À u lettore

À prupositu di Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

À u lettore hè una puesia di Petru Lucciana, dettu Vattelapesca (1832-1909).

À u lettore[mudificà | edità a fonte]

Permetti mi, o lettore, avà ch'è u flaccu
Eo spogli, è i guanti, è u capellu à stagnone.
È cù a baretta misgia è un bon' pilone
Ti regioni fumendu. È di tabaccu
Ùn vogliu empie a mio pippa; ma un pugnone
D'erba corsa à gran' forza eo vi c'insaccu,
Poi battu l'acciarinu, è u focu attaccu :
Chì ùn li piege si tuppi u pivarone!
S'è mai fussi tù poi qualchì impustore,
Chì figne d'ùn cunnosce più i lupini,
Chjodi u libru! perché pè i Parigini,
O e so scimmie, ùn po avè fruttu nè fiore;
Ma forse i veri mio cuncitadini
Ci truveranu un pocu di savore.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]