Zenonu d'Elea

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Zenonu d'Elea

Zenonu d'Elea (o Zenone d'Elea) (in grecu: Ζήνων, Zenon; 489 a.C. - 431 a.C.) hè statu un filosofu grecu anticu presucraticu di a Magna Grecia è un membru di a Scola eleatica fundata da Parmenidi. Aristoteli u difinisci com'è invintori di a dialettica. Hè cunnisciutu soprattuttu par i so paradossi, ch'è Bertrand Russell definì com'è "smisuratamenti suttili è prufondi".

Vita[mudificà | edità a fonte]

Ci sò pochi infurmazioni certi annantu à a vita di Zenonu. Ancu s'è cumposta guasgi un seculu dopu a morti di Zenonu, a principali fonti d'infurmazioni biugrafichi annantu à u filosofu hè u dialogu Parmenidi di Platonu. In u dialogu, Platonu discrivi una visita di Zenonu è Parmenidi à Atena, in u periodu in u quali Parmenidi hà "circa 65 anni", Zenonu "guasi 40" è Socrati hè "un omu moltu ghjovanu". Grazia à st'indicazioni, attribuiscendu à Socrati un'ità di 20 anni è assumendu com'è data di nascita di quist'ultimu u 469 a.C., hè pussibuli stimà a nascita di Zenonu in u 490 a.C. Di Zenonu Platonu ci dici ch'eddu era "altu è di beddu aspettu" è ch'eddu "fù idantificatu in ghjuvantù com'è l'amanti di Parmenidi". Altri dittagli, forsi menu affidabili, sò cuntinuti in i Viti di i filosofi di Diogene Laerziu, induva si riporta ch'è Zenonu era u figliolu di Teleutagora, ma figliolu aduttivu di Parmenidi, è chì inoltri era "abili à sustena tremindù lati d'ogni discorsu" è ch'eddu fù arristatu è forsi uccisu da u tirannu d'Elea. Sicondu Plutarcu, Zenonu pruvò à uccida u tirannu Demilu è, avendu fadditu, par ùn rivilà l'idantità di i so complici, "incù i so probbii denti si strappò a lingua è a sputò in faccia à u tirannu".

Pinsamentu[mudificà | edità a fonte]

Zenonu d'Elea mostra à i ghjovani i porti di a virità è di a falsità

Ciò chì s'hè cunsirvatu di i cuncizzioni di Zenonu hè statu tramandatu da Platonu in u Parmenidi è da Aristoteli, chì in u so scrittu Fisica ni analizeghja u pinsamentu, difiniscendu l'eleati com'è "scupridori di a dialettica". Diogene Laerziu, in u so Viti di i filosofi, conta di a valenza pulitica di Zenonu, u quali avaristi urditu una cuspirazioni contr'è u tirannu di a so cità nativa (tali Nearcu, o Diomedonti). Hè cunnisciutu soprattuttu par i so paradossi furmulati in rilazioni à a tesa di l'impussibilità di u motu. Oghji sò cunnisciuti incù u nomu di paradossi di Zenonu. Tr'è eddi, in particulari, sò noti com'è "paradossu di u stadiu", "paradossu d'Achilli è a cuparchjata", "paradossu di a freccia". In tutti u fini hè quiddu di dimustrà ch'è accittà a prisenza di u muvimentu in a rialità implicheghja cuntradizioni logichi è hè dunqua megliu, da un puntu di vista sputicamenti raziunali, rifutà a spirienza sensibili è affirmà ch'è a rialità hè immobili. Sti paradossi implicheghjani ancu u cuncettu d'infinita divisibilità di u spaziu è hè quista a raghjoni par a quali ani ricivutu una nutevuli attinzioni da parti di i matematichi. Infatti u filosofu sustinia ch'è par righjunghja un puntu pricisu, bisogna prima righjunghja ni u puntu mediu. Par ghjunghja à quiddu si devi arrivà à so volta à u so puntu mediu, è dinò à u puntu mediu di u puntu mediu è cetara è cetara, finu à chì a parsona si ritrovi in u stessu puntu ch'è quiddu di u mumentu di a partenza, è dunqua u muvimentu ùn esisti micca, ma hè sultantu un cuncettu ch'è no parcivimu. À metta in discussioni l'affirmazioni di Zenonu intarveni Aristoteli, dicendu ch'è Zenonu si sbagliava, apposta ch'è u muvimentu hè un insemu di punti distinti sultantu in "putenza", è micca in "attu". In attu u tempu è u spaziu sò un insemu unitu di punti non distinti trà eddi. Nantu à l'ormi di Parmenidi, Zenonu prova à affirmà - à traversu a dialettica è a logica - i tiurii di immutabilità di l'Essa, riducendu à l'assurdu u so cuntrariu. I tesi cunfutati da Zenonu appartenini à i pitagorichi, cunvinti di a multiplicità di l'Essa in quantu numaru, è à Anassagora è Leucippu, i so cuntimpuranei, u prima espunenti di a tiuria di i semi (chjamati da Aristoteli "omeumerii") è u sicondu di l'atumisimu. Zenonu fù u discepulu predilettu di Parmenidi. In u Parmenidi platonicu Pitodoru conta à Antifonti ch'è i dui "una volta funi à i Grandi Panatenei" (Parmenidi, 127 a-B) è ch'è in tali occasioni avariani cunnisciutu à Socrati. Ma 'ss'infurmazioni ùn hè micca cunfirmata da Diogene Laerziu chì, à u cuntrariu, susteni ch'eddu ùn si saria mai ricatu à Atena. Zenonu missi à u sirviziu di i duttrini di u maestru a so nutevuli abilità logica è dialettica, invintendu una seria d'argumenti volti à scridità i critichi di a visioni parmenidea di l'universu è i sustinidori di u pluralisimu ontulogicu è di u divintà.

Opari[mudificà | edità a fonte]

Bench'è molti autori antichi si riferischini à i scritti di Zenonu, nudda d'eddi hè sopravvissutu intattu. Platonu afferma ch'è i scritti di Zenonu siini stati "purtati à Atena par a prima volta in occasioni di a visita di Zenonu è Parmenidi". Platonu riporta inoltri ch'è Zenonu avaristi dittu chì a so opara "hà u scopu di difenda l'argumenti di Parmenidi"; i so scritti funi cumposti in a ghjuvantù di u filosofu è funi in seguitu rubati è publicati senza u cunsensu di l'autori. Sicondu u Cummintariu à u Parmenidi di Platonu di Proclu, Zenonu prudussi "micca menu di quaranta argumenti mustrendu i cuntradizioni", ma solu novi sò oghji noti.

Da veda[mudificà | edità a fonte]

Fonti[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia taliana.