Roma antica

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
UniversalEditButton.png

L'ortografia è a grammatica di 'ssu articulu ùn sò micca currette. Pudete cuntribuisce à ammigliurà le.

La storia rumana hè ciò chì si intendi par li vicendi storichi chì hani vistu prutagunisti l'antichi Rumani. Par la storia di la cità di Roma, chì par l'antichità cuincidi cù idda, si rimanda à la boci apposita.

Fundazioni[mudificà | edità a fonte]

Sicundu lu racontu tradiziunali, la fundazioni di Roma à mità di l'VIIIu seculu a.C. si devi à li leghjendari rumulu è Remu, nonostanti lu privalè di lu primu annant'à lu sicundu. La data ufficiali, 21 aprile di lu 753 a.C., venni stabilita da Marcu Terenziu Varrone calcolendu à ritrosu li pariodi di regnu di li ri capitolini (35 anni circa par ogni re) . Altri funti in rialità riportani dati diffarenti: Quintu Enniu in li so Annales culluchighja la fundazioni nell'875 a.C., lu storicu grecu Timiu di Tauromeniu nel'814 a.C. (contempuraneamenti, quindi, à la fundazioni di Cartagine), Fabiu Pittore all'annu 748 a.C. è Luciu Cinciu Alimentu in lu 729 a.C. La datazioni di Varroni - quidda tradiziunalmenti celebrata - hè cunsiderata sia troppu alta (in relazioni à la prima unificazioni di l' abitati, avvenuta presumibilmenti in la mità di l'VIILi seculu) sia troppu tarda (i primi insediamenti risalini à lu IIu millenniu a.C.).

Da lu puntu di vista archiulogicu in la zona di lu Latium si sò osservati certi tracci di pastorizia (porci, pecuri, menu li vacchi) è di modesta agricoltura (soprattuttu farru, spelta è orzu, par quantu fossi permessu da l'area paludosa). Cù li primi operazioni di bonifica inghjiru all'età di lu Ferru (IX-VIILi sec. a.C.) si sviluppani puru li primi cultivazioni di frumentu, vita è aliva. Si hani certi tombi à incinerazione, sostituiti poi in lu IX seculu da li primi sepolture; certi tombi arcaichi mostrani pochi offerti, segnu di una sucietà omoghjinea, è certi ogghjitti preziosi da lu seculu successivu.

Ma la vera è propria cità si venni furmendu attraversu un fenomenu di sinecismu duratu vari secoli è culminatu appuntu à la mità di l'VIILi seculu a.C.. In analogia à quantu accadeva in tutta l'Italia centrale, li urigini di la cità si devini à una progressiva riunioni in un veru è propriu centru urbani di li villagghj sorti annant'à tradiziunali setti culli: si trattava di insediamenti di l'antica popolazioni di li Latini, di stirpi indoeuropea (gruppu latino-falisco), già presenti da lu X seculu.

La lucalità presentava ampii zoni pianeghjanti pressu lu Tevere, chì tuttavia erani in parti occupati da paludi è stagni. Li cullini chì si affacciavani annant'à fiumi erani inoltri ricchi di acqui è cuntrollavani lu guadu di lu fiumi pressu l'isola Tiberina, à lu puntu di intersezioni di dui importanti direttrici cummerciali. La prima direttrici cummerciali andava da la custa à li zoni interni di la Sabina lungu la valli di lu Teveri, è era utilizzata par l'approvvighjonamentu di lu sale indispensabili par li economii agricolu-pastorali: corrispondi à la via Salaria di epoca storica. La sicunda era rappresentata da l'itinerariu chì andava da l'Etruria à la Campania.

