogica di u territoriu di u parcu hè a stessa di tuttu l'appenninu centrale. E catene di i monti sò grossi sistemi calcarii ingenerati si trà u Giurassicu inferiore è u Cretaceu in seguitu à l'emersione ind'è u Paleocene di i grossi ghjacimenti lagunarii di u pianottulu carbunaticu (accalacciatu iputeticamente à levante di Pescasseruli) è di a scugliera curallina (zona di u monte Marsicanu è Muntagna Grande di Scannu). In seguitu à l'emersione ind’è u Miocene a laguna è u mare altu sò rimpiazzati da i bassi fondi chì cù a definitiva orogenesi di u Quaternariu furmeranu i strati di arzilla è petra rinaghja chì oghje si alternanu in e muntagne calcarie è in i dipositi cuntinentali.

Duve affiuranu i strati arzillosi passa dinù u grossu spaccu di soprascurrimentu, pocu attivu: da Pizzone si ramificheghja versu Alfedena è Barrea pè prusegue direttu versu Villetta Barrea è Scannu longu a valle di u turrente Profluo. Spaccature dirette minore sò presente intornu à Pescasseruli è nant’à i monti di Pescusolidu è Campuli Appenninu. A mubilità tettonica di a zona hè a causa di i terramoti, cum'è quellu chè u 13 di ghjennaghju 1915 spantichete a cità di Avezzanu è a maiò parte di i so dintorni.

Circuli ghjacciali nant’à a Meta

Ghjacciature[mudificà | edità a fonte]

I cimali più alti presentanu qualchi tracce evidenti di l'ultima ghjacciatura di u Quaternariu cù parechji circuli è rispettive tracce di murene rimanente. I più evidenti sò quelli di i monti di a Meta, Serra di e Gravare, di u monte Petrosu è di u monte Palombu cù a murena à u Coppu di a Pulinella.

Idrografia[mudificà | edità a fonte]

Un territoriu cusì spiccatamente calcariu sente validamente di l'azzione di u mudellamentu idricu. Vasti campi di duline si distribuiscenu nant’à a Serra Traversa di San Donatu Val di Cuminu, nant’à i monti di Settefrati è Pescasseruli. Disseminate pè u territoriu inoltre numerose grotte di piccule è medie dimensioni, è inoltre abbundanza di surgenti carsiche. Sì infatti e surgente in altu sò limitate è i so ghjetti piuttostu discreti, nant’à i pendichi di i principali cumplessi muntagnosi intornu à i 1100–1000 m circa s.a/u.m. scaturiscenu abbundante l’acque di e surgente Turnareccia è Grotta di e Fate ind’è a cumuna di Opi, Aghja Santilli, Iannanghera è Surgente di e Donne di Civitella Alfedena, Riu Tortu di Alfedena è valle di Cannetu à Settefrati (surgente di u Melfa), è a surgente cristallina longu u fiume Sangru di Fonte di a Regina à Villetta Barrea cù u ghjettu mediu di 2000 litri di acqua à a seconda.

U bacinu naturale di u lagu di Scannu
Surgenti Altezza Ghjettu Bacinu Cumuna
Murrone di u Diavule 1370 10 Sangru Gioia dei Marsi
Madonna di Cannetu 1020 1000 Melfa Settefrati
Riu Tortu 1340 300 Sangru Barrea-Alfedena
Surgente di e Donne 1150 420 Sangru Barrea
Iannanghera 1242 180 Sangru Civitella Alfedena
Regina 980 2000 Sangru Villetta Barrea
Aghja Santilli 1170 50 Sangru Civitella Alfedena
Turnarecca 1100 180 Sangru Opi
U turrente Scertu ind’è a Camusciara

Trà i fiumi u Sangru nasce vicinu à a lucalità passu di u Diavule (Gioia di i Marsi) è scorre ind’è u core di u parcu finu à esce da i so confini à Alfedena occupendu a valle principale indù si sviluppa a riserva. Riceve a magiore quantità di acque da i turrenti Scertu è Fundillu, a vera è propria linfa vitale di u fiume. À Barrea una diga ingenera cù le so acque u lagu di Barrea.

U lagu di Castel San Vincenzu è e Mainarde

U settore laziale di u parcu ricasca ind’è u spartiacque di u Liri è trà e margine di a riserva ricascanu i fiumi Melfa à Settefrati è Mullarinu chì sorge vicinu à San Biasgiu Saraciniscu. U Giuvencu, chì omonima valle è quasi cumpletamente tramessa ind’è u parcu, hè unu di l’emissarii di u bacinu di u Fucinu. Ind’è u Mulise l’acque cadenu ind’è u spartiacque di u Vulturnu chì sorge ind’a cumuna di Rucchetta à Vulturnu, ind’è qualessu percorsu si framettenu u Riu Jemmare di Pizzone è u Riu San Petru di Scapuli.

