Misticisimu

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca

U misticisimu o a mistica (da u grecu mystikòs = misteriosu, è questu da myein = chjude, tace) hè a cuntimplazione di a diminsione di u sacru è ne cumporta una sperienza diretta, "à u di là" di u penseru logicu-discursivu è dunqua difficiulmente cumunicabile.

In l'estasi mistica l'omu si unisce cù a "Verità ultima" di a propia esistenza è di l'intera rialità.

Mistica è riligione[mudificà | edità a fonte]

L'estasi mistica si pò uttene à u terminu di un prucedimentu di prugressivu distaccu sia da a cunnuscenza sinsibule sia da quella raziunale, sinu à a perdita di l'"eiu" in u "tuttu", ma pò esse ancu raghjunta spuntaneamente, impruvisamente è senza cause apparente. L'episodi di estasi spuntanea sò l'apparizione à i semplici pasturelli cum'è i mumenti fundanti in u percorsu di un grande maestru o di una riligione.

L'anghjulu di u Signore li apparse in una fiamma di focu in mezu à un cispugliu. Ellu guardò è eccu: u cispugliu brusgiava in u focu, ma issu cispugliu ùn si cunsumava micca.
Esodiu 3:2

Si ponu distingue trè fasi di u sviluppu di una riligione. U primu stadiu hè quellu primitivu, in u quale cuntestu Levy-Bruhl parla di "participazione mistica", induve u divinu hè simplicemente prisente dapertuttu, in e piante, in i fiumi, in a terra, in u celu, in l'animali, in ogni cosa è ùn ci sò micca distinzione in a cuscenza umana. U sicondu stadiu hè u mumentu criativu, appressu una ruttura cù u statu primurdiale divene nicessaria una ricumpusizione, questu hè u mumentu criativu di una riligione in a quale l'energie sò inversiate à u sviluppu di i temi è di i miti rilativi, la mistica ùn hà micca un rolu in questa fase perchè l'energie sò didicate à a custruzione ma quandu una riligione hà raghjuntu un impiantu cunsulidatu, una diffusione è un'istituziunalizazione cu ghjerarchie è riti, in istu mumentu si sente u distaccu da u cuntattu urighjinale cù u divinu è u si ricerca dinò, per culmà u botru chì si creò. È si sviluppanu e mistiche.

In tutte e grande riligione di u mondu ci sò currente mistiche. Fundate nantu à a ricerca persunale è nantu u cuntattu direttu cù u divinu, e currente mistiche ponu appare anarchiche è in cuntrastu cù l'istituzione di e Chjese, è s'è hè vera chì ist'ultime hannu cumpiitu forme di ripressione versu i moti estrimisti o versu singuli espunenti chì esprimianu una tiulugia "eretica", hè vera ancu chì tutte e Chjese hannu elettu mistichi cum'è i massimi esempi di a propia fede.

Cum'è scrive Giordano Berti in u "Dizionario dei Mistici" (Milano 1999, p.7), "ogni riligione è in gradu di offre parechje strade mistiche, chì ponu avè toni estremi, sinu aberranti, ma chì currispundenu ovviamente à una nicessità interiore (per esempiu e pinitenze chì si sottuponghenu certi monachi medioevali, à e turture sciamaniche, à i dighjuni prulungati di l'asceti induisti è jainisti). Dunqua, a mistica pò esse à tempu un puntu di cuntattu o ancu un fattore di nettu distaccu è frà e diverse riligione propiu perchè hè rilativa à differenti bisogni spirituali, in parte innati è in parte indotti da e culture è da e tradizione lucale.

I mistichi ponu avè cumpurtamenti simplicemente anticunfurmisti o estremi, à u limite cumparabili à i disasgi mintali di la fullia. In i primi seculi di u Cristianisimu i stiliti vivianu una vita di dighjunu e di prighera, i maestri zen impartianu insignamenti cu azzione chì eranu contru ogni logica.

A mistica hà influenzatu l'alchimia in una fase priscientifica è appoi a psiculugiaCarl Gustav Jung.