Età regia[mudificà | edità a fonte]

Li primi ri di Roma sò ghjineralmenti cunsiderati cumi figuri prettamenti mitologichi, poiché la datazioni proposta da Varrone - chì cunsidera un totali di 245 anni par li setti monarchi - hè monda probabilmenti troppu breve. La tradizioni attribuisci à ogni sovrani un particolà cuntributu in la nascita è nellu sviluppu delli istituzioni romani è dellu sviluppu socio-politicu di l'Urbe.

rumulu[mudificà | edità a fonte]

Romolu hè ritenutu un eroi eponimu, vieni ricordatu cumi lu fondatori di la città, à cui diedi li principali istituzioni civili, di cui si ricorda la furmazioni di un cunsiddu sceltu da lu ri, lu primu Senatu. Lu mitu lu voli regnanti finu à lu 717 a.C., quendu li succedi un interrex, ossia un anziani chì faceva li annant'à veci duranti lu cambiu di regno: questa figura mostra chì la successioni à lu tronu ùn avvinia certamenti par via dinastica. rumulu realizzò puru la prima distinzioni trà patrizi (discendenti da padri illustri) è plebei (moltitudine), istituendu puru la clientela è lu patronatu di li sicundi versu li primi. Divisi puru la cità in tri tribù (Titienses, Ramnenses, Lùceres) è trenta curie, puru si questa vieni cunsiderata cumi un'attribuzioni piuttostu moderna.

Numa Pompiliu[mudificà | edità a fonte]

Numa Pompiliu, ri da lu 716 à lu 673 a.C., hè un nomi tipicamenti italicu. di urigini osco-umbra. La legghjinda lu voli creatori delli principali istituzioni relighjose, trà cui li culleghj sacerdotali delli vestali, di li flàmini, di li pontefici, è di l' àuguri; istituì puru la carica di pontefici massimu (pontifex maximus), nonché la suddivisioni di l'annu in dodici mesi è la precisa regolamentazioni di tutti li festi è li celebrazioni, precisendu li ghjorni fasti è nefasti.

Tullu Ostiliu[mudificà | edità a fonte]

Tullu Ostiliu, succedutu subitu à lu precedenti, siedi à lu tronu finu à lu 641, sconfigghjindu li Sabini è cunquistendu Alba Longa, cù una iniziali espansioni territoriali in lu Laziu. Da un puntu di vista storicu si tratta di un fattu possibili, poiché à la mità di lu VILi seculu a.C. si hè osservatu un abbandonu di li villagghj limitrofi. À lu ri vieni attribuita puru la prima pavimentazioni di lu Foru.

Ancu Marziu[mudificà | edità a fonte]

Lu successori Ancu Marziu - da lu 640 à lu 617 a.C. - ni proseguì l'opera fundendu la prima delli culonii, ossia Ostia (traducibili in latinu cumi foci); la custruzioni di la nova cità era dovuta probabilmenti à la necessità di cuntrollà la zona meridionali di lu Tevere.

Tarquiniu Priscu[mudificà | edità a fonte]

L'esistenza storica in particolà di l' ultimi tri ri pà esseri accertata, sebbeni sia possibili chì li dui Tarquini siani una duplicazioni di unu stessu personaghju). Sottu questi sovrani, la cità entrò nell'orbita etrusca è ebbi una straordinaria fioritura.

Tarquiniu Priscu, regnanti da lu 616 par una ghjinerazioni, effettuò diversi lavori pubblici, cumi lu drenaghju delli zoni pianeghjanti attraversu la Cloaca Massima. Istituì puru un esercitu guidatu da tri ufficiali, li tribuni militari (tribuni militum), à capu di 3.000 fanti è 300 cavalieri. Vieni urganizzatu puru lu sistema elettorali attraversu li curii (dal latinu par co-viria, intendendu una riunioni di omini).

Serviu Tulliu[mudificà | edità a fonte]

Serviu Tulliu riorganizza l'esercitu in la nova falangi oplitica, cù una divisioni di li cittadini in classi sicundu lu censo, è in tribù sicundu la residenza; li tribù sò divisi in quattru urbani (Suburbana, Palatina, Esquilina, cullina) è 17 rurali (poi divenuti 31 da lu V seculu). Serviu Tulliu effettua puru un primu censimentu è la tradizioni lu voli custruttori di lu tempiu di Diana sull'Aventinu. Vieni introdottu puru l'aes signatum, ossia pani di bronzu cuntrassegnati.

