Isula di Pianosa (Tuscana)

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
L'Archipelagu Tuscanu

Pianosa hè un' isula situata in u mari Tirrenu, chì faci parti di l'Arcipelagu Tuscanu in u parcu naziunali umonimu.

Storia[mudificà | edità a fonte]

A costa uccidintali di Pianosa

U nomu di l'isula si riferisci, dipoi l'Antichità classica, à a so murfulugia para: Planasia[1], da l'aghjittivu latinu planus ("paru"). Duranti u Medievu, u nomu di l'isula si trasfurmò in Planosa.[2]. L'isula fù abitata dapoi l'ebbica preistorica; i più antichi tracci di prisenza umana essendu attribuibili à u Paleuliticu supiriori. Sò stati ritruvati ancu manufatti è sipulturi di pupulazioni appartinenti à u Mesuliticu è à u Niuliticu, ebbica à a quali si data ancu l'insidiamentu attistatu annantu à u picculu isulottu dittu a Scola, ughjettu di scavu da parti di a Soprintindenza par i Bè Archiulogichi di a Tuscana, chì hà ristituitu ceramichi chì ricoddani à u prima Niuliticu à ceramica impressa. Di particulari rilivanza sò i tracci di insidiamenti di a preistoria ricenti, attribuibili rispettivamenti à l'Eneuliticu è à l'ità di u bronzu. à l'Eneuliticu o ità di u ramu (IV-III millenniu a.C.) sò datevuli i sipulturi in sapareddi naturali è artificiali scuparti à a fini di l'Ottucentu da Raffaeddu Foresi è Gaetano Chierici, cù ughjetti chì sò sempri cunsirvati in u museiu di Reggio Emilia; più ricenti hè a scuparta di un insidiamentu di a media ità di u bronzu, ughjettu di scavu da parti di a Soprintindenza par i Bè Archiulogichi di a Tuscana, chì attesta a prisenza insulari più sittintriunali di a carattaristica ceramica dicurata in stili appenninicu, liatu à i stradi cummirciali tirrenichi di a mità di u sicondu millenniu a.C.

In ebbica rumana l'isula era chjamata Planasia par a so cunfurmazioni para. Locu di dipurtazioni, ci fù esiliatu in u 6-7 d.C. Agrippa Postumo, nipoti è exi eredi di Augusto. Agrippa firmeti annantu à l'isula finu à u 14, annu ind'eddu fù ghjustiziatu. Frà i custruzzioni d'ebbica antica sò visibuli, frà l'altri, i ruderi di una villa rumana è un sistemu di catacombi scavatu annantu à dui liveddi. A villa rumana, parzialamenti cunsirvata, hè cunnisciuta par appuntu cù u nomu di Villa di Agrippa o Bagni di Agrippa, da u nomu di u nipoti di Augusto. U stili architittonicu è i tecnichi di custruzzioni sughjiriscini effittivamenti chì a villa sii stata edificata annantu à a fini di u I seculu a.C. è abbandunata in u corsu di u I seculu d.C. Attualmenti hè pussibuli visità u tiatru è u peristiliu. I strutturi funi edificati annantu à u pianu rucciosu di un trattu di a costa uriintali, di fronti à u mari, incù scopu chjaramenti scenugraficu. À i peda di a villa si trovani in mari i strutturi mezi summersi di a piscaria, induva si addivavani spezii apprizziati di pesciu par u cunsumu di u dominus. Altri strutturi rilativi à i piscarii si trovani rinchjusi indrentu à u picculu portu mudernu.

Parechji ghjacimenti archiulogichi subacquei tistimunieghjani chì Pianosa si truvava insirita in i stradi cummirciali di u mari Tarraniu rumanu, com'è di u restu l'altri isuli di l'Arcipelagu Tuscanu, chì custituiscìani un' impurtanti crucivia in a navigazioni di i sittori uccidintali di a grandi "via d'acqua". Attualmenti sò stati idantificati dui di sti ghjacimenti, dinuminati Pianosa 1 è Pianosa 2. U ghjacimentu Pianosa 2 hè statu scupartu da subacquei spurtivi, frà u Portu Rumanu è u Scogliu di a Scarpa, in a parti nordu-punenti di l'isula è hè carattarizatu da anfuri uliarii Dressel 20, di pruduzzioni spagnola (I-III seculu d.C.). Assà più notu è studiatu di manera sistematica da a Soprintindenza par i Bè Archiulogichi di a Tuscana hè u ghjacimentu Pianosa 1, postu di fronti à u Scogliu di a Scola, in a parti à livanti di l'isula, à 36 metri di prufundità annantu à fundali paru, frà pratarii di fulasca. U ghjacimentu hè carattarizatu da più di centu anfuri à vista cumprindenti Dressel 1, Dressel 2-4 di pruduzzioni ispanica (nittamenti privalenti), Dressel 20, Pascual 1, Beltran 2 B è anfuri africani. Hè difficiuli à stabiliscia, par avà, a natura di u ghjacimentu (relittu, relitti parechji, scaricu di portu?), annantu à u quali i ricerchi sò sempri in corsu. D'uttrovi 2006 u ghjacimentu hè statu ughjettu di ricerchi spirimintali.

