Paulina Bonaparte

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Paulina Bonaparte, ritrattu di François-Joseph Kinson (1808)
Paulina Bonaparte, principessa Borghese, à l'occasione di u so matrimoniu

Paulina Bonaparte era a surella minore di Nabulione Bonaparte. Paulina era a figliola di Carlu Maria Bonaparte è di Letizia Ramolino. Hè nata u 20 uttobre di u 1780 in a so casa di famiglia d'Aiacciu. Era a surella preferita è molta ligata à u so celebre fratellu. Era una donna bellissima, di grande numata per a so bellezza. In u 1793, accumpagna a so famiglia chì deve fughje a Corsica è stallà si in Marseglia. Paulina spusò in u 1797 u generale Victor Emanuel Leclerc (1772-1802), chì era un amicu di Nabulione I. Paulina accumpagnò u so maritu in una spedizione in San'Domingu. Ma Leclerc morse quà di a frebba gialla. Paulina firmò vedova in u 1802. Paulina spusò dopu, essendu stata cunsigliata da u so fratellu Nabulione, in u 1803, u principe Camillo Filippo Ludovico Borghese (1775-1832), una persunalità chì facia parte di l'antica nubiltà rumana è membru di a celebre famiglia Borghese. U fine di 'ssu matrimoniu, era, da u puntu di vista di Napulione, diplumaticu. Camillo Borghese era più anzianu è avia cinque anni di più ch'è Paulina. Li piacia à Paulina a vita di a corte è Paulina si facia purtà in bocca à spessu, per via di u so cumportamentu, chì ùn era micca cunformistu. Avia posatu nuda per Canova, chì avia fattu a celebre statua di Venere vincitrice. In 1808, Camillo Borghese fù numinatu guvernatore generale di i dipartimenti francesi aldilà di l'Alpi. Difatti, Paulina era più suvente in Parigi o Roma ch'è accantu à u so maritu.

Paulina auitò u so fratellu Nabulione, quand'ellu scappò in l'isula d'Elba, vindendu i so gioielli. È quandu nabulione fù esiliatu in Sant'Elena, pruvò ancu Paulina à righjugne lu quà.

Paulina diventò duchessa di Guastalla in u 1806 per mezu di u so fratellu Nabulione, po si cullucò à Turinu, una cità ch'è ùn amava tantu.

Morsi Paulina in Firenza, u 9 ghjugnu di u 1825, à causa di una malatta trupicale cronicach'ella avia chjappa in San'Domingu, induve ella era ghjunta, accumpagnata di u so prima maritu.

A statua di Paulina Bonaparte da Antonio Canova[mudificà | edità a fonte]

A statua di Paulina Bonaparte creata da Antonio Canova

U scultore Antonio Canova hà creatu una statua celebre di Paulina Bonaparte in 1805-1807. Paulina riprisenta quì Venere vincitrice, vistuta solu di un linzolu, chì tene una mela in a so manu manca. A statua si riferisce à i mudelli grechi è rumani classichi, ma adattati da Canova. In 'ssa riprisentazione celebre di a surella di Nabulione, l'artistu face una cumposizione d'elementi classichi è muderni. A parte classica vene da a scelta di Venere, una divinità di a mitululgia grecu-rumana. A parte muderna invece, vene da u fattu chì una persunalità alta è cunnisciuta hè riprisentata meza nuda, qualcosa chì ùn era micca cumunu à l'epica. È quessa, à l'epica, fù causa di un scandalu. Sicondu a legenda, Camillo Borghese avaria piattatu è chjusa a statua chì cusì, ùn poti più esse vista ch'è di qualchì persona. A statua si trova avà in a Galleria Borghese di Roma.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]