Tarquiniu lu Superbu[mudificà | edità a fonte]

L'ultimu ri, Tarquiniu lu Superbu, venni cacciatu in lu 509 a.C., sicundu la tradizioni à causa di li so atteghjamenti arroganti è di lu disprezzu versu li so cuncittadini è versu li istituzioni romane: si tratta probabilmenti delli cunseguenzi di lu decaderi di la potenza etrusca, di la quali Roma approfittò par cunquistarsi una maghjori autonomia.

Età ripubblicana[mudificà | edità a fonte]

Gaiu Mariu, un ghjinarali rumani chì rifurmò drasticamenti l'esercitu rumanu

Li rapporti internaziunali di Roma, testimoniati da lu primu trattatu cù Cartagini di lu 508 a.C., furonu bloccati tempuraneamenti par li tensioni è li guerri cù li popoli cunfinanti quali li Etruschi guidati da Porsenna, li Latini, chì furonu sconfitti da li romani in lu 496 a.C. pressu lu lagu Regillo, è varii popolazioni uniti cumi Equi, Volsci è Sabini, chì li romani sconfisseru in lu 431 annant'à monti Algidu. Dopu la prima guerra offensiva di Roma cuntru Veio, par li Salini di lu Tevere, la cità venni stravolta in lu 390 a.C. da un incendiu appiccatu da li Galli guidati da lu ri Brennu, chì cù successu avevani già invasu l'Etruria. L'intensità di quidda vergogna verrà superata solu da lu saccu di Roma in lu 410 d.C.. Li Romani successivamenti si scontraronu prima cù li Sanniti (343-295 a.C.) è poi cuntru li Tarantini aiutati da Pirru (ri di l'Epiro), sconfitti in lu 275 à Maleventum (chi da quel momentu fu ribattezzatu Beneventum). In lu 270 a.C., cù la vittoria annant'à Bruzi chì detenevani finu à quel momentu lu cuntrollu di parichji cità di la magna grecia di la Calabria centru settentrionali , puru li poleis grechi vengonu annessi à lu territoriu romanu. Roma si ritrovò à cuntrollà un territoriu chì andava dallu strettu di Messina à lu fiumi Rubicone. Li guerri cuntru li diversi popolazioni italichi, cuntru li galli, li cartaginesi è li macedoni, porterannu à cunsolidà lu duminiu sull'Italia è à inizià l'espansioni in Spagna è in Macedonia. Data simbolu di questa espansioni in lu Mediterraniu hè lu 146 a.C., annu in cui, dopu un assediu duratu tri anni è altrettanti guerri cumbattuti nell'arcu di più di un seculu cuntru Roma, cadi definitivamenti Cartagine, la quali vieni cumpletamenti rasa à lu solu è cusparsa di sali da li truppi romani cumandati da Publiu Corneliu Scipioni Emilianu; vieni cunquistata è distrutta puru Corintu, cità simbolu di la resistenza greca à la politica di espansioni romana; cù questi dui grandi vittorii, Roma abbandona lu rolu di potenza reghjonali in lu Mediterraniu Occidentali par assurghjà superpotenza incontrastata di tuttu lu bacino, lu quali d'ora in poi, ùn à caso, verrà rinominatu mà nostrum. Li classi dirighjinti si apronu all'influenza di la cultura greca è vengonu importati operi d'arti è di artigianatu artisticu in gran numeru da la Grecia è da li provinci urientali di cultura ellenistica.

Li problemi cunnessi à una espansioni cusì grandi è repentina chì la Repubblica dovetti affrontà furonu enormi è di variu ghjinere: li istituzioni romani erani finu à allora cuncepiti par amministrà un piccolu stato; adessu li province (paragonabili à li culonii di l' stati moderni, da ùn cunfonderi cù li culonii romani propriamenti detti, li quali erani stanziamenti di cittadini romani à pienu titolo, cives optimu iure in territori extracittadini sogghjitti all'amministrazioni è urganizzazioni diretta dellu statu romano) si stendevani da l'Iberia, all'Africa, à la Grecia, all'Asia.

