Idra di Lerna

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Erculu è l'Idra di Lerna, oliu annantu à tela di Gustave Moreau, 1876, Chicago, Art Institute. Antoniu di u Puddaiolu, Erculu è l'idra

In a mitulugia greca l'Idra di Lerna o Idra hè un mostru incù novi testi à forma di sarpi, natu da Tifonu è Echidna, com'è Cerbaru, Ortru è a Chimera. Vivia incù u mostru Carcinu.

Discrizzioni[mudificà | edità a fonte]

L'Idra di Lerna avia novi testi di sarpi, di i quali a cintrali era immurtali. Eppuri, sicondu altri virsioni n'avia 50 ed erani tutti d'oru. U corpu era di un dragonu ghjigantescu è senza ali, ancu s'è parechji li attribuiscìani un corpu di ghjacaru. Qualsiasi testa fussi tagliata, subitu ni rispuntavani dui. U sangui è u fiatu di l'Idra erani vilenu murtali.

Storia[mudificà | edità a fonte]

U mitu narra chì l'Idra, chì vivia in i circonda di Lerna, fù uccisa da Erculu duranti u sicondu di i so lavori. L'eroi truvò l'orrenda bestia mentri dighjiria u so pastu in a caverna è li tagliò tutti i testi. Par ùn cada preda di u so fiatu trimendu Erculu trattensi u rispiru. Scuprì parò chì da u muzziconu di ogni testa tagliata ni spuntavani istantaniamenti altri dui. Ebbi cusì un'alluminazioni, è chersi aiutu à u nipoti Iolau: mentri Erculu tagliava i testi, Iolau dava focu à u sangui di a ferita, cicatrizendu la in modu chì i testi ùn pudissini micca ricrescia. L'ultima testa eppuri era immurtali è ùn sirvì nemmenu u so novu stratagemma. Tandu sippidditi a testa è u corpu sottu una massa enorma. Erculu bagnò a punta di i frezzi in u sangui di l'idra, altamenti vilanosu, par renda i firiti inflitti da eddi invaribili. Un'accidintali puntura incù una di tali frezzi pruvucò atroci suffrenzi à Chironu, centauru amicu è insignanti di Erculu, chì essendu immurtali ùn pudia micca mora è, par dà fini à u turmentu, dunò a so probbia immurtalità à Prumeteu.

In u medievu[mudificà | edità a fonte]

Un'idra

In a zuulogia mitulogica medievali, u tarmini Idra sta à indicà un dragonu ghjinericu incù molti testi. In i bistiarii mediivali esisti l'Hydrus, varianti di l'Idra. Quiddu hè u numicu par antunumasia di u cuccudrillu, da u quali si faci inghjotta par dopu lacirà ni u stintinu. Erasmu da Rotterdam in i so Adagia paraguneghja a guerra à l'Idra di Lerna. «Quinetiam bellum è bellu siritur, è simulatu verum, è pusillu maximum exuritur, nequi raru solet in his accidere qod di Lernaeo monstro fabulis pruditum est». (È postu ch'è a guerra inghjinareghja a guerra, da guerra finta nasci guerra vera, da guerra chjuca nasci guerra grandi, è ùn accadi micca di radu ciò ch'eddu si conta in u mitu di u mostru di Lerna).

Da veda[mudificà | edità a fonte]