Baignu Pes

À prupositu di Wikipedia
(Reindirizzamentu da Gavinu Pes)
Jump to navigation Jump to search

Gavino Pes (dittu Don Baignu), preti è pueta gadduresu, (Tempiu, 31 luddu 1724 - 24 uttrovi 1795), hè statu u primu autori à aduprà u gadduresu in cumpunimenti puetichi inquadrati in u piriudu littarariu di l'arcadia cù influssi metastasiani; di ricca famidda di nobili, preti è canonicu di a Cattidrali di Cagliari da u 1750 circa eppo turratu à Tempiu, fù amanti di a bedda vita è di i donni, à i quali didichighja numarosi puisii è canzoni. Hè intarratu in a ghjesgia di Santu Franciscu in Tempiu.

Opari[mudificà | edità a fonte]

Calchì asempiu di opari (in gadduresu)

  • Lu tempu.
Parchì no' torri, dì, tempu passatu?
Parchì no' torri, dì, tempu pardutu?
Torra un'alta volta, torra à fatti méu,
tempu impurtanti, tempu priziosu,
tempu, chi vali tantu cant'è Deu,
pa' un cori ben fattu è viltuósu.


Chista è tutta la canzona, Lu Pintimentu, iscritta da don Baignu Pes illa so 'icchjaia. Lu Pintimentu


Tantu tempu era muta la me' poara musa, e oggji è molta: da lu chjodu è caduta la me' cetara, e l'aggju in pezzi accolta; lu mé’ laru è siccu, chi illu me' fronti fesi calchi spiccu.

Di li Musi illu monti no godu più chidd'aria sirena; paldutu aggju orizzonti, sacru furori, fantasia e vena: d'Arcadia li pastori più no mi 'oni tra li so' cantori.

Buschi, rii e funtani li ninfi soi mi occultan’avari; li sireni no sani cun dulciura sciuddí lu cantu in mari; a li me' boci e lagni no folmani più ecu li muntagni.

Li dulci russignoli, li canàrii, e li suai filumeni, primma d'iscì lu soli, alleviu più no dani a li me' peni, cu' la grata almunia di la so’ boci varia, allegra e via.

Lu campu no si 'esti di gala più, ne d'allegri culori; in abiti funesti mi si mustra la rosa, e l'alti fìori; l'albureddi frunduti tutti pal me di dolu so vistuti.

Lu putenti 'ilenu di lu mé' mal distinu addispittatu, l'abbrili e maggju amenu pal sempri a l’occhj mei ha malcitatu, e di !a primmaera è vinuta pal me l’ultima sera.

Chiddi campi fiuriti al me so sicchi, e no fiorini più; e chidd'anni fuggjiti si ni so di la prima ciuintù: di l'etai matura appena n'aggju 'istu la figura.

La 'icchjaia è vinuta candu mi figuràa più piccinnu; drummitu era e mi sciuta, gridendi: Gjà se' 'ecchju, e senza sinnu, malugratu ài l'anni in middi pregjudizi, in middi inganni.

Appena chi mi speltu attindendi a l'avvisu, a lu cunsiddu, mi cuntemplu, e avveltu chi no socu un altu, e no socu più chiddu; isdintatu, ingrispitu, calvu e biancu lu capu, siccu e fritu.

Simili a l’umbra ‘ana sparìsi amori e briu, e cant'aìa: l'alligria mundana fugghji la me' canuta cumpagnia; e l’amori mi scaccia, palch'anda nudu, e timi la ghiaccia.

Più gustosa no è la cunversazioni e la 'isítta; videndi intrà a me dugnunu fùggji, dugnunu m'evítta. Ah! cantu e cantu ridi un sessu e l'altu sempri chi mi 'idi!

Valgugnosu e cunfusu a la mé' trista stanzia mi ritiru: di lu tempu l'abusu piengu senza rimedïu, e suspiru. und'era la rasgioni? Oh chi vita! oh chi vana occupazioni!

Chi sudori multali a lu 'entu no aggju incumandatu, pa’ acchistammi un mali da me pa’ un gran be' appriziatu! Chi peni, e chi fatichi premii aspittendi, ch'erani castichi!

Ah! canti splendidesi, benefizi, rigali, e silvitù, e faori e finesi chi fesi a la mattessi ingratitù; sendi lu gradimentu candu un dispettu e candu un tradimentu!

Chi rabbi, affanni, assusti! Chi viggjílii, chi notti mal passati in caccia di disgusti. Da me pal piaceri immaggjnati! Cridendi, (ah chi macchini!) ch'erani rosi li ch'erani spini!

L'inganni e vanitai m'ani lu meddu tempu fraudatu, senza cunniscì mai un be', chi vildaderu sia statu. Lu disingannu è gjuntu oggj, chi socu gjà mezu difuntu.

Li mé' dillitti so' assai più. Chi focciu eddunca abali? Disispirammi?... no, contra drittu divinu, e naturali. A lu rimediu aspiru, chi poss’aellu sempri chi rispiru.

In lu celi un Patronu aggju, un Re, un Babbu, un bon amicu, ch'è prontu a lu paldonu; sendi offesu, e taldìu a lu casticu: e abbraccia indulgenti a ca’ detesta li so' mancamenti.

L'osselvà, chi illu mundu cuntentu no si dà chi satisfaci, un dulori prufundu di tanti affetti indigni aè mi faci, e cussì voddu a Deu cunsagrà chistu brei tempu meu.

Li dì, l'ori, e l'istanti, chi viì possu, cun sinzeru amori offeru a chist'Amanti, chi da l'omu no vò sinnò lu cori; e si l'ha indivisu faci pruà in terra un Paradisu.


  • Un basgiu solu in sigretu.
Un basgiu solu in sigretu
in amurosu diliriu
agghiu la menti è lu cori,
parò mi servi l'amori
di turmentu è di martiriu,
  • Tu sola poi curammi
Tu sola poi curammi
Li me' mali so assai
è rimediu no' v'hà
tu chi mi lu poi dà
ingrata, no' mi lu dai?

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

  • PES, Gavino; VETTORI, Vittorio. Tempo. 1899;
  • PES, Gavino. Poeti sardi: Tormento. 1924;
  • PES, Gavino; Raimondo Carta Raspi (a cura di). Le piu belle poesie. Cagliari: Edizioni della Fondazione "Il nuraghe", 1920 circa;
  • PES, Gavino. Canti di Gallura. Tempio Pausania: Tipografia G. Tortu, 1929/1957;
  • PES, Gavino. Raccolta di poesie tempiesi.Tempio Pausania: Tipografia G. Tortu;
  • PES, Gavino. Tutti li canzoni: le straordinarie rime d'amore e di gelosia del "Catullo gallurese" del Settecento. Cagliari: Edizioni della Torre, 1981;