Li cuntinui guerri in patria è all'estero, inoltri, immiseru annant'à "mercato" una quantità enormi di schiavi, li quali venneru usualmenti impiegati in li aziendi agricoli di li patrizi romani, cù ripercussioni tremendi in lu tessutu suciali romanu. Infatti la piccola proprietà terriera andò rapidamenti in crisi à causa di la maghjor cumpetitività di li latifondi schiavistici (chi ovviamenti producevani praticamenti à custu zero), ciò provocò da una parti la cuncentrazioni di li terreni cultivabili in pochi mani è una grandi quantità di merci à bon mercato, da l'altra ghjinerò la nascita di lu cusiddettu sottoproletariatu urbano: tutti quelli famiddi custretti à lascià li campagni si rifugiaronu nell'urbi, dovi ùn avevani un lavoro, una casa è di chì sfamarsi dendu urigini à pericolosi tensioni suciali abilmenti sfruttati da li politici più scaltri.

puru la struttura uriginali di la famidda, delli relazioni suciali è di la cultura romana subironu profondi sconvolgimenti: lu cuntattu cù la civiltà greca è l'arrivu in la cità di moltissimi schiavi ellenici (in parichji casi più culti è istruiti di li so stessi padroni) ghjinerò in lu popolu romano, specialmenti trà la classi dirighjinti, sentimenti è passioni ambivalenti: da una parti si desiderava (i à la fini in bona parti ci si riuscì) à rinnovà li custumi rurali romani - mos maiorum - introducendu usanzi è cunoscenzi provenienti da l'Oriente. quistu cumportamentu feci sì effettivamenti chì lu livellu culturali di li Romani, almenu di li patrizi, crescessi significativamenti - basti pensà all'introduzioni di la filosofia, di la retorica, di la letteratura è di la scienza greca - ma indubbiamenti ghjinerò altresì una decadenza di li valori morali, testimoniata da la diffusioni di custumi è abitudini perfinu ogghj moralmenti discutibili.

Imperu rumanu

Tuttu ciò naturalmenti ùn accaddi senza provocà una strenua opposizioni è resistenza da parti di l' ambienti più cunservatori, reaziunari è puru retrivi di la cumunità romana. custoru si scaddaronu cuntru li culturi extra-romani, tacciati di corruzioni di li custumi, di indecenza, di immoralità, di sacrilegiu in li cunfronti delli abitudini relighjosi romane. Questi dui opposti schieramenti furonu ben rappresentati da dui gruppi di puteri di eguali importanza ma di radicalmenti opposta visione: lu circolu culturali di l' Scipioni, chì diedi à Roma certi trà li più dotati cumandanti militari di la storia (l'Africanu so tutti), è lu circolu di Catone, lu quali lottò accanitamenti cuntru l'ellenizzazioni di lu modu di viveri romani cù una tenacia è un vigori chì diventaronu legghjindarii (u famighjirati à sicunda di li punti di vista), tuttu à favori di lu ripristinu di lu più antico, ghjinuinu è uriginali mos maiorum, quell'insiemi di custumi è usanzi tipichi di la Roma arcaica chi, sicundu Catoni, avevani permessu à lu popolu romani di rimaneri unitu di fronti à li avversità, di sconfigghjiri ogni sorta di nemico, di piegà lu mondu à lu propriu volere.

Quistu scontru trà novu è anticu, cumi hè facili immaghjnà, ùn si placò finu à la fini di la repubblica, anzi possiamu diri chì questu scontru trà "conservatorismo" è "progressismo" (termini da usari, quendu si discuti di vicendi romani, cù molta accortezza, infatti parlà di idiulogia progressista in sensu modernu in la sucietà romana, una società, à lu di là di ogni rumanticismo, basata sullu schiavismu di massa, annant'à rumanizzazioni puru furzata di li popoli, sull'autoritarismo, annant'à repressioni è so un atteghjamentu intolleranti è à volti puru feroci so chiunqui osassi mitteri in discussioni lu puteri rumani è li annant'à leghj, hè à dir pocu furviante) hè statu presenti in tutta la storia rumana, puru in lu pariodu imperiale, à testimonianza di quali trauma devi esseri statu la scoperta, lu cuntattu è lu cunfrontu cù civiltà à lu di furi di li brulli paesagghj laziali.

