Simone de Beauvoir

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Simone de Beauvoir è Jean-Paul Sartre davanti à u Munimentu à Balzac di Rodin in Parighji in l'anni 1920

Simone-Lucie-Ernestine-Marie Bertrand de Beauvoir, o più simpliciamenti Simone de Beauvoir (Parighji, 9 ghjinnaghju 1908 - Parighji, 14 aprili 1986), hè stata un'insignanti, scrittrici, assaghjista, filosufa è feminista francesa.

Biugrafia[mudificà | edità a fonte]

A scrittura è l'impegnu in i muvimenti di trasfurmazioni suciali[mudificà | edità a fonte]

Simone de Beauvoir incù Jean-Paul Sartre è Che Guevara in u 1960

Simone de Beauvoir nascì in Parighji à i quattru di mattina di u 9 ghjinnaghju 1908, figliola di Françoise è Georges, in una famiglia d'alta burghisia, marcata prestu da a bancarotta di u missiavu paternu Gustave Brasseur. 'Ssu tristu avvinimentu custrinsi i parenti di Simone è di Henriette-Hélène, a suredda di dui anni più ghjovana, à abbandunà l'appartamentu di u Boulevard Montparnasse par un più picculu situatu in a Rue de Rennes.[1]

Simone è Hélène vissini longhi anni di disasgiu è ristrittezzi ecunomichi: "frustavami i vistiti finu à a corda, è ancu oltri". A famiglia ùn riiscia micca à rinuncià à i cunsuetudini burghesi à i quali era stata abituata: continuoni i sughjorni à Meyrignac ind'è u missiavu è a minnana paterni è à A Grillère vicinu à a zia. Dimustrò sinu da a zitiddina una grandi passioni par a natura. À Meyrignac si avvinturava in i campi incù Henriette è scupria incù stupori i maravigli di u paisaghju.[2] Altrettantu pricoci fù a passioni par u studiu. Scritta à l'Istitutu cattolicu Cour Désir, divintò un'eleva esemplari, è dicisi - fattu tandu insolitu;- di cuntinuà a studià è di dedicà si à l'insignamentu, alluntanendu si à u stessu tempu da a riligioni. Quì cunnisciti Elisabeth Lecoin, ditta Zaza, chì divintò subitu a so grandi amica.

Si scrissi in u 1926 à a Sorbona, uttinendu u so diplomu incù una tesa annantu à Leibniz è riiscendu in u 1929 à "l'agrigazioni" (attitudina à l'insignamentu risirvata à i migliori elevi francesi) in filusufia. L'anni di l'università cuinciditini ancu incù u so prima amori: u so cucinu Jacques Champigneulle. Simone si innamora di eddu è à listessu tempu hè intrudutta in un novu mondu: si passiuneghja infatti par autori com'è Gide, Radiguet è Proust, intarissendu si cusì à una litteratura ribedda è anticunfurmista. U cucinu spigni parò prestu i sogni matrimuniali di a zitedda, è si leia à un'altra donna. Simone, ferita in i so probii sintimenti, traversa in l'istatina di u 1927 un periodu di diprissioni.[3]

In u frattempu l'amica Zaza si era fidanzata incù un cullegu di università di Simone: Maurice Merleau-Ponty. Quist'ultimu appartinia parò à una famiglia cattolica di a bona burghisia, è di l'unioni stracunghjugali incù Elisabeth ùn era nimu infurmatu à l'A Rochelle, u so locu di pruvinienza. Madame Lecoin minacciò di fà scuppià unu scandalu è Merleau-Ponty, impauritu, scappò, lascendu a ghjuvanetta sola è addispirata. Era d'inguernu; a ghjovana, fora di sè par via di u dulori, trascorsi una notti à a cutrura cumplittamenti nuda, murendu par a pulmunita cunsiguenti.[4]

Simone ùn pardunò mai Madame Lecoin par ciò chì era accadutu.

À l'università scuntrò, di lugliu 1929, quiddu chì, senza matrimoniu nè cunvivenza, aia da divintà u cumpagnu di a so vita, u filosofu esistenzialistu Jean-Paul Sartre. Sò quisti l'anni in i quali cunnosci, oltri a Merleau-Ponty, Lévi-Strauss, Raymond Aron, Paul Nizan.