Ind’a zona di u parcu esistenu parechji interessanti laghi naturali cum’è u lagu Vivu, stagiunescu, u lagu Pantanellu, a chì riserva statale impurtante pè l'elevata altezza è pè e presenze ittiche ricade frà e cime di u monte Godi, è u lagu di Scannu, sortu in seguitu à una frana ind’a valle di u Sagittariu, vicinu à Villalagu è à i pedi di l'abitatu di Frattura ind’è u territoriu cumunale di Scannu. U so immissariu principale hè u turrente Tassu, alimentatu da un sistema di surgente minore intornu à Scannu quasi tutte incanalate pè i bisogni cumunale di risorse idriche di qualità.
Parechji laghi artificiali sò stati custruiti in u secondu dopuguerra ind’a zona di prutezzione esterna: u Lagu di Carditu à Vallerutonda, u lagu di Grotta Campanaru à Piciniscu è u lagu di a Muntagna Spaccata ind’è u territoriu di Alfedena, tutti equipagiati pè a ricezzione di u turisimu ecosustenevule.

Zunazione, accessi è prugetti di aggrandimentu[mudificà | edità a fonte]

Signaletica in a cunfine di a zona A ind’a val Fundillu
Luttisciamentu riservatu pè l'abitazione ind’à piccula zona D di Opi

Pè una migliore amministrazione u territoriu di u parcu hè statu suddivisu ind’a so gestione in u 1987 in quattru differenti settori di prutezzione.

  • ZONA A - Riserva integrale: ricadenu ind’è questa dispusizione prutezzionistica e cime più impratichevule appupulate da i camosci, u fondu di a valle di u Scertu è di u turrente Fundillu, ma dinù parechje purzione di faiete ind’è e cumune di Villetta Barrea è Pescasseruli. L'accessu hè interdettu o severamente regulamentatu.
  • ZONA B - Riserva generale: i territorii indù a presenza umana hè sempre stata sturicamente custante sò a u stessu modu prutetti da i regulamenti di a riserva generale, chì regulamentenu l'accessu muturizatu, u prelevamentu di legname è di prudutti di u sottuboscu. L'escursionisimu hè liberu.
  • ZONA C - Prutezzione: l'area, prevalentemente estesa ind’è u fondu di a valle di u Sangru, hè quellu territoriu intornu à i centri abitati tradiziunalmente destinatu à l’attività agricule è à l'usu privatu di e risorse naturale.
  • ZONA D - Sviluppu: i centri urbani inglubati ind’è u perimetru di u parcu dopu i vari aggrandimenti gestiscenu ind’è quest'area i piani di urbanistica di u sviluppu ediliziu in cullaburazione cù l'organismu di u parcu chì quì prumove l'attività ricettive è di orientazione di u trafficu turisticu.

A lucalità di accessu più comuda hè a cità chjuca di Pescasseruli ind’a Pruvincia di l'Aquila, inseme à i centri minori di l'altu Sangru, core di l'area prutetta. U parcu sparte u so territoriu in parechji settori turistichi pè e relazioni cù i visitadori è e prumuzione edituriale: u settore Valle di Cuminu in pruvincia di Frusinone, u settore di E Mainarde in pruvincia di Isernia è u settore Marsica fucense chì cumprende e cumune di u parcu ricadente ind’è u spartiacqua di u lettu di u Fucinu.

Viduta di u lagu di Barrea

Ind’è a maggior parte di e cumune sò appruntati parechji centri di visita tematichi o offizii di zona chì hè pussibile dispone di materiale divulgativu nant’à u parcu è organizà i percorsi turistichi è escursiunistichi:

Ind’è u corsu di l’anni sò stati presentati parechji prugetti di aggrandimentu chì anu interessatu una parte di a cumuna di Alfedena ind’a zona di Capitelli è di u lagu di a Muntagna Spaccata à sudeste, ind’è soprannuminatu "cugnu di a morte", locu notu pè u sparghjimentu faunisticu è dinù pè a caccia fora di lege. À punente invece da parte di l'organismu gerente di u parcu hè statu prupostu à l’amministrazione lucale una espansione di a gestione oltre i monti di a Serra Longa da Collelongu è Villavallelonga, escluse l’aree di u fondu di a valle di a Vallelonga, finu à e cumune di Balsuranu, San Vincensiu Valle Ruvetu ind’è (pruvincia di l'Aquila) è Pescusolidu (Pruvincia di Frusinone).