La piccola proprietà terriera messa in crisi da li aziendi agricoli patrizii (chi sfruttani lu lavoru di l' schiavi), è li novi influenzi culturali provocani furti tensioni suciali all'internu di la sucietà rumana.

In lu Iu seculu a.C. la Repubblica inizia à scricchiolari, si amplia lu latifondu è si affermani furti puteri parsunali di li parsunagghj più influenti chi, facendosi interpreti di li bisogni delli massi menu favoriti u di la necessità di manteneri lu cuntrollu in li mani delli principali è più ricchi ghjintes, porterannu à la guerra civile. La Repubblica dovrà affrontà puru una rivolta di schiavi, capeghjata da Spartacu.

Arriverannu altri cunquisti, la Gallia è la Britannia da parti di Giuliu Cesare, ma li rumani arriverannu finu in Siria è in Armenia.

Età impiriali[mudificà | edità a fonte]

L'imperu rumani raghjunsi la so massima stansioni in lu 116

La tesi sicundu cui lu duminiu di Roma urmai si estenda so un territoriu troppu vastu è sia troppu cumplicatu par li strutturi di la Repubblica ghjistirlo, provocendu la nascita di lu Principato hè ampiamenti superata. Li raghjoni di l'ascesa di un modellu di governu centrali so basi sempri più spiccatamenti parsunali si devonu ricercà in lu declinu di lu governu senatoriale di la Repubblica rumana, lu cui primu attu va riallacciatu à la figura emblematica di Scipioni Emilianu. La diffusioni di un sempri più marcatu sensu individualisticu à ruma ha sicuramenti traccia di la diffusioni di effighj monetali ritraenti ùn più solu lu più rappresentativu di l' antenati di lu magistratu in carica, ma spessu lu magistratu medesimu. quistu processu si manifesta in cuncomitanza cù la penetrazioni di li valori di la civiltà ellenistica, favorita indubbiamenti da la cunquista rumana delli pòleis ellenichi sulli custi di la Magna Grecia (Italia meridionale) è di la Sicilia, è sospinta da la cunquista rumana di la Macedonia, di la Grecia moderna è di gran parti di lu mondu ellenistico, à eccezioni di l'Egittu duminatu da la dinastia Lagidi, postu cumunqui sottu un sempri più pressanti protettoratu.

Lu ricorsu sempri più assidu à lu mandatu dittatoriali incominciatu cù Gaiu Mariu stravolgi la portata custituziunali di la magistratura dittatoriali, prevista da l'ordinamentu repubblicano, finu all'esitu di la dittatura sillana, intesa cumi mandatu à restaurà lu Statu rumani in sensu cunservatore-oligarchicu (a favori di l' optimates) è ùn parvenuta à un esitu monarchicu par l'esclusiva volontà di Silla. La dittatura cesariana (46-44 a.C.) riprendi in pienu lu modellu sillano, seppur partendu da un campu politicu oppostu (quellu di li populares, li oligarchi più propensi à usà la demagogia annant'à popolino, lu vulgus, par assumeri lu putere) è furmalizza lu rifiutu di un esitu monarchicu naturali adducendu la raghjoni di lu rifiutu culturali di la rumanità par l'istitutu monarchicu ufficiale.