Simone de Beauvoir principia l'insignamentu in u 1930, prima in Marseglia, dopu à Rouen, infini in Parighji, induva chjudarà a so probbia carriera di insignanti in u 1943 par divintà scrittrici à tempu pienu. Molti impurtanti sò i so spirienzi di viaghju in parechji cuntinenti par a so furmazioni intillettuali. Incù Sartre compii i so primi viaghji, ini Spagna, in Italia, in Grecia, in u Maroccu; nudda sfughji à sti dui intillettuali di l'avvinimenti culturalamenti significativi di stu periodu, è si passiuneghjani pà u cinema è à u jazz è viviani incù participazioni i grandi scunvuglimenti pulitichi di quiddi anni: u nazisimu in Alimagna, a guerra civili spagnola di u 1936, a siconda guerra mundiali. Duranti a guerra, Simone de Beauvoir ferma in Parighji, accupata da i nazisti, è cundividi incù Sartre a brevi spirienza di u gruppu di Resistenza "Sucialisimu è Libartà".

Dopu à a Libarazioni, Simone lascia l'insignamentu è entri à fà parti di u cumitatu di ridazzioni di a rivista Les Temps Modernes,incù Sartre, Leiris, Merleau-Ponty è altri.

In u 1947 si reca in i Stati Uniti d'America par una seria di cunfarenzi è scontra u scrittori Nelson Algren, incù u quali stabilisci un intensu rapportu d'amori. Compii dinò altri viaghji significativi (Brasili, Cuba, China, Unioni Suvietica) è volta moltu spessu in Italia incù Sartre. Dopu à U sicondu sessu (1949), oramai famosu in u mondu sanu, Simone de Beauvoir, par i so pusizioni particulari assunti com'è scrittrici è com'è donna, hè ughjettu di grandi ammirazioni ma ancu di aspri pulemichi. Quand'edda spezza a guerra di libarazioni algerina, piglia pusizioni à favori di sta lotta, cosa chì rindarà u so isulamentu sempri più pisanti.

Simone de Beauvoir hè cunsidarata a matri di u muvimentu feministu, natu in occasioni di a cuntistazioni studiantesca di maghju 1968, ch'edda suvitarà incù participazioni è simpatia.

L'anni sittanta a vedini firvidamenti in prima linia in parechji causi: a dissidenza suvietica, u cunflittu arabu-israilianu, l'abortu, u Cili, a donna (hè prisidintessa di l'assuciazioni Choisir è di a Lega di i dritti di a donna).

In l'ultimu periodu di a so vita, Simone de Beauvoir affruntò incù curaghju un antru prublemu suciali, quiddu di a vichjaia, à u quali didicheghja un impurtanti assaghju, A terza ità (1970).

In u 1981, in seguitu à a morti di Sartre, scrissi A cirimonia di l'addii (La Cérémonie des adieux), cronaca di l'ultimi anni di u celebru pinsadori.

Edda stessa si discrissi cusì:

« Di me sò stati criati dui imagini. Sò una pazza, una meza pazza, un'eccentrica. [...] Aghju abitudini dissoluti; una cumunista racuntava, in u 45, ch'è à Rouen da ghjovana mi avia vista baddà nuda annantu à i botti; aghju praticatu incù assiduità tutti i vizii, a me vita hè un cuntinuu carnivali, è cetara.

Incù i tacchi bassi, i capeddi tirati, m'assumigliu à una patrunessa, à un' istitutrici (in u sensu pighjurativu ch'è a dritta dà a sta parola), à un capisquadra di i boy-scout. Passu a me esistenza frà i libra o a tola, tuttu ciarbeddu. [...] Nudda impidisci di cuncilià i dui ritratti. [...] L'essinziali hè di prisintà mi com'è un'anurmali. [...]
U fattu stà ch'è socu una scrittrici: una donna scrittrici ùn hè micca una donna di casa chì scrivi, ma calchiadunu di u quali l'intreia esistenza hè cundiziunata da u scriva. Hè una vita chì ni vali un'altra: chì hà i so mutivi, u so ordini, i so fini chì si poni ghjudicà stravaganti solu s'è di edda ùn si capisci nienti. »

(S. de Beauvoir, A forza di i cosi, pag.614)

