Peppu Flori

À prupositu di Wikipedia
(Reindirizzamento da Ghjuvan' Ghjiseppu Flori)
Andà à: Navigazione, Ricerca
Lozzi, u paese nativu di Peppu Flori

Ghjuvan Ghjiseppu Flori (Galeria, 1 ghjinnaghju di u 1899 - Aiacciu, 28 aostu di u 1972)[1] hè statu unu scrittore è pueta corsu. Hè statu dinù funziunariu culoniale francese in Africa[2].

I nomi di i dui pueti Peppu Flori è Don Ghjiseppu Giansily dettu Pampasgiolu di l'Acquale sò à spessu assuciati chì sò tremindui cuetanei, pueti di prima trinca è originarii di listessu paese, quellu di Lozzi.

Peppu Flori hà scrittu a musica è e parole di bon' parechje canzone in lingua corsa ch'è ellu hà à spessu interpritate incù musicanti cum'è u chitarristu Antone Bonelli, Francescu Mattei, Andria Revel, è cetera.

Biugrafia[mudificà | edità a fonte]

A casa di Peppu Flori in Lozzi

Ghjuvan Ghjiseppu Flori dettu Peppu Flori, hè di una famiglia di pastori niulinchi, originaria di u paese di Lozzi. Ci avia una casa ch'ellu tinia da a so famiglia.

Peppu Flori hà cullaburatu à numerosu ghjurnali, in lingua corsu o francese : U Muntese, Paese Corsu, Monte Cintu, Le Petit Bastiais, Nice-Matin. Hà ancu cullaburatu à l'ORTF, è hè statu membru di a SACEM in u 1980.

Opere[mudificà | edità a fonte]

  • Ricordi dolci è amari (1952) : premiu Bonardi di l'associu Parlemu Corsu in u 1966
  • Poesie Giocose (1817)
  • U Sangue parla (1951) : cummedia in un attu
  • Mamma cara
  • Veranu corsu
  • Vechje Torre...
  • Milla Proverbi Corsi (1971)
« I pruverbi hanu tutti unu sensu propiu o figuratu è à spessu i dui à listessu tempu, ma tutti sèo stati stabiliti sicondu a sperienza, l'esempii è i fundamenti di a murale. Quellu chì i sà imprudà pò ancu mette si in unu casu criticu à l'ascosu di unu pruverbu è ùn a rigretterà mai. (Peppu Flori) »

Omagi resi[mudificà | edità a fonte]

Casa di i Pueti Peppu Flori è Pampasgiolu in u paisolu di Prezzuna
  • Annantu à a facciata di a casa ind'ellu stava in Lozzi hè posta una placca cummemurativa chì ci hè scrittu annantu: " In omagiu Peppu Flori (1898 - 1972) pueta è scrittore corsu mantenidore di a tradizione e di a fede nostra - 26 aostu 1973 ".
  • Una casa di i pueti esiste in Galeria, in u paisolu di Prezzuna : a Casa di i Pueti à Peppu Flori à Pampasgiolu.

A casa di u pueta chì daretu ci si trova un'appicciu di a merria di Galeria, hè appiccicata à a chjesa Santa Lucia. Dumineghja u campusantu ind'ellu ci riposa dinù dapoi u 1977, Don Ghjaseppu Giansily dettu Pampasgiolu di l'Acquale.

Note[mudificà | edità a fonte]

  1. 'Ss'articulu pruvene in parte da l'articulu currispundente di a wikipedia in francese.
  2. [IDREF http://www.idref.fr/097726095]

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • Ricordi di zitellina, Editore Peppu Flori, 60 pagine, 1966
  • Mille proverbii corsi, Aiacciu, Editore O.C.P., 1971

Canzone[mudificà | edità a fonte]

  • Acquale : (u me paese) parole di Peppu Flori ; Musica di Peppu Flori è Filippu Marietti, Parigi, Edizione Max Eschig, 1963
  • Ninni Nanna : parole di Peppu Flori ; Musica di Peppu Flori è Filippu Marietti, Parigi, Edizione Max Eschig, 1963
  • Innu à Pasquale Paoli : parole di Peppu Flori, Musica di Peppu Flori è Filippu Marietti, Parigi, Edizione Max Eschig, 1963
  • Corsica : parole di Peppu Flori, Musica di Paul Coque, Parigi, Edizione Max Eschig, 1963
  • Per tè : parole di Peppu Flori, Musica di Bruno Bacara, Parigi, Edizione musicale Amore, 1963
  • Preghera : parole di Peppu Flori ; musica di Maguy Zanni, Parigi, Edizione Max Eschig, 1964
  • L'ingannata : parole di Peppu Flori ; musica di Maguy Zanni, Parigi, Edizione Max Eschig, 1969

Ligami[mudificà | edità a fonte]

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]