L'invernu in Corsica

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

L'invernu in Corsica hè una puesia da u pueta è autore corsu Santu Casanova. Face parte di Fiori di Cirnu, publicatu in u 1930. Hè stata publicata dinò in l'Almanaccu populare per l'annu 1931.

L'invernu in Corsica[mudificà | edità a fonte]

Tutte le nostre muntagne
Parenu tante spusate ;
I gigli si sò sfiurati
Par copre le so vallate,
È l'acque di li ruscelli
Lucenu cum'è vitrate.
Soffia in orrida timpesta
La più cruda tramuntana ;
Ogn'acellu infritulitu
Da i monti s'alluntana,
È la volpe di rapina
Porta carne in la so tana.
Cumu faranu li ricchi
Cundannati à lu fucone ?
Ùn piengu li puvarelli
Chì campanu di canzone ;
Cù a spiranza sempre in pettu
Spegnenu lu nivaghjone.
Furtuna chì u parcittore
Ùn si move di ghjinnaghju
Ma sorte quand'è lu cuccu
Versu li primi di maghju
È manda le carte gialle
Par fa scorn'à u rusulaghju !
Si vo' un aveta cappotti,
piloni, nè mantelli,
Racumandate vi à un focu,
Stu babbu di l'urfanelli,
Ma un appiccate pignatta
Chì sò chjusi li macelli.
Cuminciate puru avà
À fà lu quarisimale ;
U dighjunu sara longu
È cortu lu carnavale ;
In Corsica ùn ci hè più Pasqua
Nè fistini di Natale.
Fussimu puru bugiardi
Cum'è certi diputati,
Turnassinu l'anni d'oru
Da noi tantu suspirati,
Chì saria u nostru dicoru
D'esse tutti furtunati.
Ma sò puri desiderii,
Illusione di ciarbellu !
Qual'hè ch'ùn pensa ricchezze,
Qual'hè ch'ùn face un castellu,
Durmendu nantu le piume,
Ancu sottu lu mantellu ?
Oh ! sonnii ne femu tutti
A prò di li nostri cari !
Li prighemu la furtuna
È l'incenzi di l'altari,
È curone di l'alloru
Cù li tituli più rari.
Ma li sonnii è le chimere
Chì l'omi facenu in lettu,
Prima chì venga lu ghjornu
Spariscenu senza effettu,
È li monti di ricchezze
Lascianu lu campu nettu.
State vi ne à lu fucone
Cusgendu li vostri stracci,
Parchì la furtuna ceca
Hà lasciatu li pagliacci,
È vive cù l'impustori
Chì guidanu i pupulacci.
Allivate li figlioli,
Fate ne corsi di core,
Par cunsirvà quella razza
Ch'era sempre pronta à more
Pa la Patria, pa la Croce,
Pa la vita è par l'onore.
Avà chi face lu fredu,
Aggruppati à lu fucone,
Cuntate le storie corse
È cantate le canzone
Di Sampieru è Sambucucciu,
Paoli è Nabulione.
L'invernu sarà piu cortu
È lu fredu menu forte ;
I zitelli ascultaranu,
Starà à sente la cunsorte,
È impararanu ad apre
À i povari e so porte.

Ligami[mudificà | edità a fonte]