Una vita in dui[mudificà | edità a fonte]

Tomba di Sartre è Simone de Beauvoir in 2012

Simone de Beauvoir murì u 14 aprili 1986 è fù sippiddita in u cimiteriu di Montparnasse di Parighji accantu à u so cumpagnu di una vita Jean-Paul Sartre, mortu sei anni prima, u 15 aprili 1980. Radicalamenti atea com'è Sartre, in La Cérémonie des Adieux avia scrittu riguardu à a morti di quiddu cù u quali avia cundivisu gran' parti di a so esistenza è di i so idei: "A so morti ci sipara. A me morti ùn ci riunisciarà micca. Hè cusì; hè dighjà beddu ch'è i nosci viti abbiini pussutu essa in sintunia cusì à longu".[5]

L'opari[mudificà | edità a fonte]

L'invitata (1943) hè u prima rumanzu pubblicatu da Simone de Beauvoir, quiddu chì a svilò com'è scrittrici. Ci hè affruntatu incù curaghju un tema difficiuli: l'insirimentu in u duminiu di una coppia di un terzu parsunaghju, chì ni muta l'intreiu equilibriu, custringhjendu ognunu à svilà si sottu à u sguardu di l'Altru. A tematica di a rispunsabilità ritorna in u so sicondu rumanzu, U sangui di l'altri (1945): duranti a siconda guerra mundiali, in a Francia accupata, quiddi chì si erani accustati à a Resistenza s'erani truvati di fronti à una doppia assunzioni di rispunsabilità: quidda di luttà contru l'upprissioni nazista è quidda di spinghja l'altri (à spessu i parsoni più cari) à risicà a vita. Di fronti à u straziu di sti morti, Simone de Beauvoir riafferma chì ùn ci era micca altra via pussibuli, è chì ognunu hè sempri rispunsevuli in prima parsona di i so probbii scelti, di a so probbia libartà.

Dopu à u so viaghju in i Stati Uniti, pubblicheghja U sicondu sessu (1949), un assaghju fundamintali chì da un latu faci u puntu annantu à i cunniscenzi biulogichi, psicuanalitichi, storichi, antrupulogichi esistenti annantu à a donna, è da l'altru apri a strada à quidda discussioni radicali nantu à a cundizioni feminiccia chì avaristi carattarizatu i dicennii successivi.

Sò, in st'anni ricchi par a de Beauvoir, ch'edda riesci à affruntà opari di prima trinca incù forza è urighjinalità. In u 1954 esci I Mandarini, incù u quali vinci u premiu Goncourt, cunsidaratu u so più beddu rumanzu.

L'autubiugrafia[mudificà | edità a fonte]

A parta da u 1958, si didicheghja à a so autubiugrafia, isciuta in quattru vulumi: Mimorii di una ghjuvanetta comu si devi (1958), L'ità forti (1960), A forza di i cosi (1963), À conti fatti (1972). Hè un'opara particularamenti priziosa parchì offri, oltri à a storia parsunali di a scrittrici, a tistimunianza diretta annantu à l'atmusfera è annantu à u grandi dibattitu culturali svoltu si in Francia da l'anni trenta finu à a fini di l'anni sissanta.

Una morti dulcissima (1964) hè u racontu intinsamenti cummossu didicatu à a morti di a mamma. I temi angusciosi di a malatia, di a vichjaia è di a morti sò quiddi ch'è Simone de Beauvoir hà vulsutu affruntà, una volta di più incù grandi curaghju, in l'ultimi anni di a so vita (A terza ità, 1970).

A cirimonia di l'addii[mudificà | edità a fonte]

A cirimonia di l'addii (1981) hè u so ultimu grandi travagliu litterariu; discrivendu a morti par edda più strazievuli, quidda di Jean-Paul Sartre, cuncludi in calchì modu a so autubiugrafia.