In u Medievu l'isula fù à longu disputata trà Pisa è Genuva è infini, in u 1399 passò sottu u duminiu di Piumbinu. L'isula fù parechji volti pupulata è dopu cumplittamenti abbandunata.

Ci funi in i seculi siguenti picculi culonii di elbani, chì si rifughjavani annantu à l'isula duranti i periodi di pesca, è a prisenza di parechji presidii militari.

Vista di u purtichju di u paesi incù in prima pianu u Palazzu di a Specola

A prighjò[mudificà | edità a fonte]

In u 1856 fù istituita da u Granducatu di Tuscana a culonia penali agricula di Pianosa è funi inviati annantu à l'isula i cundannati distinati à accupà si di i travagli in i campi.

A prighjò firmò in attività duranti l'ebbica fascista è ci fù ditinutu in u 1932 ancu u futuru prisidenti di a Ripublica Sandro Pertini, incarciaratu par mutivi pulitichi.

In u 1968 fù trasfurmatu in penitinziariu di massima sicurezza è a rimanenti pupulazioni di l'isula fù evacuata. In a struttura vulsuta da u generali Carlu Alberto Da a Ghjesgia funi cunfinati inizialamenti appartinenti à urganisazioni tarruristichi è in seguitu priculosi membri di i mafii. Trà l'altri, ci funi rinchjusi parsunaghji com'è Francis Turatello, Pasquale Barra è Rinatu Curcio.


U parcu[mudificà | edità a fonte]

L'isula faci parti di u Parcu Naziunali di l'arcipelagu Tuscanu. Un'associu ni pruteghji l'aspettu è a zona marina fendu ni un locu piacevuli par sughjorni è viaghji. Sò difesi in tutta a so zona marittima, a pesca, l'immirsioni, l'ancuramentu, l'accessu è a navigazioni s'eddi ùn sò micca sottu autorisazioni spicifica. A visita diurna è vidata à l'isula hè pussibuli da aprili à uttrovi in gruppi, incù imbarcu da Marina di Campu, annantu à l'isula d'Elba. In u 2009 hè statu stallatu un radaru hi tech incù un ampiu puteri di cuntrollu chì pò righjunghja ancu i costi di a Corsica è idantificà ancu picculi imbarcazioni par a prutizzioni di u parcu[3].

Ambienti[mudificà | edità a fonte]

Di diminsioni medii (10,3 km²) rispettu à l'altri isuli di l'arcipelagu, si trova circa 13 km à sudu-punenti di l'isula d'Elba, à a quali hè culligata duranti a staghjoni turistica incù sirvizii rigulari di navigazioni. Inclusa in a pruvincia di Livornu è amministrata da a cumuna di Campu in l'Elba, Pianosa, com'eddu dici u probbiu nomu, hè l'unica isula di l'arcipelagu priva d'alturi è glubalamenti para (u puntu più altu righjunghji i 29 metri). L'isula, di forma vagamenti triangulari, alterna tratti di costa rucciosa è tratti rinosi, u principali di i quali essendu Cala San Ghjuvanni (o Cala Ghjuvanna), bedda spiaghja di rena bianca induva sò visibuli ancu i ruderi di una villa rumana. U so tarritoriu hè in parti fattu à machja è in parti cultivatu à vigna è alivi.

Endemisimi[mudificà | edità a fonte]

  • Limonium planesiae (Limoniu di Pianosa)
  • Podarcis muralis ssp. insulanica (Aciartula di Pianosa)
  • Podarcis muralis ssp. muellerlorenzi (Aciartula di a Scola)

Clima[mudificà | edità a fonte]

Una vista di Pianosa incù u Marzocco in prima pianu è l'isulottu di a Scola annantu à u fondu

U clima di l'isula, com'è l'altri isuli miridiunali di l'Arcipelagu Tuscanu, hè carattarizatu da valori di tampiraturi medii più alti, sii staghjunali chì annuali, è da un apportu moltu limitatu precipitativu, incù avvinimenti meteurichi cuncintrati soprattuttu trà vaghjimu è inguernu sippuri in modu spessu spuradicu è limitatu. Annantu à l'isula a tampiratura media di ghjinnaghju hè di +10,9 °C, quidda media di lugliu hè di +24,2 °C, mentri a tampiratura media annua di +16,8 °C hè a più elevata trà tutti quiddi misurati in u tarritoriu di a Tuscana da stazioni meteurulogichi. Inoltri, u valori di i pricipitazioni medii annui intornu à i 400 mm facini di l'isula u locu più sicchinosi di a rigioni è trà i più sicchinosi d'Italia.

Archititturi[mudificà | edità a fonte]


Da veda dinò[mudificà | edità a fonte]

Noti[mudificà | edità a fonte]

  1. Gaiu Pliniu Sicondu, Naturalis Historia, III, 81.
  2. Archiviu Storicu Diocesano di Pisa, Diplumaticu arciviscuvali, pergamena n. 2780, annu 1137.
  3. Pianosa accendi u "Grandi Ochji" è u mari diventa trasparenti - Currieri di a Sera


Fonti[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia in talianu.

Liami[mudificà | edità a fonte]