Egeiu

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
Kylix attica incù Egeiu chì cunsulta l'oraculu di a Pizia, pusendu annantu à u tripodi delficu

Egeiu (grecu: Αἰγεύς (Aigeus), latinu: AEgeius), figliu di Pandioni, fù un rè miticu di Atena, patri di Teseiu. À a morti di Pandioni, Egeiu è i so frateddi presini u cuntrollu di Atena da Metioni, chì a so volta avia strappatu u tronu à Pandioni. Tandu eddi divisini u guvernu in quattru ma Egeiu divintò rè. A so prima moglia fù Meta è a siconda fù Calciopi. Sempri senza un eredi masciu, Egeiu chersi cunsigliu à l'oraculu di Delfi. I so criptichi paroli funi: "Teni chjusu u to otru di vinu finch'è ùn avarè righjuntu u puntu più altu di a cità di Atena, altrimenti un ghjornu ni murarè di dulori". Egeiu si ricò à Trezeni induva incuntrò Etra, figlia di u rè di Trezeni Pitteu. Pitteu cumpresi a prufezia è prisintò Egeiu à a figlia Etra dopu avè lu fattu imbriacà. I dui ebbini un rapportu è cusì, in certi virsioni, Etra si ghjittò in mari à Poros è feci sessu incù Puseidonu. Quandu firmò incinta, Egeiu dicisi di vultà à Atena. Prima di parta, nascosi i so calzari, u scudu è a spada sottu una roccia, è dissi à Etra chì quandu u so figliu saristi crisciutu, avaristi divutu spustà a petra è ripurtà à daretu l'armi. À u so ritornu à Atena, Egeiu spusò Medea chì era fughjita da Corintu è da l'ira di i so abitanti. Egeiu è Medea ebbini un figliu di nomu Medu. À Trezeni, Teseiu crisciti è divintò un ghjovanu curaghjosu. Riiscì à spustà a roccia è à ricuparà l'armi di u patri. A so matri li dissi cusì a virità annantu à quali fù u so patri è annantu à com'è avaristi divutu ripurtà li l'armi. Teseiu dicisi di andà à Atena è duviti sceglia si ci andava par mari, chì era a via più sicura, o par terra, suvitendu un parcorsu priculosu, infistatu da latri è banditi. Ghjovanu, curaghjosu è ambiziosu, Teseiu dicisi di andà à Atena par a via di terra. Quandu Teseiu arrivò, ùn svilò a so vera idantità. Fù accoltu da Egeiu, chì era suspittosu di u stranieri ghjuntu à Atena. Medea circò di fà chì Egeiu uccidissi Teseiu chirendu li di catturà u toru di Maratona, ma Teseiu riiscì in l'impresa. Medea tentò tandu di avvilanà lu, ma à l'ultimu istanti, Egeiu ricunniscì i calzari, u scudu è a spada è strappò u calici di vinu da a manu di Teseiu. Patri è figliu si erani riuniti. Mentri ch'eddu visitava Atena, Androgeu, figliolu di u rè Minossu, riiscì duranti una festa à batta à Egeiu in ogni cumpetizioni. Egeiu, ghjilosu, l'uccisi. Minossu infuriatu dichjarò a guerra à Atena. Uffrì quantunqua a paci à l'atinesi, à pattu chì quisti inviessini ogni annu à Creta setti ghjovani omini è setti ghjovani donni, da offra in sacrifiziu à u Minotauru. Quissa andò dopu finu à quandu Teseiu uccisi u Minotauru incù l'aiutu di Arianna, figlia di Minossu. Egeiu avia dittu à Teseiu, prima ch'eddu partissi, di issà i veli bianchi à a partenza da Creta, s'eddu avissi risciutu à scunfighja u Minotauru. Teseiu si sminticò (deliberatamenti sicondu certi virsioni) è Egeiu si ghjittò in mari quandu vidì i veli neri avvicinà si à Atena, in l'errata cunvinzioni chì u so figliu fussi statu uccisu, cumpiendu cusì a prufezia. Par via di cunsiquenza, u mari in u quali si ghjittò divintò notu com'è Mar' Egeiu. À i pendici suduccidintali di l'acropoli di Atena surghjia un picculu santuariu (di u quali rimanini solu scarsissimi tracci) didicatu à Egeiu.

Da veda[mudificà | edità a fonte]