Pinsamentu[mudificà | edità a fonte]

U pinsamentu di Simone de Beauvoir si forma in cumunioni incù quiddu di Sartre è incù u so esistenzialisimu: i dui scrittori sò avvezzi cusì à discuta i so idei com'è i so scritti, è tenini in massima cunsidarazioni a critica reciproca. L'opari di a scrittrici sò dinsamenti intissuti di cunsidarazioni filusofichi è esistenzialisti quantunqua parsunali, rivolti in modu particulari à apprufundiscia u tema di u rollu è di a cundizioni di a donna in a sucità muderna. In a so attività intillettuali ani evidintamenti avutu una nutevuli rilevanza i so urighjini altu-burghesi è a presa di calchì distanza "pulitica" da quisti in l'anni successivi, com'è l'abbracciu di un certu tipu di sucialisimu è d'attivisimu puliticu di cuncertu incù Sartre (puri cundividendu molti di i principi di u cumunisimu i dui ùn ci aderisciarani mai cumplittamenti par parechji raghjoni, parechji di i quali si poni scartà, par asempiu da a littura di u rumanzu "I mandarini"). U so ateisimu hè beddu resu da sprissioni com'è: "Diu hè divintatu un'idea astratta, ch'è una sera aghju canciddata" (cit. da "Mimorii d' una ghjuvanetta comu si devi"). Atea com'è Sartre, par edda l'ateisimu ùn hè micca disimpegnu da a murali, ma a fundazioni di una nova etica atea non menu impignativa è innuvativa di a cuscenza è di u custumu.

Opari[mudificà | edità a fonte]

Rumanzi è raconti[mudificà | edità a fonte]

Assaghji[mudificà | edità a fonte]

  • Pirro è Cinea (Pyrrhus et Cinéas, 1944), trad. Andrea Bonomi, in Par una murali di l'ambiguità, Sugar, Milano, 1964
  • Pour una morale di l'ambiguità (Pour une morale de l'ambiguïté, 1947), trad. Andrea Bonomi, Garzanti, Milano, 1975
  • L'America ghjornu par ghjornu (L'Amérique au jour le jour, 1948), trad. Adriana Di l'Orto, Feltrinelli, Milano, 1955
  • L'Existentialisme et a Sagesse des nations (1948)
  • U sicondu sessu (Le Deuxième Sexe, 1949), trad. Roberto Cantini è Mario Andreose, U Saggiatore, Milano, 1961, 2 voll.
  • Brusgià Sade? (Privilèges1955), trad. Giuseppe Grassu, prefaziu di Michele Rago, Lucarini, Roma, 1989
  • A longa marchja (La Longue Marche, 1957), trad. Laura Frausin Guarino, Mondadori, Milano, 2006
  • A terza ità (La Vieillesse, 1970), trad. Bruno Fonzi, Einaudi, Torino, 1971

Mimorii[mudificà | edità a fonte]

  • Mimorii d'una ghjuvanetta comu si devi (Mémoires d'une jeune fille rangée, 1958), trad. Bruno Fonzi, Einaudi, Torino, 1960
  • L'ità forti (A Force de l'âge, 1960), trad. Bruno Fonzi, Einaudi, Torino, 1961
  • A forza di i cosi (A Force des choses, 1963), trad. Bianca Garufi, Einaudi, Torino, 1966
  • A conti fatti (Tout compte fait, 1972), trad. Bruno Fonzi, Einaudi, Torino, 1973
  • A cirimonia di l' addii (A cérémonie des adieux, 1981), trad. Elena De Angeli, Einaudi, Torino, 1981

Testi tiatrali[mudificà | edità a fonte]

  • I bocchi inutili (Les bouches inutiles, 1945), trad. Enza Biagini è Marco Lombardi, I lettere, Firenza, 2009

Noti[mudificà | edità a fonte]

  1. M. Pelz, Simone de Beauvoir, Frankfurt am Main 2007, p. 11
  2. Mémoires d'une jeune fille rangée, Paris 1958, p. 115
  3. M. Pelz, p. 15
  4. M. Pelz, p. 16
  5. S. de Beauvoir, La Cérémonie des adieux, 1981, p. 159: "Sa mort nous sépare. Ma mort ne nous réunira pas. C'est ainsi; c'est déjà beau que nos vies aient pu si longtemps s'accorder".

Bibliografia[mudificà | edità a fonte]

  • Claude Francis, Fernande Gontier, Simone de Beauvoir, Milano, Bompiani, 1986
  • (in tedescu) Monika Pelz, Simone de Beauvoir, Frankfurt am Main, Suhrkamp, 2007

Da veda dinò[mudificà | edità a fonte]


Fonti[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia taliana.