L'ascesa di Augustu (44-30), attraversu la partecipazioni à un istitutu apertamenti sovversivu cumi lu "secondo" Triumviratu, si furmalizza in lu 27 a.C. in la rinuncia à li puteri dittatoriali urmai estesissimi in cambiu di un cooptatu riconoscimentu senatoriali di un "bisognu dellu Statu rumano" à una figura di guida è di ispirazioni politica di lu governo: cù l'appellativu di Augusto, Ottaviani inaugura quel particolà istitutu custituziunali rumani notu cumi Principatu (erroneamenti talvolta chiamatu Imperu par la presenza effettiva di imperatori, dimenticendu chì la carica di "imperator" hè appellativu già repubblicani par lu ghjinerali vittorioso, è chì la creazioni di un'amministrazioni decentrata attraversu la creazioni di provinciae risali à lu 237 a.C., cul casu siculo).

Per tuttu lu primu seculu cuntinua l'accrescimentu territoriali di l'impero, sottu li dinastii di li Giulio-Claudii, è di li Flavi. Sottu Traianu, cù la cunquista di la Dacia è di novi territori in urienti, l'imperu raghjungi la sua massima espansione. Sottu la dinastia di l' Antonini si ha un pariodu di paci è prosperità, sebbeni versu la fini cumincia à esseri sempri più pressanti lu cumpitu di difenderi li cunfini di l'imperu da la pressioni di li nemici esterni.

La crisi di lu Principato, avviatasi già à la morti di Marcu Aureliu, si cuncretizza nell'ascesa di Settimiu Severu (193-211) è in la riforma di l'istitutu di lu principato, urmai estraniu à li dinamichi di l'ambitu senatoriali è duminatu da quelli di l'esercitu. La monarchia milità severiana (193-235), seppuri ripesca talvolta la necessità di una legittimazioni senatoria, preludi all'avventu di lu duminatu (285-641), dopu la fasi assai dinamica di l'anarchia milità (235-285).

Dopu la dinastia di li Severi, par tuttu lu IILi seculu sarannu li leghjoni à proclamà imperatori chì spessu regnani solu par brevi pariodi è sò parennementi impegnati in li campagni militari. La crisi economica hè puru crisi ideali è si diffondi lu Cristianesimo, in parti cumbattutu è in parti tolleratu.

Cù la Tetrarchia voluta da Dioclezianu inizia la divisioni di l'imperu è vengonu sviluppati profondi riformi in lu tentativu di fissà lu status qu. ruma pardi lu so rolu di sedi imperiali à favori di mitropoli più vicini à li frontieri da difendere. Vieni fundata da Costantinu I annant'à situ di la cità di Bisanziu la "Nova ruma", Costantinopoli.

La prugrissiva aduzioni di la relighjoni cristiana (chi di cunversu si istituziunalizza à cuntattu cù lu Statu rumano, assumendoni tratti urganizzativi è certi modelli iconografici) avviata da custantinu (306-337), si cuncludi, dopu pariodi di oscillazioni trà scelti protoereticali (Costanzu II,337-361) è tentativi di restaurazioni di li culti tradiziunali, medianti l'organizzazioni di un'istituzioni ecclesiali parallela à quidda cristiana (Giulianu, 361-363), cù l'adozioni ufficiali di lu cultu cristiani (Tiudosiu I,379-395).

In lu successivu IV seculu lu cristianesimu divieni progressivamenti l'unica relighjoni è li imperatori sò custretti à accettà lu stanziamentu di li barbàin li territori di l'impero, cercendu di farni di l' alleati.

In lu V seculu l'imperu d'Orienti è quiddu d'Occidenti sò urmai stabilmenti divisi. L'imperu d'Occidenti hè ridottu quasi à la sola Italia è ruma subisci lu saccu di li Visigoti di Alaricu I in lu 410 è quiddu di li Vandali di Gensericu in lu 455. Sò urmai li ghjinerali barbàchì difendonu l'imperu è esercitani un enormi puteri, arrivendu à creà è deporri imperatori à so piacimentu. In lu 476 lu ri barbaru Odoacre deponi l'imperatori rumulu Augustu è rimanda li insegni imperiali all'imperatori d'Orienti, segnendu puru furmalmenti la fini di l'Imperu rumanu.

liami[mudificà | edità a fonte]