Accessibilità[mudificà | edità a fonte]

U parcu si pò raghjunghje da a Marsica orientale (uscita di Pescina di l'Autustrada A25 è da l'altu Sangru attraversu a strada statale 83 Marsicana chì l’attraversa da nordu à sudeste tucchendu i centri turistichi di Pescasseruli, Opi, Villetta Barrea, Civitella Alfedena, Barrea è Alfedena. Accessi secundarii pruvenenu da u pedaticu autustradale di Cucullu (A25) attraversu a strada statale 479 Sannite passendu pè a valle di u Sagittariu è Scannu-Passu Godi, è da u territoriu laziale attraversu a fuata di Forca di Aceru è l'omonima strada statale 509.

Storia[mudificà | edità a fonte]

U parcu naziunale di Abruzzu fù inauguratu da un prugettu privatu ind’è u 1922 è ricunnusciutu ind’è u 1923. A gestione hè di l'urganismu Pnalm (acronimu di l'organismu parcu naziunale di Abruzzu, Laziu è Mulise) chì hà sede legale à Pescasseruli. Ellu interessa 25 cumune ripartite ind’è pruvince di Frusinone, Isernia è L'Aquila. Ind’è u 1980 hà avutu iniziu u prucessu di zunizazione di u parcu, cioè a so suddivisione in zone à diversa prutezzione ambientale pè pudè cuncilià l’esigenze apparentemente opposte di a prutezzione di a natura è di u sviluppu urbanisticu di e cumunità lucale.

E origine[mudificà | edità a fonte]

U forte isulamentu chì u territoriu di l'altu Sangru ghjacia da seculi avia permessu a cunservazione di una impurtante quantità di spezie animale è vegetale degni di cunservazione, nun tuttu infatti era statu trasformatu in pasculu. À e timide iniziative lucale di istituì una riserva di caccia nant'à u mudellu di quelle di u Piemonte vense incontru l'impurtante famiglia Sipari di Pescasseruli è di Alvitu imparentata è vicina à e pusizione di u notu filosofu è puliticante Benedettu Croce. [2][3]

Prodighenu pè a realizazione ind’è u territoriu di e cumune di Opi, Pescasseruli, Villavallelonga, Collelongu, Lecce ind’è i Marsi, Gioia di i Marsi, Balsuranu è Castellafiume di a Riserva reale Alta Val di Sangru, officialmente istituita ind’è u 1873 da Vittoriu Emanuele II di Savoia. Tale forma di prutezzione pruseguì sin’à u 1878, data di a so abulizione. Istituita torna ind’è u 1900 restete in vigore sin’a tuttu u 1912[4]; cuntempuraneamente Erminiu Sipari cuminciò à fà cunnosce a prima iniziativa in Italia di istituzione di un parcu naziunale nant’à u mudellu di u parcu naziunale di Yellowstone, ind’è i Stati Uniti d'America.

E prime iniziative[mudificà | edità a fonte]

Scapornu di l'area prutetta abruzzese

Inseme à Erminiu Sipari, i primi à prupone a realizazione di un parcu naziunale in Italia fubbenu u butanicu Petru Rumualdu Pirotta, u zoolugu Lisandru Ghigi, u scrittore Luigi Parpagliolo è l'assuciazione naturalistica federata «Pro Montibus et Sylvis». I studiosi è l’ambientalisti di a Pro Montibus nutavanu a cuncentrazione di spezie appenniniche è a varietà di habitat di interessu naziunale ind’a Marsica: presentonu u primu pianu di salvaguardia ambientale ind’è u 1914, chì era previstu un grande parcu, accalacciatu da l'ecchisi lettu di u Fucinu è a conca Peligna finu à Castel di Sangru, è da u fiume Liri è da a valle di Cuminu à e pendice di a Majella. I costi eccessivi di a realizazione è di u mantenimentu fecenu fallisce l'iniziativa, chì però seguitò una seconda più cuncreta participazione di assuciazione è intellettuali.

U 25 nuvembre di u 1921, un annu prima di l'istituzione di u parcu naziunale di u Gran Paradisu, Erminiu Sipari è a Federazione Pro Montibus avvionu a gestione prutetta di un picculu pezzu di terra trà e lucalità di a val Fundillu è di a Camusciara di circa 100 ettari, presa in affittu da a cumuna di Opi.

Noti[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruveni in parti da l'articulu currispundenti di a wikipedia in talianu.
  2. Dui ghjorni à Pescasseruli frescu core di Abruzzu caru à Benedettu Croce, di Anna Grittani, editore La Repubblica, 8 aostu 2002
  3. Benedettu Croce è Pescasseruli, di Luigi Piccioni
  4. I nutabili di l'Alta Val di Sangru è u so rollu ind’è u principiu di u Parcu (in "Natura Prutetta"), di Lurenzu Arnone Sipari, numeru 13, editore Parcu Naziunale di Abruzzu, Laziu è Mulise, 2012