Icaru

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Dedalu è Icaru, opara di Lord Frederic Leighton.

In a mitulugia greca Icaru (Icarus in latinu, Ίκαρος in grecu, Vicare in etruscu) era figliu di l'invintori Dedalu è di Naucrati, una schiava di Minossu. In l'isula di Creta u rè Minossu avia chertu à Dedalu di custruiscia u labirintu par u Minotauru. Avendu lu custruitu, è cusì cunniscendu ni a struttura, à Dedalu è u so figliu fù preclusa ogni via di fuga da Creta da parti di Minossu, postu ch'è timia chì ni fussini svilati i sicreti è funi rinchjusi in u labirintu (in tuttu st'ultimu periodu ci manca a fonti: Apollodoru in u sicondu seculu a.C. susteni chì Dedalu fù rinchjusu in u labirintu parchì Minossu u cunsidareghja rispunsevuli di a "riescita" di Teseiu, fughjitu da u Labirintu grazia à l'espedienti di u ghjummeddu chì Dedalu stessu avia sughjiritu. Ùn ci sò altri fonti in l'antichità chì cullocani Dedalu è Ìcaru imprighjunati in u Labirintu. Ovidiu in i Mitamurfosi ùn a faci, Diodoru Siculu nemmenu). Par scappà, Dedalu custruì l'ali incù i penni è l'attaccò à i so corpi incù a cera. Malgradu l'avvirtimenti di u patri di ùn bulà troppu altu, Icaru si feci piglià da l'ebbrezza di u bulu è s'avvicinò troppu à u soli (in a mitulugia Febo); u calori fusi a cera, fendu lu cada in u mari induva murì. U patri ghjunghjì sanu è salvu in Sicilia ind'eddu custruì un tempiu didicatu à Apollu, in mimoria di u figliu. U corpu di Icaru ùn poti essa ricuparatu, incù a cunsiguenti impussibilità par a so anima di acceda in u regnu di Adi.

Da veda[mudificà | edità a fonte]